martedì 17 settembre 2013

18 settembre 2013 - 31° anniversario della strage di Sabra e Shatila



Sabra e Shatila (talora trascritto Chatila, in arabo: صبرا وشاتيلا, Ṣabrā e Shātīlā) sono due campi di rifugiati palestinesi alla periferia di Beirut (Libano). Vengono ricordati per il massacro di un numero di arabi palestinesi stimato tra diverse centinaia e 3500, perpetrato da milizie cristiane libanesi in un'area direttamente controllata dall'esercito israeliano, tra il 16 e 18 settembre del 1982. Sono anche ricordati per successivi fatti di sangue avvenuti nel 1985–1987 e noti come guerra dei campi.

In particolare il 18 Settembre 1982 le forze paramilitari cristiane del Libano, al servizio di Israele e con la complicità di Ariel Sharon, entrano nei campi profughi di Sabra e Chatila ed iniziano un sistematico massacro  di tutti i rifugiati,
compresi donne e bambini.

Si attua così sul campo la politica di persecuzione e di annientamento del popolo Palestinese che israele ha sempre perseguito in omaggio al progetto della “grande israele” e che tanta sofferenza e tanti sacrifici è costato ai Palestinesi proseguendo sino alle più recenti bombe al fosforo su Gaza.

Nel 31° anniversario della strage, ricordiamo a noi ed al mondo chi è disumano e chi è la vittima dei soprusi e additiamo all’esecrazione israele, il sionismo e gli USA che ne sono i sostenitori!


(P.D'A.)



Vedi anche: http://www.youtube.com/watch?v=pBa0APwptdQ

Nessun commento:

Posta un commento