mercoledì 5 agosto 2020

Beirut. Il nitrato d'ammonio e la manina di sion

L'immagine può contenere: il seguente testo "A poche ore dalla devastante esplosione di Beirut, oltre 100 morti e 4.000 feriti, l'esercito israeliano rilascia dichiarazione di estraneità... doppia gaffe... 1) "excusatio non petita accusatio manifesta" 2) 'Stavolta non c'entriamo', è come dire 'Ammettiamo che tutti gli altri crimini in M.O. sono stati opera nostra'. Scoppio del deposito esplosivi' Beirut Recente bombardamento israeliano in Siria terroferrarese"
Esplosione a Beirut, premier Libano: “responsabili saranno puniti ...

Potrebbe esserci la mano di Israele dietro le due esplosioni avvenute  nella zona portuale della capitale libanese. Lo riferiscono fonti di Hezbollah.
Le due esplosioni che il  pomeriggio del 4 agosto 2020 hanno devastato Beirut potrebbero essere il frutto di un piano di sabotaggio di Israele. Lo riporta l'agenzia italiana Adnkronos citando fonti di Hezbollah. 
Il partito sciita del Libano ritiene possibile una responsabilità israeliana nelle potenti deflagrazioni esplose nel deposito 12 del porto della città. 
Dal canto suo Israele, poco dopo l'incidente, ha offerto aiuto umanitario ed assistenza medica al Libano. In un tweet delle Forze Armate si legge l'invito a "trascendere il conflitto", con riferimento alla tensione permanente fra i due paesi dopo il conflitto armato del 2006. 
​Nella versione ufficiale sarebbero esplose a causa di un incendio 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio, sequestrato un anno fa ad una nave e depositato nel magazzino. La più violenta deflagrazione ha causato un'onda d'urto per circa 10 chilometri, che ha distrutto molti palazzi nei pressi del deposito. Secondo le stime del ministero della Salute ci sarebbero circa 100 morti e oltre 3.000 feriti.  
Mappa area interessata
...................................
Commento di Marinella Correggia: Paolo, dobbiamo riflettere sul fatto che la tragedia a Beirut ha avuto come base il nitrato di ammonio che è al tempo stesso un fertilizzante x agricoltura chimica e un esplosivo... del resto bellica è stata l'origine dei fertilizzanti. E pensa che ai.pesticidi ed erbicidi...l 'agente.orange... Niente da fare, solo dai vegetali al naturale verra' la salvezza dell'umanità...”

sabato 1 agosto 2020

Bernardino Del Boca e l'informazione negata

Conte Bernardino del Boca di Villaregia | il terzo orecchio | Pagina 7
L’antropologo-teosofo Bernardino del Boca scriveva spesso ai giornalisti verità scomode (e invitava amici e conoscenti a fare altrettanto). Per chi l’ha conosciuto è facile pensare che questa risposta di un giornalista  che lui cita nel suo libro “La Dimensione Umana” del 1971  sia stata  suggerita da lui: “Ad una lettrice delle rivista Epoca (n. 61 23 febbraio 1969) che chiedeva da che cosa è nata tutta questa contestazione dei giovani, il direttore ha dato questa coraggiosa risposta: “Non è venuta fuori dal nulla e nemmeno dai noiosissimi libri di Marcuse, ma dallo squallore  in mezzo al quale viviamo. E’ venuta fuori dalla miseria spirituale e dagli intrallazzi. E’ venuta fuori da tutti i grandi ladri che appaiono ogni giorno alla televisione in Italia e nel mondo, dai nuovi mercanti di schiavi, dall’ipocrisia che siede in trono, dalla furbizia mostrata come una scienza. E’ venuta fuori da tutti i bugiardi che ci fanno rintronare le orecchie con le loro orazioni in pro del bene e della giustizia e che poi corrono nelle sedi dei partiti a distribuire ducati ai loro tirapiedi. E’ venuta fuori dal cinismo di tutti gli uomini politici che tutto comprano e tutto vendono. E’ venuta fuori dalla mancanza di buoni esempi e dalla sovrabbondanza di loschi traffici. E’ venuta fuori dalla più assoluta mancanza di grazia negli uomini che comandano il mondo, e dalla loro mancanza di coraggio, di buona volontà, di fede nella vita, di carica spirituale. E’ venuta fuori da tutte queste bruttezze per cercare la bellezza. Poi è caduta nell’intolleranza, certe volte nel teppismo, spesso nel rifiuto di ogni pietà. Forse era inevitabile. Ma  incredibile che i dirigenti del mondo non abbiano fatto nulla per capire”.   Da  http://www.teosofia-bernardino-del-boca.it/categorie/giovani-nuovo-piano-coscienza/
Sono trascorsi  da allora oltre cinquant’anni   ma, come è scritto nella presentazione dell’evento seguente: Mai come oggi la libertà di espressione e di manifestazione del pensiero sono state così a rischio. Con il pretesto dell’emergenza #Coronavirus l’intolleranza per la libertà di opinione e informazione ha raggiunto preoccupanti livelli di guardia”…..

Coronavirus: l’informazione negata     https://www.facebook.com/saracunial.camera/videos/788915745187655/
CONFERENZA STAMPA alla CAMERA dei DEPUTATI con:
Margherita #Furlan, giornalista, co-fondatrice di Pandora TV
Marco Pizzuti, ricercatore e scrittore
Fulvio #Grimaldi, giornalista
Fabio #Duranti, editore di Radio Radio
Claudio #Messora, editore #ByoBlu
Massimo #Mazzucco, fondatore Contro TV

Paola Botta Beltramo
Bernardino del Boca: un teosofo per il nuovo umanesimo

Il governo mantiene il segreto sul “virus”, per questioni di “ordine pubblico”, relativamente alla proroga dello stato d'emergenza pro Covid-19 sino al 15 ottobre 2020


Coronavirus, le ultime notizie in Italia - la Repubblica

L'ultimo atto dell'ambiguo governo Conte è stato d'appellarsi al Consiglio di Stato per la sentenza del TAR che ordinava di rendere pubblici i documenti del "Comitato scientifico" per il Covid-19 della Protezione Civile (relativamente alla proroga dello stato d'emergenza pro Covid-19, sino al 15 ottobre 2020). A quanto emerso dagli organi di stampa l'Avvocatura dello Stato avrebbe argomentato l'appello nel senso che "la pubblicità degli atti pone a rischio l'ordine pubblico e la sicurezza nazionale". 

Un'ammissione d'inaudita gravità in cui questi malfattori ammettono pubblicamente che lo stato di emergenza, la soppressione di diritti e libertà fondamentali sarebbero stati imposti sulla base di finalità del tutto estranee alla prevenzione e diffusione del contagio. Altrimenti perché esigere la segretezza di tutto quanto, che oltretutto gli permette di prorogare fino a metà ottobre lo stato d'emergenza sospendendo di fatto la Costituzione? Perché temere disordini pubblici? 

Che senso avrebbe evocare necessità di sicurezza nazionale? Quali manovre e atti di sottomissione questo indecente governo giallo-fucsia, nemico aperto dei cittadini italiani, ha combinato con altri Stati? Domande a cui sarebbe chiamato a dare immediata risposta il presidente della Repubblica Mattarella, ma visto il suo ruolo di  garante dello Stato non oltrepasseranno mai il perimetro del suo ambito istituzionale.

Paolo Sensini



Articoli collegati:



venerdì 31 luglio 2020

"No al terrorismo sanitario ed alla proroga dell'emergenza pro Coronavirus" - 1 agosto 2020 giornata di protesta virtuale


Coronavirus, stato d'emergenza fino al 15/10: ok al Senato. Conte ...

NO ALLA PROROGA DELLO STATO D’EMERGENZA SABATO 1 AGOSTO 2020 PROTESTA SUI SOCIAL NETWORK E IN RETE 

Sebbene non ci siano evidenze cliniche né scientifiche a supporto, si continua con la proroga dello stato di emergenza fino al 15 ottobre 2020, con poca chiarezza sui protocolli da adottare.

Il terrorismo sanitario continua a essere utilizzato come uno strumento ordinario di governo. Palazzo Chigi ha deciso di prorogare una condizione di privazione e limitazione dei diritti con la scusa della “circolazione del virus”: un evidente pretesto per continuare a mantenere poteri eccezionali, per sovvertire l’ordine costituzionale e impedire manifestazioni e proteste di piazza già previste per il prossimo autunno. 

Gli aderenti al Patto Julian Assange (redazionehs@gmail.com) sono contrari ad accettare che la tutela della salute sia utilizzata come un alibi per imporre limitazioni dei diritti sociali e civili, sottoponendo i cittadini a restrizioni sempre più invasive della libertà e della privacy o ad accettare misure indegne di un Paese che si dice democratico. 

Per questo invitiamo chiunque condivida questa denuncia a prendere parte attiva, sabato 1 agosto 2020, a una giornata di protesta sui Social Network e sul Web per dire no alla proroga dello Stato d’emergenza.

Con preghiera  di darne la massima divulgazione nei Social, via WhatsApp, Blog, etc...

Conte proroga lo stato d'emergenza al 15 ottobre: "Non significa ...




Articoli collegati: 




Cambiare il mondo con un virus | Bye Bye Uncle Sam


Consiglio caldamente la lettura del libro “Cambiare il mondo con un virus” http://retedellereti.blogspot.com/2020/04/cambiare-il-mondo-con-un-virus.html - Il libro annovera voci di scienziati, osservatori, pensatori liberi, che non si piegano alla terrificante manipolazione in atto. Riporta dati che smentiscono l’alluvione di propaganda intimidatrice cui ci sottopone il complesso scientifico-mediatico che si è completamente messo sotto i piedi la politica...

Paolo D'Arpini 



 

giovedì 30 luglio 2020

Coronavirus - L'altro punto di vista sanitario, epidemiologico, giuridico e dell’informazione


Le ultime news sul coronavirus
  
Dall’inizio della cosiddetta emergenza Coronavirus numerosi scienziati hanno evidenziato una serie di criticità sotto il profilo medico-scientifico, epidemiologico e giuridico. Approcci diagnostici sbagliati, cure inappropriate, misure di contenimento del contagio e di sicurezza scriteriate, in vigore ancora oggi. A fronte di studi incompleti, errati e spesso in odore di conflitto d’interessi, sono stati calpestati i diritti dei cittadini tutelati dalla Costituzione italiana e in sede internazionale

Chi denuncia viene zittito, diffamato e censurato. Mai come oggi la libertà di espressione e di manifestazione del pensiero sono state così a rischio. La democrazia e il nostro Parlamento sono umiliati da multinazionali stranierecome Youtube e Facebook, che si permettono di calpestare le leggi e la Costituzione italiana, censurando autorevoli professionisti e oscurando da un giorno all’altro, con motivazioni false e diffamatorie, video, canali di concessionari pubblici e testate giornalistiche. Intanto il nostro governo costituisce task force per portare avanti quella caccia alla fake news assolutamente incompatibile coi requisiti minimi di una qualsiasi democrazia. 

Proprio come nel regime nazista, in cui c’era un Ministero dedicato a controllare le espressioni culturali del Paese, anche nell’Italia del 2020 si sono istituite squadre ad hoc, per esaminare e distruggere fatti e opinioni. Per questo ho voluto organizzare queste tre conferenze stampa, a cui ne seguiranno molte altre, nelle quali dar voce a professionisti, scienziati ed esperti ad oggi inascoltati dalle Istituzioni e screditati dalle stesse. 

È tempo che, anche in Italia, quella scienza prona all’interesse e al soldo di lobby e multinazionali sia finalmente smascherata e lasci spazio a tutti coloro che invece portano avanti il loro lavoro, con dignità e professionalità, onestà intellettuale e amore per il nostro Paese.

Sara Cunial 

5G ▷ Sara Cunial contro tutti alla Camera: "Il popolo non lo vuole!"
Deputata del Gruppo Misto alla Camera

Di tutto questo se ne è  parlato  in tre conferenze stampa, il 28, 29 e 30 luglio 2020,  presso la Sala stampa della Camera dei Deputati, in Via della Missione n. 4, Roma, nella più inqualificabile omissione di servizio pubblico televisivo da parte della RAI

Non mancare le dirette su https://webtv.camera.it/conferenze_stampa



Commento di  Terra Nuova: “Stato di emergenza prorogato al 15 ottobre 2020: scontri, critiche e mobilitazioni. In un clima di deciso scontro è arrivato il sì del Senato alla risoluzione di maggioranza che "ratifica" la decisione del governo di prorogare lo stato di emergenza per il paese; decisione che sarà ufficializzata oggi in Consiglio dei Ministri. Forti critiche dalle opposizioni e mobilitazione di diversi comitati contrari alla decisione.”

Integrazione di Valentina Rondine 🔴 erano 3 astenuti e i 34 assenti al voto per la proroga dello stato di emergenza che di fatto hanno permesso che la proroga fosse approvata al Senato:

- Bonino Emma (Più Europa con Emma Bonino)
- Durnwalder Meinhard (Südtiroler Volkspartei - Partito Autonomista Trentino Tirolese)
- Richetti Matteo (Misto ex PD)

Gli assenti per la precisione sono 33 perché il 34° voto mancante è della ALBERTI CASELLATI Maria Elisabetta, in quanto Presidente del Senato, che per consuetudine non vota mai.

Dei 33 assenti, 23 assenti senza motivo e 11 assenti perché in missione:
Barboni Antonio (Forza Italia)
Battistoni Francesco (Forza Italia)
Caligiuri Fulvia Michela (Forza Italia)
Causin Andrea (Forza Italia)
Galliani Adriano (Forza Italia)
Ghedini Niccolo' (Forza Italia)
Lonardo Alessandrina (Forza Italia…è la moglie di Clemente Mastella!)
Mangialavori Giuseppe Tommaso Vincenzo (Forza Italia)
Schifani Renato (Forza Italia)
Sciascia Salvatore (Forza Italia)
Vitali Luigi (Forza Italia)
Alderisi Francesca (Forza Italia) assente in missione
Berardi Roberto (Forza Italia) assente in missione
De Bonis Saverio (Misto ex M5S)
Di Marzio Luigi (Misto ex M5S)
Fattori Elena (Misto ex M5S)
Giarrusso Mario Michele (Misto ex M5S)
Romani Paolo (Misto ex Forza Italia)
Cerno Tommaso (Misto ex PD) assente in missione
De Petris Loredana (Misto Liberi e Uguali) assente in missione
Merlo Ricardo Antonio (Misto MAIE) assente in missione
Bonifazi Francesco (Italia Viva)
Renzi Matteo (Italia Viva)
Magorno Ernesto (Italia Viva)
Piano Renzo (Senatore a vita)
Rubbia Carlo (Senatore a vita)
Cattaneo Elena (Senatrice a vita) assente in missione
Napolitano Giorgio (Senatore a vita) assente in missione
Segre Liliana (Senatrice a vita) assente in missione
Barbaro Claudio (Lega-Salvini Premier)
Bossi Umberto (Lega-Salvini Premier) assente in missione
Balboni Alberto (Fratelli d’Italia)
D'Arienzo Vincenzo (PD) assente in missione

Mario Monti e Pierferdinando Casini hanno votato a favore della proroga dello stato di emergenza.


Articoli collegati: 





mercoledì 29 luglio 2020

Vaccinazione antinfluenzale obbligatoria o TSO...?


Obbligo dei vaccini antinfluenzali? Anche il Comitato tecnico ...

Il 28 luglio 2020 su Radio3 Scienza - ore 11.30: "Prima del rientro a scuola TUTTI gli studenti (dai tre anni al liceo) vanno sottoposti al vaccino anti-influenzale" (vedi nota sottostante di Andrea Crisanti). Questo in base alla strampalata teoria - smentita dalla comunità scientifica oltre che dalla logica - secondo la quale, con la vaccinazione, ogni eventuale residuo sintomo influenzale o simil-influenzale potrà essere automaticamente imputato al Covid-19, per esclusione e con piena certezza.

Balzana teoria già avanzata dal Presidente del Lazio (vaccinazione anti-influenzale obbligatoria per over-65) e da altri amministratori regionali (prescrizioni TSO simili), consigliati in tal modo non si sa da chi e secondo quali basi pseudo-scientifiche.


Tale assunto viene facilmente falsificato poiché la vaccinazione anti-influenzale è comunque per sua natura scarsamente efficace: essa infatti limita ma non annulla l'influenza stagionale. In primo luogo perché non protegge totalmente dal tipo specifico di influenza per cui è mirata, limitandosi a ridurne la gravità dei sintomi e marginalmente la diffusione. E in secondo luogo, più importante ancora, è totalmente inefficace per le miriadi di varianti di sindromi influenzali che annualmente si presentano rinnovate (mutate). Non per nulla - e finora, e giustamente - tale vaccinazione era consigliata esclusivamente alle "categorie a rischio" (e MAI obbligata come Trattamento Sanitario Obbligatorio - ad esclusione del personale medico/sanitario professionale per ovvi motivi).


A ciò si aggiunga che con questo "metodo" a-scientifico ogni raffreddore da colpo d'aria, febbre da infiammazione delle prime vie respiratorie, bronchite o tosse da irritazione di fonte ambientale, malanno da raffreddatura da temporale estivo e quant'altro possa assomigliare ad un "sintomo influenzale" verrà immediatamente ascritto al terribile Covid-19. Contro ogni logica, ma molto utilmente per la continuazione dello stato d'emergenza e per l'allarme ed il panico sociale.


Lo stesso panico che è stato indotto falsificando pedissequamente il reale significato dei dati diffusi: i numeri dell'Istituto Superiore della Sanità indicano mortalità inferiori di due ordini di grandezza rispetto a quanto giornalmente, con ossessione e senza metodo, viene riportato dai media, ed essi stessi andrebbero analizzati con metodo scientifico e non pubblicati un tanto a chilo sulle locandine e in prima serata TV per darli in pasto al popolo mascherato e già ben rimbambito, cantante sui balconi o rincorso per i boschi o bastonato per la strada.


D'altra parte, per mettere sotto controllo tecno-sanitario-sicuritario l'intera popolazione con lo strumento-ricatto della paura, del contagio che porta alla morte propria o dei propri cari , senza suscitare proteste e ribellione di massa, un virus come il Covid-19, se non ci fosse, andrebbe inventato.

E dopo tutto quello che è stato imposto alla popolazione negli scorsi sei mesi, non ci si può certo permettere di rischiare che il giochino venga rivelato da una ricerca scientifica seria, da un dibattito aperto tra le varie opinioni presenti nella comunità scientifica medica su questa "strana" epidemia: molto più semplice è manipolare o inventare artificiosamente i dati, per continuare a spaventare la popolazione. Anche sguinzagliando per la spiagge estive l'esercito con i mitra spianati, come è avvenuto ieri a Ventimiglia.


Per perpetuare ulteriormente il "giochino" e continuare a propalare la paura, oggi viene quindi "suggerito" al Governo e diffuso alla plebe dai media (Radio3, una radio "seria") come continuare la farsa, da un ricercatore di laboratorio eletto a virologo di Stato non si sa da chi e come. Mentre è intuibile il perché, il suo ruolo. Vaccinare con un vaccino sicuramente inutile e quindi intrinsecamente dannoso tutti i minorenni, a milioni, indiscriminatamente, una categoria di popolazione che da un'influenza stagionale non ha nulla da temere se non qualche giorno di febbre tra le cure di mamma, e che da questo Covid-19 appare a tutt'oggi pressoché immune, asintomatica e incontagiabile (dati epidemiologici incontestabili), è null'altro che una operazione criminale. Data la sua evidente inefficacia ed inopportunità di presidio sanitario, essa assume l'aspetto di un esperimento in vivo, ed un sicuro affare per chi il vaccino lo produce e lo vende. Ed un gravissimo precedente, in vista del futuro e preannunciato (e già prenotato e pagato dallo Stato italiano) improbabile vaccino anti-Covid-19 (a margine ricordo che l'ipotetico vaccino anti-AIDS/HIV dopo oltre vent'anni lo stanno ancora "cercando").

D'altro canto, chi esercita la patria potestà sui minori ha oggi più che mai il dovere di valutare ciò che è bene per i propri figli (e non solo) e comportarsi di conseguenza. Non sono pochi i gruppi di genitori che già sono attivi su questi temi: è tempo di studiare e capire, per informare ed agire in modo collettivo. Gli strumenti, anche legali, ci sono... (vedi anche: 
http://altracalcata-altromondo.blogspot.com/2020/04/come-evitare-la-vaccinazione.html)

Jure Eler



VOCI DALLA STRADA: Vaccino anti-influenzale obbligatorio, ricorso ...


www.ilmessaggero.it › salute › focus › coronavirus_sec...
9 lug 2020 - Il coronavirus è destinato a tornare in autunno. Parola del virologo Andrea Crisanti: «Lo scenario di oggi era prevedibile.
Coronavirus, il virologo Crisanti avverte: «In autunno più casi e più importanti. Il sistema potrebbe collassare»

www.ilmessaggero.it › italia › covid_virologo_andrea_crisanti...
Covid, il virologo Crisanti: «Fare il tampone a tutti i migranti appena sbarcano»
17 lug 2020 - Nel caso contrario il pericolo è «la diffusione a macchia d'olio del virus, che non se n'è mai andato, non ce lo dimentichiamo».

Coronavirus | Covid-19 | Crisanti: «Carica virale bassa, ma non sono un virologo»
„«Colgo l'occasione per fare chiarezza: non son un virologo, faccio un outing. Mi hanno attribuito questa qualifica ma la smentisco». A parlare è Andrea Crisanti, professore di microbiologia e microbiologia clinica all'università di Padova, “
https://www.veronasera.it/video/crisanti-non-sono-virologo-26-giugno-2020.html

lunedì 27 luglio 2020

Coronavirus: emergenza sanitaria o democratica?


Coronavirus: emergenza sanitaria o democratica? Il 28 e 29 luglio ...

Coronavirus: emergenza sanitaria o democratica? Alla Camera 3 conferenze stampa per approfondire la questione sotto il punto di vista sanitario, epidemiologico, giuridico e dell’informazione.

Dall’inizio della cosiddetta emergenza Coronavirus numerosi scienziati hanno evidenziato una serie di criticità sotto il profilo medico-scientifico, epidemiologico e giuridico. Approcci diagnostici sbagliati, cure inappropriate, misure di contenimento del contagio e di sicurezza scriteriate, in vigore ancora oggi. A fronte di studi incompleti, errati e spesso in odor di conflitto d’interessi, sono stati calpestati i diritti dei cittadini tutelati dalla Costituzione italiana e in sede internazionale” afferma la Deputata del Gruppo Misto Sara Cunial.

Chi denuncia viene zittito, diffamato e censurato. Mai come oggi la libertà di espressione e di manifestazione del pensiero sono state così a rischio – continua – La democrazia e il nostro Parlamento sono umiliati da multinazionali straniere, come Youtube e Facebook, che si permettono di calpestare le leggi e la Costituzione italiana, censurando autorevoli professionisti – spiega – e oscurando da un giorno all’altro, con motivazioni false e diffamatorie, video, canali di concessionari pubblici e testate giornalistiche. Intanto il nostro governo costituisce task force per portare avanti quella caccia alla fake news assolutamente incompatibile coi requisiti minimi di una qualsiasi democrazia – aggiunge – Proprio come nel regime nazista, in cui c’era un Ministero dedicato a controllare le espressioni culturali del Paese, anche nell’Italia del 2020 si sono istituite squadre ad hoc, per esaminare e distruggere fatti e opinioni. Per questo – conclude – ho voluto organizzare queste tre conferenze stampa, a cui ne seguiranno molte altre, nelle quali dar voce a professionisti, scienziati ed esperti ad oggi inascoltati dalle Istituzioni e screditati dalle stesse. È tempo che, anche in Italia, quella scienza prona all’interesse e al soldo di lobby e multinazionali sia finalmente smascherata e lasci spazio a tutti coloro che invece portano avanti il loro lavoro, con dignità e professionalità, onestà intellettuale e amore per il nostro Paese.  

Di tutto questo si parlerà il 28, 29 e 30 luglio in tre conferenze stampa presso la Sala stampa della Camera dei Deputati (in Via della Missione n. 4, Roma).

Martedì 28 luglio, dalle 10.00 alle 11.00
Coronavirus: emergenza sanitaria o democratica?
All’incontro interverranno:
professor Giulio Tarro, virologo
dottor Angelo Giorgianni, magistrato
dottor Pasquale Mario Bacco, medico legale

Mercoledì 29 luglio, dalle 14.00 alle 15.00
Coronavirus e illegittimità dei provvedimenti: il ricorso di Comicost
All’incontro interverranno:
avv. Nino Filippo Moriggia, presidente COMICOST;
dottor Stefano Manera, medico anestesista-rianimatore, ha prestato servizio al Papa Giovanni XXIII di Bergamo durante l'emergenza;
dottor Pasquale Mario Bacco, medico legale, fondatore dell’Associazione L’Eretico;
prof.re Marco Mamone Capria, Università degli studi di Perugia.

Giovedì 30 luglio, dalle 14.00 alle 15.00
Coronavirus: l’informazione negata
All’incontro interverranno:
Margherita Furlan, giornalista, co-fondatrice di Pandora Tv
Fabio Duranti, editore di Radio Radio
Marco Pizzuti, ricercatore e scrittore
e vi saranno contributi video di:
Claudio Messora, editore ByoBlu
Massimo Mazzucco, fondatore Contro Tv

Si prega di accreditarsi alla conferenza stampa inviando una mail a ufficio.stampa.mov@gmail.com entro e non oltre le ore 10.00 del giorno precedente l’incontro. Si ricorda che per gli uomini è necessario indossare la giacca.

Democrazia e libertà alla prova del coronavirus / Opinioni e ...

Le conferenze stampa saranno in diretta sul sito della Camera: https://webtv.camera.it/conferenze_stampa