venerdì 7 marzo 2014

In ricordo di quel 25 marzo del 1911



Una giornata, tante giornate  che odorano di mimosa:  Mimosa  bella  riposa  che il sogno  ti dona. "Il 25 marzo 1911,un incendio alla Shirtwaist fece 146 vittime: la maggioranza erano giovani donne immigrate dalla Germania, dall'Italia e dall'Europa dell'est, alcune donne avevano 12 o 13 anni e facevano turni di 14 ore per una settimana lavorativa che andava dalle 60 ore alle 72 ore. Pauline Newman, una lavoratrice della fabbrica, dichiara che il salario medio per le lavoratrici andava dai 6 ai 7 dollari la settimana.  

La Triangle Shirtwaist Company era diventata già famosa fuori dall'industria tessile prima del 1911: il massivo sciopero delle operaie tessili iniziato il 22 novembre 1908, conosciuto come protesta delle 20.000, iniziò come una protesta spontanea alla Triangle Company.La International Ladies' Garment Workers' Union negoziò un contratto collettivo di lavoro che copriva quasi tutti i lavoratori dopo uno sciopero di 4 mesi, ma la Triangle Shirtwaist rifiutò di firmare l'accordo.

Le condizioni della fabbrica erano quelle tipiche del tempo. Tessuti infiammabili erano immagazzinati per tutta la fabbrica, scarti di tessuto sparsi per il pavimento, gli uomini che lavoravano come tagliatori a volte fumavano, l'illuminazione era fornita da luci a gas aperte e c'erano pochi secchi d'acqua per spegnere gli incendi.Il pomeriggio del 25 marzo 1911, un incendio che iniziò all'ottavo piano della Shirtwaist Company uccise 146 operai di entrambi i sessi. La maggioranza di essi erano giovani donne. 

Poiché la fabbrica occupava gli ultimi tre piani di un palazzo di dieci piani, 62 delle vittime morirono nel tentativo disperato di salvarsi lanciandosi dalle finestre dello stabile non essendoci altra via d'uscita.I proprietari della fabbrica, Max Blanck e Isaac Harris, che al momento dell'incendio si trovavano al decimo piano e che tenevano chiuse a chiave le operaie per paura che rubassero o facessero troppe pause, si misero in salvo e lasciarono morire le donne. Il processo che seguì li assolse e l'assicurazione pagò loro 445 dollari per ogni operaia morta: il risarcimento alle famiglie fu di 75 dollari.

Quell'incendio segna una data importante,anche se non è da esso,come erroneamente riportato da alcune fonti,che trae origine la Giornata della donna. Migliaia di persone presero parte ai funerali delle operaie uccise dal fuoco. Le italiane erano almeno 39(molti corpi erano irriconoscibili)delle 146 donne morte in quello spaventoso incendio in una fabbrica di camicie dimenticato dall'Italia e ricordato invece,per un equivoco storico,come l'atto di origine dell'8 Marzo.

Era il pomeriggio di sabato 25 marzo 1911,quando il fuoco attaccò gli ultimi tre piani di un palazzone di Washington Place,nel cuore della metropoli americana.E ancora non è chiarissimo come la data,col passare dei decenni,sia stata«adattata»alla Festa della Donna.Quel che è certo è che l'8 marzo assunse col tempo un'importanza mondiale,diventando il simbolo delle vessazioni che la donna ha dovuto subire nel corso dei secoli e il punto di partenza per il riscatto della propria dignità....L'incendio della fabbrica Triangle, avvenuto a New York il 25 marzo 1911, fu il più grave incidente industriale della storia di New York."

"Dico la verità Questo è un mondo da donne E io sono più forte Abbastanza forte da superare tutto questo..."

Doriana Goracci

Nessun commento:

Posta un commento