martedì 16 dicembre 2014

Piove musica a Pineto, in delirio semicromatico ambientale




io..io..io..tu..tu..tu
sempre noi,voi,essi
sempre di piu
quaggiu
lulu


ieri sono andato a suonare a una festa privata in una villa liberty a Pineto,
piccolo paese a 30 chilometri sulla costa. una
specie di session collettiva,prima di me hanno suonato due ragazi che hanno
fatto una jazz and poetry session voce sax soprano, poi una ragazza alla arpa,
due sassofoni be bop, un trombone ta-pu. una session di tamburi, una
performance
solo voce, un ragazzo con tromba e flicorno campionato alla fresu. e mentre ero
presu tra un discorso e l altro mi hanno detto: blu tocca a te!  sono andato
alla consolle con il mio computer ho collegatio lo spinotto e
ho iniziato, ormai suono solo con you tube, il problema sono solo le pubblicita
allinizio dei brani, alcuni secondi di silenzio per chi ascolta ma alla
fin fine ci stanno pure bene. ho suonato:
spencser davis group gimmesome loving
pali gap jimy endrix
i wish stevie wonder
what i said ray charles
get it in your soul charlie mingus
love supreme john coltrane
theme de yoyo art ensemble of chicago
the space is the place di sun ra
cell walk for celeste cecil taylor
ghost second variation albert ayler
a quel punto ho indossato un guanto nero e ho alzato il pugno sinistro in alto
con la testa lggermente reclinata in avanti, citazione dei black panter e in
particolare tommie smith e john carlos alla premiazione dei 200 m delle
olimpiadi di citta del messico del 68, nel frattempo ho mandato un brano di un
discorso di malcolm x  per poi discendere in africa con la catartica voce di
di patti smithin radio ethiopia
ormai le persone che cerano le avevo in pugno e le ho portate sui
miei terreni preferiti allinizio minati, ho sparato nelle loro orecchie le mie
avversita preferite
all this for you, joy division
stigmata, martyr bahuaus
icon, siouxie
primary, cure
quando tutto sembrava tranquillo ho invaso la sala grande orizzontale bella
piena di cavi divani amplificatori e casse e dischi, con novantamila uomini
africani e un mare di elefanti , tutto il pavimento che vibrava, con loro pure
il coloratissimo elefante di holliwood party noi in india non crediamo,
sappiamo di essere!
ecco perche molti italiani hanno capelli scuri ecco perche molti meridionali
hanno occhi scuri, un po del sangue di annibale e' rimasto a tutti quanti nelle
vene, ecco perche  sangue meridionale figlidi annibale
africa africa africa,
figli di annibale alma megretta

alla fine ultima ultimo brano di musica aleatoria, ho suonato  4 e 33 di j cage
ma non se ne sopno accorti.. dopo un po di incertezza lenergia si e' sciolta
come il sangue di san gennaro e uno fa bravoo! e inizia ad applaudire a quel
punto un boato! non era facile per niente perche questi erano tutti jazzofili
puristi , un paio di palle! e io ho suonato il punk! e gliele ho suonate di
brutto!
come massaggiarli tra capo e collo con la famosa
bottiglia di acqua minerale da duelitri, importante che sia
frizzante mi raccomando! la marca e' irrilevante!
i particolari sono importante

inutile stare qui a discutere dellestetica punk del rumore del traffico e delle
fabbriche dell antica madre africa della musica fredda e frigida del free e
della musica casuale che ascoltiamo quotidianamente nel caos sonoro della vita
urbana.  fondamentale il silenzio come momentaneo bisogno di assenza!
grazie maestro cage!
grazie maestro coltrane
grazie maestri a voi tutti e
bla bla non stiamoi piu qui a parla'.


Ferdinando Renzetti

Nessun commento:

Posta un commento