venerdì 9 ottobre 2015

Donne "troppo amate", finiscono all'obitorio



...continua il massacro di donne ammazzate o torturate con ferocia dai loro "compagni" (in carica o meno che siano) in nome di un "amore" dai contorni perlomeno diabolici. Che, peraltro, coinvolge spesso pure vittime innocenti quali i figli delle vittime e relativi parenti. 

Immancabilmente, ad ogni episodio criminoso,segue il pubblico dibattito con esperti ed autorità che spiegano al popolo "perché e per come". 


Con, in prima fila,gli scienziati della psiche e della sociologia che troppo spesso si trincerano (nella spiegazione degli omicidi) con il "non si poteva prevedere arrivasse al tanto". 

Io non ho titoli di competenza specifica per ribattere queste analisi e tesi. Da uomo della strada,da quel che vedo,sento,leggo e riesco a capire mi sembra evidente una cosa : istituzioni ed esperti ci prendono in giro. 


Non sono in grado di fermare questo fenomeno con i mezzi messi a disposizione dalle vigenti leggi e dalle cure mediche e sociologiche da applicare ai potenziali assassini.

Una per tutte : oggi,all'indomani del brutale omicidio della giovane mamma di Nicolosi (Ct) ho sentito con le mie orecchie un alto magistrato "consigliare" alle donne vittime di stalker di non accettare "in luoghi chiusi e da sole inviti ad un incontro chiarificatore". 


Come se,la cronaca nera abbonda,questa precauzione potesse bastare a fermare un potenziale assassino...,peraltro facendo fuori pure eventuali "pacieri".


Mi sarei piuttosto aspettato dal magistrato la spiegazione per i due anni di attesa tra la denuncia della povera ragazza e la fine che la stessa ha fatto.


Sorvolando su tutte le discussioni mediatiche arrivo alla mia personale conclusione,senza fronzoli e giri di parole : carcere immediato,con pene certe  di lunghissima durata,per colpevoli di atti violenti certificati oppure...diritto alla autodifesa preventiva,da parte della potenziale vittima sacrificale e dei suoi parenti.

O,tanto per chiarire,lo stalker che passa ai fatti fisicamente nei confronti della preda personale viene istantaneamente sbattuto in galera per anni e anni (e poi strettamente vigilato all'uscita) oppure chi sia oggetto di queste pericolosissime attenzioni si difenda da se,in ogni modo possibile...con tutti i mezzi e con l'aiuto di chiunque,familiari per primi.
Istigazione alla violenza la mia ?


Certamente no...ma,visto che questi fatti si moltiplicano,la considerazione di un normale cittadino, genitore o meno che sia credo possa essere : meglio in galera che morta ammazzata "per amore".   

Vincenzo Mannello

Nessun commento:

Posta un commento