sabato 23 febbraio 2013

Scrivetevi sul diario nero il nome di tal monti mario, distruttore della nostra economia e della nostra agricoltura


Siete pregati di prendere coscienza e informare TUTTI, di questi criminali e i  loro crimini contro la sovranità alimentare.

“ …. Mario Monti ha fatto ricorso alla Corte Costituzionale contro l’ agricoltura a “chilometro zero”. In pratica il governo vuole bloccare alcuni  atti normativi della Regione Calabria, rea di aver legiferato oltre la sue  competenze stabilite in materia.

Secondo il governo oligarchico la legge regionale contiene delle disposizioni  che, nel favorire la commercializzazione dei prodotti regionali,  ostacolerebbero la libera circolazione delle merci in contrasto con i principi  comunitari e del "mercato". 


In sostanza, la normativa regionale viene considerata alla stregua  di un provvedimento di natura quasi autarchica tale che i prodotti regionali  avrebbero un vantaggio considerato contrario al principio di libera  circolazione delle merci rispetto ai prodotti extraregionali.

E’ chiaro che il ricorso mira a liberare il campo alle multinazionali (Monsanto  in testa) da qualsiasi tipo di concorrenza.

Distruggono le aziende locali, devastano il tessuto sociale e rendono il popolo  completamente dipendente da strutture extraterritoriali e multinazionali senza  scrupoli. Annientano la tradizione, distruggono l’identità e le coscienze per  imporre il loro progetto di governo mondiale.

Il controllo delle sementi, quindi dell’agricolura, e di conseguenza degli  alimenti è il chiaro segno che si aprono il varco per l’introduzione delle  colture Ogm.

Attentano alle basi della coesione sociale. L’agricoltura, ricordiamolo, è un  bene comune nato 10.000 anni fa. Da quando l’uomo ha fatta propria questa arte,  sono nati i primi centri urbani, le prime aggregazioni civili, è stata la base 
dello sviluppo della società che oggi andiamo demolendo.

Il culto dell’uguaglianza e dell’omologazione sta per convertire le diversità  agro-alimentari.

Quando tutto il cibo apparterrà alle multinazionali come faremo? E’ questa l’ anticamera della nuova schiavitù?



Fonte: http://www.ecplanet.com/node/3532

Nessun commento:

Posta un commento