martedì 25 febbraio 2014

"Libertà" americane - Se il microchip diventa trendy...



Ti piacerebbe avere un microchip RFID impiantato sotto la pelle? Se siete come me, non avreste mai permesso una cosa del genere, ma molti altri, soprattutto tra le giovani generazioni, vedono le cose in modo molto diverso.


Gli impianti RFID microchip e altre forme di“tecnologia indossabile”, sono sempre più visti come “cool” e “trendy” da parte dei giovani che intendono “migliorare” se stessi e, naturalmente, i media mainstream sono tutti a favore di queste “innovazioni tecnologiche”.


Ad esempio la BBC, ha appena pubblicato un pezzo intitolato “Perché voglio un impianto microchip“. In questo articolo ci viene detto che tali impianti potrebbero risolvere tutta una serie di problemi sociali.
Il furto d’identità e le frodi tramite carta di credito, sarebbero quasi eliminati del tutto e molte altre forme di criminalità sarebbero notevolmente ridotte, i bambini non sarebbero mai dispersi e non dovremo ricordare una vasta gamma di password e codici PIN, come facciamo ora. Ci viene detto che se adottiamo questa tecnologia, la nostra vita sarebbe molto meglio. Ma è davvero così?

Visto che la nostra società diventa sempre più integrata con il digitale, i tecnici ci dicono chesarà “inevitabile” che la tecnologia indossabile diventerà comune come i telefoni intelligenti lo sono oggi.L’articolo della BBC, appena citato, è molto ansioso sull’arrivo di quel giorno:

In definitiva, i microchip impiantati, offrono un modo per rendere il vostro corpo fisico leggibile dalla macchina. Attualmente, non esiste un unico standard per comunicare con le macchine che sono alla base della nostra società, ma ci sono una varietà infinita di sistemi di identificazione: strisce magnetiche, password, numeri PIN, domande di sicurezza, e dongle. Tutti questi sono tentativi di colmare il divario tra la vostra identità digitale e quella fisica, chese dimenticati o persi, si viene improvvisamente tagliati fuori dal proprio conto in banca, la propria palestra e molto altro ancora. Un chip impiantato, al contrario, potrebbe agire come nostro token di identità universale per navigare nel mondo regolato dalle macchine.

Per alcune persone, quel giorno, è già arrivato:

Questo mese al Transhuman Visions, conferenza a San Francisco, Graafstra ha istituito una “stazione dell’impianto”, offrendo ai partecipanti la possibilità di essere impiantati al costo di $50. Utilizzando un grosso ago progettato per l’innesto dei microchip negli animali domestici, Graafstra ha iniettato un tag RFID rivestito di vetro delle dimensioni di un chicco di riso in ciascun volontario. Entro la fine della giornata Graafstra aveva creato 15 nuovi cyborg.

Inoltre, gli scienziati hanno ora batterie alimentate dal corpo umano che potrebbero essere utilizzate per fornire una fonte di alimentazione permanente per la tecnologia impiantabile.

Quello che segue è un breve estratto da un recente articolo di Kristan Harris dal titolo“Scienziati sviluppano una batteria Human-Powered per i chip RFID“:

Un gruppo di scienziati degli Stati Uniti e dei ricercatori cinesi, hanno collaborato per creare una minuscola batteria impiantabile chesi nutre di energia umana. Questi sottili, flessibili raccoglitori di energia meccanica, sono stati testati con successo sulle mucche. Il processo utilizza ciò che è noto come la raccolta di energia piezoelettrica tramite lo stoccaggio dei moti del cuore, dei polmoni e del diaframma. E’ il futuro, dicono. Potrebbe essere utilizzata per alimentare una vasta gamma di gadget. Si potrebbe caricare il proprio I-phone inserendo il cavo caricabatteria nel proprio corpo.

Naturalmente i microchip RFID non sono impiantati per essere utili. In realtà,vengono utilizzati per tenere traccia degli scolari in tutti gli Stati Uniti:
 
Scuola del Wyoming impianta chip RFID negli studenti senza il consenso dei genitori

Mascotte RFID inizia tour nazionale per contribuire ad alleviare i timori di impianto per bambini

Nel Regno Unito, i microchip RFID vengono utilizzati per monitorare i bambini ovunque vadano tutto il giorno:

Per coloro che pensano che la NSA (National Security Agency) sia il peggiore invasore della privacy, vi invito a condividere un pomeriggio con Aiden e Foster, due 11enni. Aiden invita il suo amico a casa mentre i propri genitori sono fuori al lavoro.

Mentre sale sul bus, Foster ha un sensore su un braccialetto che avvisa la scuola e i suoi genitori di una qualsiasi deviazione dal suo normale percorso. Alla scuola è stato notificato che lui si sta dirigendo a casa di Aiden, così la polizia non viene chiamata.

Mentre sono a casa, la rete domiciliare integrata riconosce Aiden e manda un avviso ai suoi genitori, entrambi fuori per lavoro, che ricevono il messaggio sul proprio telefono o tablet.

Ci stiamo rapidamente addentrando in un futuro distopico in cui sarà “normale”, per la tecnologia, monitorare i nostri movimenti 24 ore al giorno. La maggior parte delle persone probabilmente accoglieranno questo cambiamento, ma forse non capiscono che, il chip RFID, aprirà la porta per la costituzione di un tipo di governoulteriormente oppressivo che un giorno potrà abusare di questa tecnologia.


Un altro tipo di “tecnologia indossabile”, che sta rapidamente guadagnando consensi, sono i così detti“tatuaggi intelligenti”. Normalmente, siamo abituati a pensare ai tatuaggi come arte del corpo. Ma questo sta per cambiare. Questo è l’estratto di un recente articolo di Gizmodo:

Tutti, dai neurologi ai biohackers, stanno reinventando l’idea del tatuaggio. Con la giusta tecnologia, i tatuaggi possono fare molto di più che essere guardati. Possono diventare dispositivi digitali utili e complessi. Sembra selvaggiamente futuristico, ma la tecnologia esiste già.
 

La Motorola ha un brevetto per un tatuaggio che prenderà i comandi dalle parole vocalizzate in gola:

Il tatuaggio che hanno in mente servirà, in realtà, ad intercettare i comandi vocali sottili, forse anche comandi subvocali, o anche i sussurri completamente interni che non riescono a pizzicare le corde vocali. Si potrebbe anche concludere che essi non solo stanno brevettando le comunicazioni dei dispositivi, ma le comunicazioni dalla vostra anima.


Tutto questo può sembrare molto “cool” per un sacco di gente. Ma cosa succede se tutti siamo obbligati ad avere, un giorno, “tatuaggi d’identità elettronici”?

Cosa succede se un governo oppressivo utilizzerà questa tecnologia per guardare, tracciare, monitorare e controllare tutti noi, 24 ore al giorno con questa tecnologia?

Cosa succede se non si è in grado di ottenere un lavoro, avere un conto bancario o comprare qualsiasi cosa senza la “corretta identificazione”?

Credo che si possa vedere dove si stia andando. La tecnologia è veramente una spada a doppio taglio. Può fare un gran bene, ma può essere utilizzata anche per fare del gran male.

Allora, cosa ne pensi di tutto questo?


(Fonte: http://informatitalia.blogspot.it/)

.......................

Commento ricevuto: 
L'UMANITA' NON è NUOVA A QUESTE FORME DI OPPRESSIONE. L'UMANITA' HA VISSUTO SOTTO SCHIAVITU' FINO A FINE OTTOCENTO. Quindi il concetto di schiavitù (consideriamo che gli schiavisti sono oggi al governo in Italy, vedi Boldrini...) Il CONTROLLO POPOLARE è avvenuto per millenni attraverso la/le RELIGIONI. E nessuno, nemmeno OGGI, ritiene di doversene opporre. NE CONSEGUE CHE LA ROBOTTIZZAZIONE ( accolta o imposta) sarà per forza di cose ACCETTATA DALLA MASSA. SI TRATTA DI UNA ULTERIORE FORMA DI DERESPONSABILIZZAZIONE alla pari di RADUNATE NEGLI STADI ( O PER ASCOLTARE QUALCHE DINOCCOLATO CANTANTE ROCK O PER VEDERE UNA PARTITA DI CALCIO). Non credo che questa forma di PROGRESSO ( il progresso è SEMPRE A FAVORE DELLA SCHIAVIZZAZIONE, COME DIMOSTRA LA STORIA DEGLI EREMITI.....e nessuno che abbia capito come l'eremitaggio dei primi secoli del cristianesimo  sia stato proprio un tentativo dei veri asceti, de veri cultori del SAPERE, di sfuggire alla OPPRESSIONE di una DOTTRINA che si andava restringendo.....sempre più restrittiva ed unilaterale ) sia frenabile. Ritengo che ci stiamo avviando ad una situazione SIMBOLEGGIATA DALLA VICENDA DEL GRANDE IMPERATORE GIULIANO, il quale pur facendo leva su residui molto consistenti di CULTURA pagano-classica ha fallito nel suo intento. Anche perché è stato assassinato PRODITORIAMENTE da un cristiano, mentre stava combattendo e vincendo..

Giorgio Vitali

1 commento:

  1. Cercate tutti su Internet il film "La fuga di Logan" guardatelo almeno 10 volte!!

    RispondiElimina