giovedì 26 luglio 2012

Giampiero Cirnigliaro: "Fate contento il monti, per risparmiare sulle spese del boia... suicidatevi!"

Foto di Gustavo Piccinini


Buongiorno a tutti, cari amici.

Il prosciutto sugli occhi è un male incurabile. Ed in Italia colpisce 9 politicanti su dieci. Questa è l'amara realtà.

Ma questo male, certamente contagioso, ha colpito anche il 98% degli italioti aventi diritto al voto. Infatti, pur conoscendo bene l'attuale situazione politico-economica italiana, la gente continua a pensare alle ferie, al mare, all'iphone, all'ipad e, da poco, al galaxy 3.

Sento sempre più parlare di accessori, cover, software per i cellulari e sempre meno di crisi, tasse e povertà. Segno che, alla fine, basta poco per rendere felice un italiota medio: regalargli un gadget elettronico. Saremo tutte pecore! ma pecore Hi-Tec.

E dato che questi fatti sono molto noti ai politicanti attuali, ecco che loro si occupano di ben altro (anche perché i tablet e gli iphone li hanno avuti in regalo dal governo per Natale). ABC adesso litigano per una legge elettorale che, a mio modesto parere, non si farà. Ovviamente a loro conviene far vedere di esser li sul punto di scriverla, salvo poi tirarsi indietro quando giungono all'ultimo paragrafo. Come per la tela di Penelope, anche loro sfilano la sera ciò che hanno telato di giorno. Ovviamente, per me che sono un umile ignorante, questo puzza di compromesso "sottobanco". Ma io sono sempre sospettoso.

Il loro degno maestro-alleato, il tecnico prof, usa quasi la stessa tecnica sfruttando a suo favore (per rimanere incollato ad una poltrona ricevuta in regalo dall'imperatore), spread, rating e catastrofi varie. "Se il governo cade adesso, l'Italia fallisce!"

Bene, facciamo la prova: vediamo cosa accade se domani lui ed i suoi tecnocrati andranno a casa. Vediamo cosa sarà questo fallimento per noi popolo schiavo. Vediamo se avremo, tutti insieme, la forza di risorgere. Ovviamente queste velate minacce hanno uno scopo ben preciso: dare tempo ai politicanti di organizzarsi per le prossime elezioni e far fuori, politicamente, chi potrebbe toglier loro anche un solo voto. L'ultima proposta indecente è quella di dare ai tre partiti di ABC, a prescindere dal risultato elettorale, una quota fissa del 10-15% di preferenze.

Questo perché, secondo l'infausta idea di un diabolico politicante, solo così si potrebbero premiare "in anticipo" i partiti "regolari". Come se i movimenti spontanei, quelli creati dal popolo SOVRANO, non avessero diritto alcuno. Solamente loro tre, non si capisce come, hanno l'investitura divina per rimanere al loro posto. Gli altri facciano da scudieri. Così se domani il capocomico dovesse prendere anche il 20%, sarebbe certamente superato da un pd o da un pdl che, anche racimolando il 15% balzerebbero almeno al 25%! Bella democrazia del cazzo! (scusate, è scappato).

Nel frattempo, con sistemi più o meno legali, chi possiede denaro lo sta portando via dalle banche italiane prevedendo un futuro crack. E le banche cominciano a perdere milioni di euro. E chiederanno altri prestiti agevolati alla bce che, ben contenta di farlo, darà loro altri miliardi di euro da investire in titoli statali. E noi continueremo ad aver fame.

Azzardo una previsione:
Arriveremo alle elezioni del 2013 con la paura del fallimento.
I movimenti politici non riusciranno ad avere potere decisionale.
I soliti politicanti rimarranno seduti dove stanno adesso.
Si cercherà altro denaro da rastrellare tra il popolo schiavo.
Altre aziende chiuderanno e andranno all'estero.
Noi saremo ancora qui a brucare l'erba.

Ecco, cari italioti, questo è il futuro che ci attende. Un futuro che noi stessi abbiamo scritto come dei condannati a morte cui verrà imposto il suicidio. Almeno si risparmierà sulla paga del boia.


Scusate il disturbo.
Giampiero Cirnigliaro

Nessun commento:

Posta un commento