venerdì 6 gennaio 2012

Ungheria, Europa e l'autodeterminazione che se va...

"Libertà democratica secondo il nuovo ordine mondiale..."


La pronuncia americana di Ungheria è "angheria"

Il caso Ungheria è sulle pagine dei maggiori quotidiani. L'Unione Europea ha infatti incaricato una speciale commissione di indagare se nel Paese centroeuropeo sia in gioco la libertà, se si viva in clima di democrazia o di dittatura. Accuse assai gravi, rincarate nelle ultime ore da un'esplicita richiesta fatta dagli esponenti dei partiti socialista e liberale al Parlamento europeo: applicare l'articolo 7 della Costituzione europea che prevede sanzioni politiche per "violazione di democrazia e libertà". L'Ungheria, dal 2010, da quando cioè è in carica come capo del governo Viktor Orbán che guida una maggioranza di coalizione cristiano democratica, è al centro delle polemiche.

In questi giorni fioccano le agenzie di stampa che sottolineano come nella prossima riunione dei Commissari europei che si terrà l’11 gennaio, potranno esserci sanzioni contro questo Stato. Ovviamente si tirano in ballo i famigerati, è il caso di dirlo, “diritti umani”, diritti che sono come la pelle dei coglioni, si stirano allo stremo quando occorre e si restringono fino a ignorarli totalmente quando si tratta di paesi “politicamente corretti”.

A questo siamo arrivati, i fautori di un Governo Mondiale, i sostenitori di questa Unione Europea, non ammettono, non accettano che un qualsiasi paese possa ritagliarsi un piccolo spazio di autonomia, specialmente se questa autonomia concerne il limitare del potere privatistico delle Banche Centrali. ORAMAI HANNO GETTATO OGNI MASCHERA, OGNI STILE, OGNI DECENZA. NON A CASO HANNO PROVVEDUTO A INSTAURARE UNA GENDARMERIA O POLIZIA EUROPEA CON POTERI ILLIMITATI.

Per chi vuol sfuggire alla morsa mondialista ci sono dapprima le minacce e i ricatti, poi le sanzioni e se non basta ci sarà la guerra, preceduta, ovviamente, da manifestazioni, provocazioni e incidenti provocati ad arte, ricerca di morti e feriti per la “rivoluzione colorata”, il tutto dietro l’opera dei Servizi occidentali e con il sostegno di quelle famigerate ONG che pullulano in ogni nazione.

Maurizio

Nessun commento:

Posta un commento