domenica 11 novembre 2012

Nuove-vecchie leggi littoriali e manovre tattiche in corso in parlatorio – “Ucci ucci sento odor di cristianucci..!”


Interrogarsi

Lettura interessante al baretto di Treia. La giornata è uggiosa e fa pure un po’ freschetto, fuori in piazza un centinaio di ciclisti in tenuta sportiva alla moda, si contendono qualche premio, però fanno avanti e indrè al baretto a bere cappuccini, caffè, succhi.. ed a mangiare brioches. Come si dice brioches in latino? Esistevano le brioches a quei tempi beati?

Però qualcosa di simile ci sarà stato, me lo son chiesto scoprendo l’invito del monsignor Ravasi: “…vescovi, imparate a parlare in latino..”. Insomma pare che il latino sia talmente in disuso che pochi vescovi sanno leggerlo e scriverlo. Il latino soppiantato dal tedesco, dall’ebraico o dall’inglese? Poco importa quale sia la nuova tendenza vescovile l’importante è “recuperare le proprie origini -dice saggiamente il Ravasi- poiché tutta la storia della chiesa è scritta in questa lingua, la lingua ufficiale della chiesa cattolica e romana”.


Sotto sotto si intuisce che c’è una fronda… in corso, si intuisce pure che l’affaire Paoletto (il Corvo) è lungi dall’essere risolto… spuntano nomi di alti prelati coinvolti o prosciolti (prosciolti se aiutano le indagini, come d’uopo nella gestapo vaticana).


Nel frattempo a livello politico nazionale i partiti filo vaticani danno del filo da torcere al laico Bersani. Tutta colpa del premio di maggioranza e dei listini bloccati nella nuova legge elettorale (già vecchia come il cucco, anzi proto fascista). 

Ucci ucci sento odor di cristianucci che avanzano.. ce lo fa capire l’uscita del monti mario, ecclesiastico mancato ma bancario eccellente, il quale afferma: “se serve, dopo le elezioni, posso continuare con il mio governo”. Come dire una maggioranza con questa nuova legge elettorale non ci sarà mai, meglio continuare così come stiamo. 

Mi ricorda qualcuno che disse: “Dio me l’ha data (la corona) e guai a chi me la tocca!”

Sorseggio il cappuccino bollente e leggo pagine su pagine sulle proteste dei grillini fuoriusciti o ribelli contro il Grillo, insomma dopo la gogna a Di Pietro le ire mediatiche si rovesciano sul capo irsuto del comico genovese. Genova è “off limits” (causa ciclone incombente?).



Interrogativi aggiunti:


Perché stiamo diventando sempre più poveri? Perché siamo governati da un individuo non eletto o nominato da altri (non eletti di nuovo, per tassarci e versare il nostro denaro o valore equivalente direttamente nelle casse dei banchieri internazionali privati? Perché anche l’Italia ha ceduto ogni sovranità nazionale ad un gruppo di potere europeo privato? E quindi perché questa bancarotta pianificata a tavolino di tutte le economie occidentali, viene fatta col nostro consenso, di cui apparentemente non sappiamo nulla?

Perché la città è vuota? 

I giovani ammosciati?
Gli anziani istupiditi?
I mezz'età arroccati nel terrore di perdere le proprie, ultime, definitive, mediocrità?



Paolo D’Arpini

2 commenti:

  1. CARO PAOLO...LE COSE VANNO PROPRIO COSì....L'ATTACCO A DI PIETRO è FUNZIONALE.IL PERSONAGGIO, CREATO PER FARE MANI PULITE, NON SERVE PIU'.L'ATTACCO A GRILLO è FUNZIONALE, PER DIMINUIRNE IL CARISMA. IL PREMIO DI MAGGIORANZA è STRAFUNZIONALE. Perchè si dice che altrimenti non si governa...salvo fare accordi sottobanco per OTTENERE CON COALIZIONI ANTIPOLITICHE QUESTA STRAMALEDETTA MAGGIORANZA. MA LE COALIZIONI GENERANO CONFLITTI PER LE ATTRIBUZIONI DEI POSTI DI GOVERNO. E LA CHIESA, CHE NON ha BISOGNO DI MAGGIORANZE ( perchè nel conclave si sa sempre chi deve essere fatto papa)PRETENDE L'USO DEL LATINO...HA CAPITO CHE LA DEMOCRATIZZAZIONE DELL'INFORMAZIONE è NOCIVA.GV

    RispondiElimina
  2. CARO PAOLO...LE COSE VANNO PROPRIO COSì....L'AQTTACCO A DI PIETRO è FUNZIONALE. IL PERSONAGGIO NON SERVE PIU'. IL PREMIO DI MAGGIORANZA è STRAFUNZIONALE. perchè si dice che altrimenti non si governa...salvo fare accordi sottobanco per OTTENERE CON COALIZIONI QUESTA STRAMALEDETTA MAGGIORANZA. MA LE COALIZIONI GENERANO CONFLITTI. E LA CHIESA, CHE NON ha BISOGNO DI MAGGIORANZE ( perchè nel conclave si sa sempre chi deve essere fatto papa)PRETENDE L'USO DEL LATINO...HA CAPITO CHE LA DEMOCRATIZZAZIONE DELL'INFORMAZIONE è NOCIVA.GV

    RispondiElimina