sabato 2 febbraio 2013

Altra furbizia del Berlusca, il temporeggiatore....




Ante Scriptum

Purtroppo sembra inevitabile.. più il benzinaro perde consensi, e li perde malgrado la riapparizione del Renzi, più si avvicina il tempo del monti bis, ovvero se il PD vuole governare dovrà farlo in accordo con i centristi del monti, il che equivale a dire che la cricca bancaria resterà salda al potere.

Forse solo con un miracolo dell'ultima ora, ovvero se tutti gli astensionisti, che sono la maggioranza degli italiani, decidessero di recarsi alle urne, magari per un voto di "alta" protesta per il M5S, potrebbe salvarsi l'Italia dal monti bis. O peggio ancora dal poker berlusconico.

Ma come leggiamo dal lucido analista Fabrizio Belloni il cav. non ha nessuna intenzione di vincere, vuole solo far restare in bilico il bers-renz-montinaro... per accopparlo alla prossima mandata e....  

(Paolo D'Arpini)


..................


Ho sempre cercato di non fermarmi alle apparenze. E ho sempre tenuto in alta considerazione il detto del divo Giulio: "a pensar male si fa peccato, ma ci si azzecca". Poco caritatevole, d'accordo. Ma puntuale.
Vediamo. Sembra che il Berlusconi voglia vincere. A me non sembra. Manca della grinta necessaria, non trasmette la sicurezza che il Popolo richiede. Di facciata. Col sorriso di circostanza. Con le solite frasi che ricordano "l'immancabile vittoria".....

Ma manca il.... quid.

D'altro canto il Bersani-Gargamella (geniale ed azzeccato il soprannome grillesco) nelle sue "minacce" denuncia un patema d'animo timoroso. Come sempre gli capita, non ha capito.Fa la faccia che vorrebbe essere feroce ed è solo patetica perché lo hanno preso con le mani nella marmellata senese.

Non ha capito.

Per me il Berlusconi vuole che vinca Bersani-Gargamella.

Vuole che sia il trinariciuto a farsi carico di una situazione che rischia di scoppiare come un fuoco d'artificio napoletano difettoso.

Il Monte Paschi di Siena è solo la punta dell'iceberg del sistema usuraio, programmato, delinquenziale, fagocitante che parte effettualmente almeno dal 2008 (per me da molto, molto prima).

Il Gargamella dovrà fare una figuraccia di impotenza politica epocale. In parte per motivi oggettivi, forniti dal sistema in caduta libera. In parte soggettivi, essendo la persona sbagliata al posto sbagliato, nel momento sbagliato.

Il vecchio Silvio lo manda allo sbaraglio.

Poi arriverà camminando sulle acque, circondato da fronde di palma, e soavemente dirà: "Io, solo io sono l'unto dal Signore. Ora vi salvo. Ma ho bisogno di poteri molto superiori".

Speriamo nell'età e nello scorrere del tempo.

Fabrizio Belloni




Nessun commento:

Posta un commento