lunedì 17 marzo 2014

"Crimea.. bentornata a casa!" Il richiamo della Madre Russia è stato sentito



Sono consapevole che è stata compiuta un'azione altamente democratica con il ritorno della Crimea alla Casa Russia. La Crimea era stata "donata" all'Ucraina da un ucraino, Kruscev, quando era presidente dell'Unione Repubbliche Sovietiche Socialiste. A quel tempo tutti paesi dell'EST, Ucraina compresa, facevano parte di una stessa struttura politica e quindi l'atto della "donazione" era puramente "simbolico". Diversa la situazione con lo sfaldamento dell'Unione Sovietica e con la conseguente situazione di estraneità in cui la Crimea si è venuta a trovare, soprattutto dopo il "golpe" reazionario filo occidentale della minoranza ucraina, foraggiata da USA e compagni. Nessuno ha avuto da ridire allorché un gruppo di facinorosi prezzolati ha rovesciato un legittimo governo, liberamente eletto, per insediarsi al potere a Kiev. Ma ora tutti i "democratici" hanno da lamentarsi perché in un giusto e legittimo referendum popolare per l'autodeterminazione la maggioranza assoluta della popolazione della Crimea ha scelto di tornare alla Madre Russia. L'ipocrisia e le bugie americane e della Nato e della UE non conoscono limiti. E che dire allora se la Scozia, prossimamente, decidesse di staccarsi dalla "perfida Albione" - come prospettato in un imminente referendum, e si rendesse "indipendente"? Cosa farà in quel caso Obama, la Nato e magari pure Israele? Dichiareranno guerra alla Scozia? Imporranno sanzioni? Ma dai, per favore, forse i giornalacci del potere potranno ancora far finta di credere nella “democrazia americana” ma nessun cittadino con un po' di sale in zucca potrà aderire alle pretese del dominio finanziario-bancario USA, su tutti i popoli del mondo....

Paolo D'Arpini



Crimea - Riccardo Fogli, ex Pooh: "Non vedo carri armati, è una festa!"




Piaccia o meno ad Obama, alla Nato, alla Ue, all'Onu, al Vaticano e, per finire,all'Uefa, il popolo ha scelto: la Russia.

Chiunque, come ad esempio i sopraelencati, non sia in assoluta malafede non può che prendere atto del referendum del 16 marzo 2014. 


Non ci sono stati scontri, nessun incidente, lo svolgimento rapido e scontato: gli abitanti della penisola sono e si sentono russi.


Sicuramente esiste pure una minoranza che tale non è, i tartari. Ma sempre minoranza è.


Andrà rispettata e garantita nella propria specificità, specie religiosa. Qualora la Russia non lo facesse sarebbe censurabile e passibile di sanzioni. Ma solo dopo non prima...., quando la violazione non si è verificata.

Le Nazioni Unite (che ipocrisia !) sanciscono, come fondamentale, il diritto dei popoli all'autodeterminazione. Ed ora cosa vanno cercando? Anzi è auspicabile che tutti gli abitanti di una qualsiasi parte del mondo, che si sentano "non rappresentati ed oppressi" dagli stati in cui sono incapsulati, possano decidere liberamente il proprio destino. Rispettando il diritto delle minoranze ad essere tali.

Forse qualcuno che sia espressione degli alti concetti della "democrazia occidentale" può darmi torto?


I presidenti Usa, con il codazzo dei loro servitori atlantisti dell'UEismo a 24 stati, hanno messo soldati, armi e dollari per manipolare la storia passata e contemporanea. Rovesciando governi e "regimi" di stati sovrani con la motivazione del diritto alla autodeterminazione dei popoli. Una serie interminabile di esempi ha macchiato di sangue e lastricato di vittime questa scelta.

Dal Vietnam a Panama, da Grenada alla Somalia, Libano, Irak, Afghanistan, Libia, Siria...chissà quanti ne dimentico. Ed il Kosovo, di appena ieri?


Oggi tocca a lor signori dover subire, hanno trovato un Putin  che ha frenato l'arroganza yankee.


Obama ha mirato ad annettere l'Ucraina sotto l'influenza a stelle e strisce, magari per spostare i propri missili dalla Polonia a basi più vicine a Mosca. Ha armato e finanziato i "ribelli" servendosi dello specchietto della adesione all'UEismo atlantico.

Invece di libere elezioni o di un referendum popolare ha rovesciato un governo legittimamente eletto.


Vogliono parte degli ucraini finire sotto la tutela americana e far parte dell'UEismo ?

Facciano pure, la legge valga per tutti.


Ma valga pure per la Ucraina russofona, per la Catalogna, per i Paesi Baschi, per il Galles, per la Corsica e per quant'altri lo richiedano.

Pure, negli Usa, per i Pellerossa e gli Stati del Sud.


Fesserie utopiche? Vaneggiamenti ?


Eh, no! Predicare bene e razzolare male è una costante umana sia degli individui sia delle strutture sociali, purtroppo.

Fin quando va bene si consolida una posizione, un regime, uno stato ed un impero.


Se inizia ad incepparsi il meccanismo perché si trova un ostacolo insuperabile (Putin,nel caso) si rischia di far flop e scoprire le carte.

La Crimea torna a casa ed Obama, Merkel, Cameron, Hollande (tutti lupi di primo pelo) possono solo belare. Accompagnati pure dal flebile lamento del capretto Renzi.

Vincenzo Mannello


...........................................


Altro articolo in sintonia:

Ucraina, Crimea libera e ritirata a stelle e strisce


Alessandro Lattanzio, 17/3/2014
Durante la votazione per la risoluzione sulla Crimea presentata dagli USA al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, cui la Russia ha ovviamente messo il suo veto, Samantha Power, l'ambasciatrice degli USA alle Nazioni Unite, in preda a una crisi di nervi, aggrediva  Vitalij Churkin, l'ambasciatore della Federazione Russa presso le Nazioni Unite. Ricordando con tono sarcastico il comportamento della 'signora', Churkin commentava: "Poteva andare in tour mondiale con le Pussy Riot, prima a San Pietro a Roma e a La Mecca, per poi terminare con un concerto davanti al Muro del Pianto a Gerusalemme". Infatti Samantha Power aveva invitato due ex-membri delle Pussy Riot a pranzo a New York, prima del concerto organizzato in loro onore da Amnesty International.
1977103
Il 97% degli elettori nel referendum in Crimea ha risposto 'sì' al quesito “La Crimea dichiara l'indipendenza, in conformità con la sentenza della Corte Internazionale di Giustizia delle Nazioni Unite del 22 luglio 2010, che dice che la dichiarazione unilaterale d'indipendenza di una parte del Paese non viola le norme internazionali, con questa decisione". La maggior parte dei crimeani, votando a favore del quesito, fa sì che la Crimea avvii il processo d'adesione della repubblica autonoma alla Federazione Russa. L'affluenza complessiva dei votanti è stata dell'81,37% e circa il 40% dei tatari s'è recato ai seggi elettorali. Il presidente russo Vladimir Putin ha detto che i cittadini della penisola hanno avuto la possibilità di esprimere liberamente la propria volontà e di esercitare il diritto all'autodeterminazione, "La sua effettuazione è pienamente conforme alle norme del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite, prendendo in considerazione il precedente del Kosovo, tra le altre cose". La prossima settimana, la Crimea presenterà ufficialmente il rublo come seconda moneta ufficiale con la Grivna ucraina, e la doppia moneta sarà in vigore per circa sei mesi. Nel complesso l'integrazione della Repubblica nella Russia richiederà un anno.
Lee Jay Walker dice a Tokyo Modern Times: "I mass media e i vertici politici di USA, Francia, Polonia, Svezia, Regno Unito e altre nazioni, stanno cercando di far capire che il diritto si deve applicare e le frontiere devono essere protette. Strano perché le grandi potenze occidentali s'introdussero subito negli affari interni della Jugoslavia riconoscendo nuove nazioni etniche. Naturalmente, questo doppio standard è tipico delle grandi potenze occidentali e questo vale anche quando ignorarono il diritto internazionale sostenendo la riduzione della Serbia sottraendole il Kosovo. Allo stesso modo, Cipro del Nord esiste grazie alle forze armate della Turchia che occupano questa zona ed espandono gli insediamenti turchi. Anche l'ex Cecoslovacchia ha accettato di separarsi creando così la Repubblica Ceca e la Slovacchia. Nel frattempo, nel Nagorno-Karabakh dell'Azerbaijan la comunità armena vuole unirsi all'Armenia, giustamente. Pertanto, la creazione di nuovi Stati nazionali, il cambiamento dei confini nazionali e l'aspetto militare di determinati conflitti sono una realtà evidente. In questo contesto, la crisi in Crimea non è l'unica in Europa degli ultimi tempi, oltre questo caso contrario all'agenda occidentale. Il mondo è in attesa dell'esito del voto in Crimea e di come la Federazione russa risponderà al risultato. Se la maggioranza dei cittadini sostiene l'adesione della Crimea alla Federazione russa, allora Mosca assai difficilmente ignorerà la volontà della Crimea. Dopo tutto, con l'inasprirsi dei sentimenti nell'Ucraina afflitta da nazionalismo, enorme debito e svolta verso occidente, diventando un nuovo caso disperato, ignorare le masse in Crimea potrebbe essere la soluzione peggiore. Anzi, sarebbe più sensato mettere un coperchio sugli eventi accettando la volontà del popolo di Crimea e cercando di risolvere le divisioni politiche, etniche e religiose che minacciano di polverizzare l'Ucraina".
1912369Putin, rispondendo a una telefonata di Obama, ha richiamato l'attenzione degli USA “sull'incapacità o mancanza di volontà di Kiev di tenere a freno i gruppi ultranazionalisti e radicali che destabilizzano la situazione e terrorizzano i cittadini, compresi la popolazione russofona e i nostri connazionali”. Ha anche discusso la possibilità di inviare una missione di monitoraggio dell'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione (OSCE) in tutte le regioni dell'Ucraina. E difatti il governo golpista a Kiev dichiarava "E' necessario stanziare fondi per le guardie e le truppe interne, per mobilitarle, e per l'effettivo adeguamento delle truppe. La richiesta prevede una spesa di 680 milioni di dollari. Anzi, dobbiamo stanziare fondi per la Difesa per 10 volte quanto previsto nella finanziaria". Nel frattempo, i media ucraini riportavano che la “Guardia Nazionale” aveva chiuso i confini con la Federazione Russa, per via delle tensioni a Kharkov e Lugansk. Infatti, gli abitanti di Donetsk e Lugansk hanno impedito il trasferimento di mezzi militari ucraini verso la frontiera con la Russia. "Abbiamo ipotizzato che il gruppo militare si stesse avvicinando al confine. Ed essendo per la pace e contrari a che la nostra terra veda un massacro fratricida, senza usare la forza e a viso scoperto, senza mezzi di difesa... a mani nude, abbiamo detto ai militari di tornare indietro; devo dire che avendo macchine agricole pesanti e che loro dovevano attraversare la nostra città, non so cosa sarebbe successo, ci sarebbe stata un'escalation della tensione che avrebbe causato il panico totale", aveva detto un attivista della milizia popolare.
La Russia schierava, intanto, un aereo d'allerta precoce Beriev A-50 in Bielorussia, nell'ambito dell'esercitazione della Difesa aerea bielorusso-russa, "Il 15 marzo, unità aeree e della difesa aerea che partecipano alle manovre hanno avviato le loro missioni nella difesa aerea seguendo il calendario previsto. Per rafforzare la componente del sistema regionale della Difesa aerea congiunta che partecipa alle manovre, un aereo di allerta precoce (AWACS) russo A-50 è stato rischierato nella base aerea di Baranovici. Le caratteristiche tecniche dell'A-50 permettono di incrementare significativamente la ricognizione radar, dirigere i caccia bielorussi e russi sugli obiettivi, e controllare le unità della difesa aerea".
Nella telefonata tra il segretario di Stato USA Kerry e il ministro degli Esteri russo Lavrov, avuta il 16 marzo, Kerry accettava la richiesta russa per la federalizzazione dell'Ucraina, in cui gli Stati federali avranno una forte autonomia nei confronti del governo centrale, “Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov e il segretario di Stato statunitense John Kerry concordano nel cercare una soluzione alla crisi in Ucraina sostenendo le riforme costituzionali, afferma il ministero degli Esteri russo, che non entra nei dettagli sulle riforme se non per dire che dovrebbero avere "una forma generalmente accettabile tenendo conto degli interessi di tutte le regioni dell'Ucraina... Sergej Lavrov e John Kerry hanno deciso di continuare a lavorare per trovare una risoluzione sull'Ucraina attraverso la rapida introduzione della riforma costituzionale con il sostegno della comunità internazionale", ha comunicato il ministero”. Lavrov ha anche esortato Washington ad usare la sua influenza su Kiev per far cessare le illegalità contro la popolazione russofona dell'Ucraina. Lo stesso Kerry descrive il processo per la nuova costituzione ucraina: il russo sarà nuovamente lingua ufficiale in Ucraina, le regioni avranno un'elevata autonomia, non ci saranno interferenze negli affari ecclesiastici e l'Ucraina rimarrà politicamente e militarmente neutrale. Qualsiasi decisione della Crimea sarà accettata. Il tutto garantito dal "gruppo di sostegno dell'Ucraina", composto da Stati Uniti, Unione europea e Russia, consolidato da una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. In una successiva telefonata al ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov, Kerry ha invitato Mosca "a sostenere pienamente gli sforzi ucraini nell'indirizzo della condivisione del potere e del decentramento attraverso una riforma costituzionale, ampiamente inclusiva e a tutela dei diritti delle minoranze". Washington sembra aver fallito nel sottrarre l'Ucraina alla Russia e ad integrarla nella NATO e nell'UE mentre Mosca si riprende la Crimea, dove il 97% degli elettori ha deciso di aderire alla Federazione Russa, sventando il piano degli Stati Uniti di cacciare i russi da Sebastopoli ed escluderli dal Medio Oriente. Infatti, l'uso della forza militare da parte dell'occidente sarebbe impossibile, ha impiegato mesi contro l'impreparato e mal equipaggiato esercito della Jamahiriya Libica, e ha fallito in Iraq, Afghanistan e Siria. La guerra contro la Russia sarebbe un disastro. Sapendo di essere incapace di affrontare una qualsiasi significativa minaccia militare, la NATO tenta la carta delle sanzioni economiche, ma l'applicazione delle "sanzioni" contro la Russia avrà il solo effetto di liquidare gli interessi russi ancora legati all'occidente, portando la Russia a cercare altri partner economici. La Russia poi avviando il dumping del dollaro USA, ne potrebbe aggravare la già precaria posizione da cui dipende interamente la stabilità degli Stati Uniti, e una nazione come la Russia ha la capacità di controllare l'occidente grazie a solide politica estera e strategia economica. L'ordine multipolare che promuove attrae molti alleati, come l'avversione all'ingerenza globale occidentale e il sostegno alla legittimità nazionale, soprattutto nelle situazioni estreme ai suoi confini, che ne minacciano la sicurezza nazionale. Russia, Cina e altre nazioni in crescita oramai denunciano ed isolano l'usurato modello unipolare dell'egemonia economica e geopolitica globale atlantista. “Mentre la Russia può contrastare geopoliticamente, militarmente ed economicamente l'occidente con numerose mosse, la NATO continua a perseguire questa incursione mal concepita ai confini della Russia, che potrebbe infliggergli un colpo tremendo. Come si è visto in Libia e in Siria, ogni mossa dell'occidente volta all'egemonia globale, gli costa in termini di credibilità e legittimità. Pochi possono vedere il segretario di Stato degli Stati Uniti John Kerry senza notarne l'oscena ipocrisia verso la Russia o le palesi provocazioni occidentali che hanno innescato tale confronto”. Pochi nel mondo, ma tanti in Italia, soprattutto nei mass media e nel governo. “La continua spinta occidentale in Ucraina, se avrà successo anche parziale,  costerà altra legittimità divenendo per l'occidente ancor più difficile agire in futuro. Nel frattempo, l'occidente si sovraestende con le sue varie azioni geopolitiche, come i nazisti nella Seconda Guerra Mondiale, divenendo sempre più vulnerabile all'inevitabile risposta che finalmente fermerà e invertirà definitivamente la sua azione globale. Per coloro che vi hanno investito, sarebbe il momento opportuno di mollare”.
21670
Dopo l'astensione sul voto per la risoluzione delle Nazioni Unite con cui gli USA hanno cercato di definire il referendum in Crimea invalido, la Cina dichiarava che non avrebbe appoggiato alcun 'percorso conflittuale' sulla crisi. "Non possiamo accettare l'assunto di base: dichiarare illegale il previsto referendum del 16 marzo con cui i residenti della Repubblica di Crimea dovranno decidere sul loro futuro", aveva affermato Vitalij Churkin, ambasciatore russo all'ONU, "La filosofia della proposta va contro uno i principi base del diritto internazionale, il principio della parità dei diritti e dell'autodeterminazione dei popoli sancito dall'articolo 1 della Carta delle Nazioni Unite". Pechino a sua volta ha detto che la "votazione sul progetto di risoluzione del Consiglio di sicurezza in questo frangente si tradurrà solo in un confronto complicando ulteriormente la situazione, che non è conforme agli interessi comuni del popolo ucraino e della comunità internazionale", ha dichiarato il portavoce del ministero degli Esteri cinese Qin Gang. La Russia, membro permanente del Consiglio di sicurezza dell'ONU, aveva posto il veto alla risoluzione del Consiglio che dichiarava il referendum sullo status della Crimea "senza alcuna validità", esortando nazioni ed organizzazioni internazionali a non riconoscerlo. "La Cina non è d'accordo con una mossa volta al confronto", chiedendo a tutte le parti di "astenersi da qualsiasi azione che possa aggravare ulteriormente la situazione".
Secondo Bloomberg i funzionari governativi e gli uomini d'affari russi si sono già preparati alle sanzioni. Nel caso che riserve valutarie e attivi bancari russi vengano congelati, la Russia probabilmente risponderà con un enorme dumping delle riserve e obbligazioni in dollari. Per rappresaglia la Russia potrebbe decidere di accettare solo lingotti d'oro per i pagamenti di gas, petrolio e altre materie prime. Ciò porterebbe probabilmente a una brusca svalutazione del dollaro e un aumento dei prezzi dell'oro. Infatti, nessun Paese sarà immune dalla guerra valutaria globale. La Russia come la Cina accumulano riserve auree da diversi anni. Il sistema dei petrodollari si basa solo su una cosa: la fiducia, che se dovesse svanire crollerebbe tutto il sistema. È il tallone d'Achille degli Stati Uniti e la Russia può colpirlo. Infatti, i mercati finanziari sono in allerta per la crisi Ucraina, fin dalle speculazioni secondo cui il Cremlino aveva iniziato a vendere quantità enormi di titoli del Tesoro USA. Oltre 100 miliardi di dollari hanno lasciato gli Stati Uniti la settimana scorsa, una massa almeno tre volte superiore alla media, pari all'80% delle obbligazioni del Tesoro USA detenute dalla Russia, suscitando il timore che Mosca si prepari alle sanzioni occidentali. La banca centrale russa sarebbe dietro tale azione e Aleksej Miller, dirigente di Gazprom, e Igor Sechin, direttore di Rosneft, sono probabilmente nel mirino delle sanzioni minacciate contro la Russia. L'allarme era scattato dopo che la FED aveva riferito che i buoni del Tesoro erano scesi di 105 miliardi di dollari nella settimana terminata del 5-12 marzo, passando da 2,96 a 2,85 miliardi.
In Russia, inoltre, le prime quattro banche commerciali degli Stati Uniti, Citigroup, Bank of America Corp, JPMorgan Chase e Wells Fargo, hanno circa 24 miliardi di dollari di esposizione. Poco rispetto all'esposizione delle banche europee. "L'Europa è in una posizione difficile in quanto la sua economia è interconnessa con quella russa", afferma l'azienda di consulenza Petromatrix. La Russia ottiene oltre la metà dei suoi ricavi economici dalle esportazioni energetiche, e fornisce all'Europa un quarto del petrolio e un terzo del gas che utilizza. La Russia è anche il maggiore esportatore di metalli e uno importante di grano. Ed il Paese è anche il quinto mercato per consumatori del mondo: lo scorso anno ha importato quasi 350 miliardi di dollari di beni di consumo, cibo, medicine e macchinari; metà solo dall'Unione europea. Il 10 marzo, King World News, blog finanziario, intervistava William Kaye, manager di hedge fund della Pacific Group Ltd. di Hong Kong: William Kaye “Ora vi sono segnalazioni dall'Ucraina secondo cui l'oro ucraino è stato trasferito in aereo, alle 2:00, dall'aeroporto Borispil di Kiev, e portato a New York, presumibilmente alla FED di New York...” Si tratta di 33 tonnellate d'oro, circa 1,5-2 miliardi di dollari, un buon acconto sui 5 miliardi di dollari che Victoria Nuland vantava  gli Stati Uniti avessero speso per destabilizzare l'Ucraina e imporre un governo fantoccio. Eric King: "Quando gli Stati Uniti abbatterono Saddam Hussein in Iraq e Muammar Gheddafi in Libia, hanno sempre trovato l'oro alla fine dell'arcobaleno, di cui poi si appropriavano". Kaye: “Esatto. Gli Stati Uniti hanno messo al potere un ex-banchiere in Ucraina, grande amico dell'occidente. Ha lavorato alla banca centrale. Questa sarebbe stata la sua prima decisione importante, inviando l'oro dell'Ucraina negli Stati Uniti”. Si ricordi che la FED di New York non ha potuto restituire le 300 tonnellate di oro tedesco depositate negli Stati Uniti e che la Germania ha voluto indietro. Dopo un anno, la FED di New York ha inviato solo 5 tonnellate d'oro. Quindi la FED non ha nemmeno 5 tonnellate di oro nei suoi depositi. La Bundesbank ha perfino ammesso che l'oro inviato dalla FED è stato fuso e analizzato perché non si trattava dei lingotti originali. Così l'Ucraina probabilmente non rivedrà mai più il suo oro.

Nessun commento:

Posta un commento