lunedì 30 marzo 2015

La Nato ha fatto il suo tempo. L'Europa ha bisogno di un suo esercito indipendente


L'IMPORTANTE ARTICOLO (che segue) SUL LENTO MA INESORABILE DISTACCO DELL'UE DAGLI USA VA LETTO. Si tratta di un destino inevitabile che va di pari passo col declino (peraltro previsto da tempo da Luttwak) della POTENZA USA. 
Il processo si va accelerando per le banali ragioni che la storia ci insegna. Quando la potenza egemone, ma lontana (USA) perde quota, al fine di difendersi cerca di imporre comportamenti illogici quanto servili ai paesi meno forti o comunque che girano nella propria orbita. Ma se la domanda è offensivamente irrazionale, tenendo anche conto che la Germania è quella che rischia di più in un conflitto violento con la Russia, è inevitabile che la risposta sia PICCHE! Di conseguenza la nascita di un ESERCITO UE il quale va a contrastare il progetto geopolitico ANTI EURASIATICO statunitense, essendo l'EURASIA, (il fine geopolitico che NOI condividiamo), il vero spauracchio per gli USA e per i suoi interessi finanziari globalisti. Ma i meccanismi della STORIA sono coerenti ed inevitabili. 
Giorgio Vitali

Far morire la NATO: l’Esercito Europeo è lo strumento per ridurre l’influenza USA in Europa?


Una forza militare europea viene giustificata come protezione dalla Russia, ma potrebbe anche essere una maniera per ridurre l'influenza statunitense nel momento in cui l’Unione Europea e la Germania arrivano ai ferri corti con gli Stati Uniti e la NATO sulla questione ucraina.
Parlando con il giornale Tedesco Welt am Sonntag, il Presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker ha annunciato che è giunto il momento per la creazione di una forza militare europea unificata. Juncker ha usato la retorica del “difendere i valori dell'Unione Europea” e ha cavalcato le polemiche antirusse per promuovere la creazione di un esercito europeo, che dovrebbe portare un messaggio a Mosca.
Le polemiche e le discussioni in merito a un Esercito Europeo possono essere intorno alla Russia, ma in realtà l’idea è diretta agli Stati Uniti. La storia che c’è sotto riguarda le tensioni che si stanno sviluppando tra gli Stati Uniti da una parte e la Germania e l’UE dall’altra. Questo è il motivo per cui la Germania ha reagito in maniera entusiasta alla proposta, fornendo il suo sostegno a una forza armata europea condivisa.
Precedentemente, l’idea di un Esercito Europeo era stata presa seriamente in considerazione durante la preparazione all’illegale invasione anglo-americana dell'Irak del 2003, quando Germania, Francia, Belgio e Lussemburgo si incontrarono per discuterne come scelta alternativa alla NATO a guida statunitense. L’idea è stata poi tirata fuori in altre circostanze simili. Nel 2003, il motivo di frizione era l’invasione dell’Irak. Nel 2015, è per la crescente tensione fra Germania e Stati Uniti in merito alla crisi in Ucraina.
Mahdi Darius Nazemroaya per rt.com
(Fonte italiana: byebyeunclesam)

Nessun commento:

Posta un commento