lunedì 2 novembre 2015

Romani ricordatevi i nomi dei 26 consiglieri dimissionari che hanno fatto cadere il sindaco Marino per compiacere il capobastone (renzie)



I residenti a Roma, iscritti nell'elenco degli elettori, hanno ricevuto da 26 consiglieri comunali - attraverso le loro dimissioni rese per impedire il prosieguo della loro legislatura - il pallino del voto, da "giocare" tra alcuni mesi. 
(Ci "giocarono", pesantemente, n. 2 sindaci di sinistra - Rutelli e Veltroni - i quali, avevano chiesto agli elettori di governare per DIECI anni, e solo dopo SETTE anni, volontariamente, si dimisero. Il loro successore, Alemanno, invece, ha sgovernato fino alle ultime 24 ore del suo mandato.)

L'ultimo Sindaco eletto, Ignazio Marino, per fare bene il suo lavoro - CAMBIAMO TUTTO - LASCIA la sedia da Senatore. Nella Sala Giulio Cesare, in Campidoglio, trova 19 consiglieri-rematori che eseguono gli ordini del loro Capopartito, compreso l'ORDINE di DIMETTERSI.

OBBEDISCONO quei 19 consiglieri di Roma Capitale (e vi aderiscono 7 loro colleghi): si DIMETTONO in 26.             
Ora il pallino è tuo, usalo bene.
Veltroni lasciò ad Alemanno la sua scrivania piena di pratiche. Nel quinquennio alemanniano, solo quella del parcheggio al Pincio riuscimmo a farla buttare nel cestino; tutto il resto venne lavorato da Alemanno così come l'avrebbe lavorato Veltroni (es.: i 22 milioni di euro della B1, quelli che incentivavano l'apertura della B1 a primavera del 2011). Negli ultimi 4 mesi di quel quinquennio, i frequentatori del presidio popolare (carte in regola) registrarono l comportamento dei consiglieri oppositori (??????????);  alcune di quelle facce hanno firmato le odierne dimissioni.  
Ogni persona ha un suo specifico DNA: vive in pace se c'è armonioso comportamento tra le azioni che compie ed i geni del suo DNA;  vive disturbata se c'è dissenso tra le azioni che compie ed i geni del suo DNA.  

(Ho vissuto - e continuo a vivere - chiedendomi come vanno giudicate le persone che riescono a non far capire il tipo di DNA che posseggono. Qualcuna di queste è tra quei firmatari e gli elettori lo troveranno - come tutti i 26 firmatari - tra i candidati alle prossime elezioni.)

ATTENZIONE ELETTORE. Se questi firmatari saranno eletti, loro sosterranno il prossimo sindaco.

ATTENZIONE ELETTORE. Tutti i candidati a Sindaco sanno già che questa sarà la loro forza politica.

ATTENZIONE ELETTORE. Non potrai scaricare le tue responsabilità su di loro.

Pertanto, ora, il pallino è tuo: usalo bene.

Vito De Russis
v.derussis@teletu.it

1 commento:

  1. Integrazione/commento commento di Ignazio Marino:


    “Il Presidente del Consiglio potrebbe e dovrebbe esercitare maggiore rispetto. Continua a dire “basta polemiche”, ma poi insiste negli insulti e nelle provocazioni. Non si rende conto, o forse non gli interessa, che insultando me insulta le centinaia di migliaia di cittadini che mi hanno scelto come sindaco prima alle primarie, poi al primo turno ed infine al ballottaggio. Ignora le numerose manifestazioni di sostegno che in migliaia mi stanno dedicando. È del tutto evidente che Renzi mi attacca e offende sul piano personale per coprire con la “damnatio memoriae” una spregiudicata operazione di killeraggio che ha fatto esultare i tanti potentati che vogliono rimettere le mani sulla città.
    Occorre invece ristabilire la verità: Renzi voleva Roma sotto il suo diretto controllo e se l’è presa, utilizzando il suo doppio ruolo: come segretario del partito ha voluto che i 19 consiglieri del PD si dimettessero, come Presidente del Consiglio ha sostituito il sindaco, legittimamente eletto, con un prefetto, certamente persona degnissima, che farà capo come dice la legge allo stesso Presidente del Consiglio.
    Assistiamo a una pericolosa bulimia da potere, che elimina gli anticorpi democratici. Il messaggio è chiaro: chi non si allinea, chi non ripete a pappagallo i suoi slogan viene allontanato o addirittura bandito.”

    RispondiElimina