venerdì 28 dicembre 2012

paparatzy bagnato... il "benedetto" benedice chi sodomizza gli italiani


Scrive Vincenzo Mannello: “Nobilitare la politica? Chi, monti? Solo il papa vaticano poteva propinare una simile balla agli italiani. Gli stessi politici si guardano bene dal proclamarsi "nobili" spiritualmente. Ma il “benedetto” XVI, con bagnasco e bertone, evidentemente devono molto alle banche ed alla finanza mondiale. Forse cercano copertura legale in Italia agli affari dello IOR. Altro che lezioni etiche e religiose. Si tratta di soldi. Se non fosse così come potrebbe un papa definire "nobile" la politica di monti? Sta affamando il popolo ed arricchendo chi ha già tanti soldi. Il cosiddetto benedetto dovrebbe scomunicarlo, altroché beatificarlo!”

..........................

Intervento sullo stesso tema di Giorgio Vitali: "QUANTO SCRITTO DA VINCENZO MANNELLO  E' QUANTO MAI ATTUALE. LA CRISI HA COSTRETTO IL POTERE DI OLTRE TEVERE A VENIRE ALLO SCOPERTO. GIA' AMPIAMENTE SPUTTANATO DA CIRCA UNA TRENTINA DI ANNI A CAUSA DELLE OPERAZIONI CRIMINALI E SPERICOLATE CONDOTTE PER PURO INTERESSE FINANZIARIO, IL POTERE CLERICALE è costretto  e NON suo malgrado) A VENIRE TOTALMENTE ALLO SCOPERTO. LE BENEDIZIONI PAPALI A MONTI CHE, probabilmente mezzosangue, E' STATO ALLEVATO DAI GESUITI, LA DICE LUNGA. PER CAPIRE OCCORRE CONOSCERE A FONDO IL RUOLO GIOCATO DAI GESUITI IN QUESTI ULTIMI SECOLI (leggere le dettagliate note di Claudio Marconi).Per quanto ci riguarda, NOI ci limitiamo a ricordare il ruolo della finanza nelle vicende della Chiesa. Molti di noi (speriamolo) si sono chiesti a quale scopo sono sorti in tutt'Italia ed in TUTTA FRETTA negozietti che trattano l'acquisto dell'ORO. 

Certamente NON è un caso e NON crediamo neppure che si tratti di singole iniziative di singole persone. CERTAMENTE dietro c'è un GIRO molto consistente che cerca di RASTRELLARE ORO. A QUALE FINE? CHI è interessato a monopolizzare l'oro? FORSE solo chi ne ha già in sovrabbondanza: e questo non può essere che lo Stato Pontificio. 

Chiusa questa parentesi, vogliamo ricordare la figura del finanziere senese  Agostino Chigi, nato a Siena nel 1465, che, tra l'altro, finanziò le imprese belliche del Valentino, figlio di papa Alessandro VI, e, tra i molti guadagni finanziari, per queste imprese ottenne anche la direzione elle imposte e delle saline dello Stato pontificio, poi la dogana dei pascoli, che faceva pagare una gabella sulla transumanza del bestiame.
Nel 1502 fondò a Roma il Banco Chigi, mentre l'anno prima aveva avuto dal papa l'appalto per l'estrazione di alunite dalle cave dei Monti della Tolfa.

Per avere lo sbocco al mare dell'allume prodotto a Tolfa, egli acquistò Porto Ercole, per 20.000 ducati. Porto, rocca e castello.

La sede centrale del Banco Chigi fu aperta in quella che oggi si chiama Via del Banco di Santo Spirito. ( Ma questo Spirito è proprio...santo!) Con circa 20.000 dipendenti e oltre 100 navi Chigi controllava molte società ed aveva decine di agenti a: Londra, Cairo, Anversa, Costantinopoli. (Ecco come nascono e si sviluppano le potenze finanziarie... e non c'è assolutamente bisogno di essere ebrei per capirlo. Anzi! Occorre essere al servizio del papa!) ED INFATTI, LA DINASTIA DEI CHIGI (palazzo Chigi, sede del governo "italiano??") ha dato preti in quantità, cardinali e papi.

LA COMMISTIONE FRA ATTIVITA' FINANZIARIA E ATTIVITA' RELIGIOSA è PRESENTE DA SEMPRE IN QUESTO PAESE E VA DI PARI PASSO CON IL POTERE CLERICALE. ECCO PERCHè NON SI PUò PRESCINDERE DA UNA APERTA E VASTA CONOSCENZA DEI MECCANISMI FINANZIARI SE SI VUOLE IN QUALCHE MODO LIMITARE LO STRAPOTERE DELLA CHIESA, CHE è E SI PERCEPISCE STATO ESTRANEO SE NON RIVALE ( O NEMICO) DELLO STATO ITALIANO. Ed ecco anche il perché dei necessari accordi presi a suo tempo dagli Alleati ( 1940-1948) con il Vaticano per il controllo del nostro paese. Tuttavia,arriva il momento per tutti e NOi oggi registriamo con soddisfazione che quello che fino a poco fa era un BLOCCo religioso delle coscienze si fa lentamente disgregando. NON è POCO!"

....................

Commento di Giuseppe Turrisi: "Più di qualche volta abbiamo detto che questa chiesa cattolica (da non confondere con la fede) si è prostrata al potere sionista  della finanza usuraia..... per chi ancora avesse qualche dubbio sul'operato (temporale) di questo papa basta vedere una qualsiasi prima pagina di quotidiano di oggi  ..... a chiare lettere viene detto con titoli diversi: IL VATICANO SI SCHIERA CON MONTI..... Per fortuna che almeno padre don Amort mio lontano confratello... invece ha detto a chiare lettere che Monti è SATANA.... e se siete bravi in sillogismi la finale della equazione è che IL VATICANO APPOGGIA SATANA....

Comprendo la forzatura .....ma tanto siamo stati già tacciati molte volte..... ed accusati di fare di ogni erba un fascio..... Ma i cattolici illuminati (non certo quelli programmati ed indottrinati) dovrebbero
avere uno scatto di orgoglio è comprendere cosa stia succedendo.....
come già abbiamo detto altre volte la la prima botta sonora la prenderanno quando capiranno che il loro "Cristo " non ha nulla a che vedere con il Pentateuco... e già è stato dimostrato.... ma verrà detto in modo ancora più eclatante...
Certamente noi lo avevamo detto e lo stiamo ripetendo: la chiesa (come apparato politico) è una architettura di domino che opera anch'essa verso il Nuovo Ordine Mondiale.....insieme al potere sionista....." 

......................

Mio commentino: Purtroppo il don Amorth ha ritirato la dichiarazione sul monti.. ma c'era da immaginarselo che accadesse.. mica si poteva contrapporre e negare l'operato del suo "capo" paparatzy, il nero, il quale oltre a benedire il monti  in altre occasioni ha dichiarato di "auspicare un nuovo ordine mondiale".  (P.D'A.)


Nessun commento:

Posta un commento