venerdì 27 marzo 2015

Quale disarmo è possibile... se prima non si sbuccia il carciofo del potere ?



Carissimo Paolo D'Arpini, a me pare una utopia, comunque puoi contare anche sulla mia adesione al progetto di disarmo nucleare (vedi: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2015/03/milano-28-marzo-2015-convegno-sul.html)

Nel mondo ci sono oltre 30 mila ordigni nucleari di vario tipo e grandezze e non vedono l'ora di essere usati per definire chi comanda. Dalla fine della seconda guerra mondiale abbiamo rasentato molto da vicino più volte una ulteriore guerra mondiale, per definire una volta per tutte chi comanda e chi deve ubbidire. Francamente non so come finirà, ma l'uomo non sembra considerare con profonda intelligenza le conseguenze che sicuramente metteranno in pericolo l'intera umanità.


Secondo la mia umile conoscenza, la soluzione di tutti i mali del mondo si risolverebbero con la Giustizia e non con la forza del Potere e delle Armi, ma penso che anche il mio suggerimento è da considerare una utopia.

Per rafforzare una presa di coscienza di chi occupa le poltrone di comando, allego una recensione sulla Democrazia.

Un abbraccio, Anthony Ceresa.



LA DEMOCRAZIA.

La Democrazia è come un ordigno nucleare formato da tanti protoni e neutroni intorno ad un nucleo politicamente denominato Partito, dove tutti comandano e nessuno comanda, tutti rubano e nessuno li ferma, tutti parlano senza dire niente e tutti insieme formano la maggioranza di Potere. In Italia disponiamo di cento ordigni nucleari controllati dagli Americani, corrispondenti a 100 Partiti tutti Democratici pronti a scannarsi per il bottino di guerra dei sessant’anni della Repubblica che esercitano contro la cittadinanza.

Il termine Democrazia prende diversi significati secondo le varie esperienze nei paesi che hanno avuto modo di sperimentarla.

Ad esempio nei Paesi arabi e Medio Orientali come tanti altri Paesi dell’America latina, la Democrazia viene tacciata per delinquenza di gruppo, con inarrestabili scandali, speculazioni e corruzione allargata e sfacciatamente sostenuta, esattamente come in Italia senza la volontà al cambiamento.

Questi Paesi Orientali più emancipati esclusivamente sotto profilo sociale, dal concetto di Governo completamente diverso dal nostro, preferiscono avere a che fare con un solo individuo non assoggettato ai Partiti Politici, e quando ne hanno abbastanza gli tagliano la gola, esattamente come avvenne nella ribellione a catena nel nord Africa denominata Primavera Araba, dove iniziando dalla Tunisia fiore all’occhiello di saggezza secondo il Vescovo di Tunisi, dove il loro Presidente Ben Alì dovette scappare con tutto il malloppo di miliardi rubati e chiedere asilo all’Arabia Saudita, la quale è una forma di fusione fra Monarchia, Totalitarismo e Democrazia di un Potere a gomitate, che lo hanno accolto e salvato.

Non andò altrettanto bene per Gheddafi della Libia, dove lo scopo principale era di colpire l’Italia divenuta un nemico scomodo per l’Europa, oltre a Mubarak dell’Egitto, Salem dello Yemen, Saddam dell’Iraq, Don Kishiotte dell’Afganistan, Assad della Siria, Piglianbenco dell’Ukraina, Grecia, Cipro, Berlusconi, Monti, Letta, Fonzi in Italia e tanti altri in lista di attesa, tutti sull’attenti alle dipendenze di un ordine Mondiale Democratico Totalitario più alto, fondato sul soldo, che impartisce gli ordini di chi merita di vivere o morire. La Giustizia non interessa a nessuno.

La Democrazia in Italia è divenuta una cacofonia in modo dispregiativo, iniziando dalla Democrazia Cristiana, Democrazia Comunista, Democrazia Fascista, Socialista, Liberale, Repubblicana, Vaticana, tutti Democratici, i quali hanno imparato a raggirare gli stolti con l’uso della parola a scopo di interessi, rivolta sempre al futuro.

Cari, anzi Carissimi, o meglio Arci Cari Credenti, pensate alle bellezze eterne in Paradiso vicino a Gesù, alle tante concubine che troverete lassù per i bunga bunga giornalieri, ed abbandonate i piaceri terreni, mentre inverosimilmente continuano ad arricchire il Potere, sopprimendo il ceto medio, aumentare la povertà e generare speranze negli stolti che camminano, mangiano, leggono e ascoltano sempre a bocca aperta e non si informano sulle reali verità del Paese.
In democrazia rubano a turno con il supporto tipo paravento da parte della combriccola e quando scoppia lo scandalo, gli trovano immediatamente un’altra poltrona senza punizioni e senza riparazioni. Il vento della corruzione e della censura in Italia è altamente proficuo per la Politica nel mantenere alto il Prodotto Interno che fa molto più bella l’Italia nel mondo.

Un esempio degno di citazione: l’ILVA di Taranto, mentre la gente del luogo moriva a causa dell’inquinamento generato dalla Fonderia e dal trasporto all’aperto del minerale di ferro e relative polveri tossiche, Politici e Sindacati chiudevano gli occhi in cambio di generose regalie elargite dalla Direzione dell’ILVA.

Tutti i Paesi a Regime Democratico, sono sull’orlo del fallimento e se avete fatto caso, secondo il loro concetto indemoniato stanno succedendo tanti avvenimenti creati all’uopo di trascinare il mondo in una nuova guerra mondiale dove l’atomica rappresenterà i vincitori.

Un flash sull’Europa in dissesto Economico provocato da continui furti ad alto livello ed una Giustizia inesistente, con la Grecia, Cipro, Italia, Francia, Portogallo, Irlanda, Islanda, Bruxelles, Lussemburgo, Spagna, Ucraina, le quali versano in una situazione di semi o totale default, amministrate da esseri compiacenti alla bella vita nel seguire le imposizioni che provengono da un ordine mondiale superiore, il quale controlla il pensiero, le materie prime, le sementi e l’economia mondiale.

Secondo i rispettivi Governi la soluzione di sopravvivenza per queste Nazioni in condizioni economiche disastrate, si conclude con l’istigazione alla guerra, allo scopo e speranza di cancellare i rispettivi debiti, mettendo in pericolo la vita degli altri.

La sera del 25 Marzo 2015 sul Canale La Sette nel programma Otto e Mezzo ho assistito ad uno spettacolo fondato sulla chiacchiera ed aveva per oggetto: “ Renzi è arrogante?”.

Per l’occasione hanno parlato in tanti come nel tiro alla fune, dove ogni gruppo sosteneva la propria opinione spinta dagli interessi di parte senza centrare il problema. I furbetti se ne guardano dal chiedere l’opinione dei saggi sapendo che la verità sta tutta da un'altra parte, in quanto queste persone che vengono alternate nelle varie funzioni di comando, sono create precedentemente e tenute in posizioni di stallo sino al momento propizio del bisogno, esattamente come e quando si preparano i sottoaceti, vengono salvati in adeguati barattoli privi da contaminazione esterna e conservati in attesa del momento dell’utilizzo.

Per questo motivo  il Sig. Renzi si comporta come programmato per guidare il Paese verso il disastro totale e comunque vada, verrà salvato dai suoi programmatori o gettato in pasto alle iene.

Provate a scrivere a Renzi o al Presidente della Repubblica o a qualsiasi Ministero, su fatti importanti che riguardano la Giustizia, non rispondono a nessuno perché gli ordini sono già pre-impostati, mungere gli Italiani il più possibile, chiudere tutte le industrie o cederle agli stranieri e sbattere fuori dal Paese gli Italiani non rimbecilliti per accogliere i nuovi Italiani provenienti dall’Africa, dal Medio ed Estremo Oriente, con l’illusione che possano essere manovrati a piacere.

Non soltanto l’Africa e il Medio Oriente si ribellano, ma nella numerosa lista di malcontento generale  troviamo tanti Paesi Europei che reclamano Giustizia, quella giustizia soffocata da una manciata di Politici rinchiusi in un carciofo selvaggio protetto da lunghe spine per impedire il contatto con la cittadinanza, la quale reclama Giustizia, Giustizia, con il pericolo nel caso di guerra, i primi a pagare saranno proprio i bulli seduti nelle comode poltrone all’interno del carciofo del Potere.


Anthony Ceresa

1 commento:

  1. “Caro Anthony, certo è quasi impossibile che il disarmo si attui, dipende da forze molto al di sopra delle nostre possibilità.. Ma come sai ritengo che si possa influire con idonee forme pensiero sulla psiche collettiva dell'umanità...”

    RispondiElimina