domenica 3 marzo 2013

Berluscone come Al Capone… ma l’ultima carta del napoletano resta il monti


L'ultima carta del napoletano.... ?

Un po’ di storia. Il fatto sconcertante che aveva frenato lo sviluppo dei programmi nell’ultimo Governo Berlusconi, per chi non l’avesse capito, era causato dalla Legge elettorale che impediva a Berlusconi di liberarsi di persone incapaci o forse di esplicito danneggiamento, le quali occupavano posizioni chiave come la Presidenza del Parlamento e il Dicastero dell’Economia, che si erano rivelati di ostacolo al Governo ai danni del Paese.
Per entrare nel merito dell’argomento in modo più comprensibile, sono obbligato ad allargarmi con un esempio reale, accaduto in America fra il 1920 e il 1940 avente per soggetto un certo “Al Capone Italo/Americano”, che la storia l’ha descritto come un Mafioso, addirittura un Gangster, mentre in realtà era un uomo dalla mentalità molto aperta al progresso e al benessere dei cittadini.
Egli ebbe l’ardire e le capacità di crearsi un Impero esercitando su molti prodotti di largo consumo, che in seguito divennero il cavallo di battaglia e il principale profitto di molti Governi del mondo, con le: Assicurazioni, la Polizia Privata, la famosa Guardia del Corpo, Parchi e Giochi per divertire, Giochi di azzardo, Casinò e Lotterie, Alcolici, la tratta delle Bianche, oggi in Italia denominate Escort anche maschili pronti a prostituirsi per una poltrona assicurata nel Governo, nei Partiti, nelle Regioni.
Le Olgettine invece sono un po’ come il KGB, la Gestapo, le Bandiere Rosse, i Fazzoletti Verdi, gli 00 da 90 per informare, difendere, Body Guards, Fiduciari tutto fare.
AL Capone divenne persona molto influente e ricca, dando lavoro a migliaia di persone, aiutava famiglie bisognose e persino Istituzioni non Profit e Istituti Religiosi, creandosi molti amici ed anche acerrimi nemici specie fra gli invidiosi, al punto che tutto quello che succedeva in quel tempo, veniva attribuito ad opera di Al Capone, esattamente come avviene oggi in Italia, quando piove o nevica è sempre colpa di Berlusconi, allo scopo di frenare il cambiamento del Paese e mantenere il disordine a beneficio della Casta del Partito dei privilegiati.
Per impedire che Al Capone arrivasse a conquistare la Presidenza degli Stati Uniti D’America, intervennero i Macachi o PM finanziati da interessi opposti e misero la Legge alle sue calcagna, accusandolo di false malefatte con la mediazione di delinquenti pagati, che poi finivano sempre in nulla di fatto.
Per toglierlo dai piedi e portarli via tutto, fecero intervenire il Fisco con testimonianze fittizie, e finalmente lo sbatterono in Galera per farlo uscire dopo alcuni anni molto malato decretando la fine di un uomo che avviò il grande Business nel più grande Stato del Mondo.
Gli Americani, i quali furono sempre all’avanguardia proprio per i sistemi di libertà citati pure nella loro Costituzione, intuirono che la Politica Dei partiti non era la strada giusta da percorrere e che ben presto si sarebbe trasformata in una forma di Regime di Polizia con la Democrazia Totalitaria (esattamente come in Italia), che in sostanza mira alla confusione, sostenuta da tutti i Partiti per procedere liberamente e beneficiare degli interessi privilegiati riservati alla Casta.
Per questa ragione in America i Partiti Politici rappresentano una figura secondaria, mentre le scelte sono dirette prevalentemente verso la Persona, il Presidente, il tutore Politico del paese, al quale poter fare affidamento.
Grillo ha capito il raggiro effettuato dai Partiti Politici Italiani, assecondati dai Media abilissimi confusionari, portandosi anni luce nel distacco del pensiero fra i suoi contendenti, conquistando la fiducia degli Italiani con il contatto diretto nelle piazze a tu per tu con la gente, con l’impegno personale di riordinare il Paese con l’aiuto dei sostenitori. Non lasciatevi scoraggiare dalle male lingue pagate per diffondere zizzagna, gli inizi saranno duri ma con il vostro supporto ci riusciremo.
Anche in Italia ma con un processo molto lento, dovuto alla negativa collaborazione esterna dei mercenari dell’informazione ben retribuiti dal Sistema, dove si può notare che il pensiero del cittadino comune sta cambiando, voltando le spalle all’informazione Mediatica e giudicando dalla realtà dei fatti espressi a viva voce dai contendenti alla guida del Paese.
I risultati riscontrati nei conteggi delle ultime elezioni, dimostrano la volontà dei cittadini al cambiamento, eliminando i Partiti Politici, sinonimo di corruzione e della grande abbuffata all’italiana.
In sostanza il PD rappresenta l’ultimo Partito dei Moicani, sostenuto dalla Presidenza e dai Privilegiati della Casta, ma alla fine dovranno cedere al cambiamento di un Paese ormai distrutto, aggiornandosi alle tendenze richieste dalle masse per i cambiamenti necessari a salvare la Nazione dalla continua corruzione censurata, i cui danni si riversano direttamente sui lavoratori.
Si pensava che l’Italia fosse un Paese emancipato, evoluto, ed invece la realtà dimostra un Paese ghettizzato da convinzioni Politiche settoriali tutt’altro che avanzate, le quali ci hanno indotto alla recessione totale.
Dalle ultime Elezioni Politiche possiamo notare che circa un terzo degli Italiani vivono ancora nel Medio Evo o molto prima, ed un altro terzo vive nel limbo della politica, continuando a lamentarsi, soffrire, morire, ma senza le capacità di scrollarsi da dosso, quelle tante umiliazioni subite giornalmente da anime sataniche, le quali con maligna abilità riescono a convincere tutti coloro che si lasciano influenzare dall’arte ingannatrice della disinformazione, per continuare a trionfare nelle loro posizioni privilegiate della Casta.
Si riuniscono in gruppi di Potere allargandosi sempre più con regolamenti speculativi creati allo scopo, intrufolandosi in quasi tutte le funzioni redditizie di una Nazione, compreso la Giustizia e i Sindacati, il Servizio dell’Ordine Pubblico, Monopolizzando Industrie d’interesse dove possono rifocillarsi gratuitamente, i Servizi al Pubblico e molto attenti nel controllare l’informazione in modo che le malefatte non sconfinano all’attenzione dell’opinione Pubblica.
Tutte le magagne e i crimini più efferati sono da sempre ad opera dei Partiti Politici e li custodiscono gelosamente come opere d’arte racchiuse fra le mura della disinformazione; e la Giustizia?? Non importa, tanto il popolo é soltanto un gregge di pecore dal pensiero in contrasto con i diversi modi di belare.
Il mondo sta cambiando e sulla scia dei cambiamenti pure una piccolissima parte dell’Italia sta gradualmente cambiando, con grave ritardo ma sta cambiando, abbandonando i Partiti Politici e responsabilizzando le persone di merito che possano Governare la Nazione con rispetto ed etica professionale, in collegamento continuo con l’elettorato.
Lo dimostrano le statistiche ufficiali delle ultime elezioni del Febbraio 2013, su una popolazione residente di 59.464.644 di cui 46.905.154 elettori.
Dal totale dei votanti, (46.905.154) meno 11.633.613 non votanti o schede nulle e 1.269.017 di voti sprecati destinati a Partiti di serie “Z” per un totale di 12.902.630 come se avessero votato soltanto 34.002.524 di persone, ossia il 57, 18% degli Italiani.
Dalle votazioni sono mancati la parte più intelligente dell’elettorato, i bambini nell’età del perché? Mamma, perché quel vecchietto di 90 anni continua a votare per i Comunisti, che non ci sono più? Papà, perché lu Prete dice alle vecchiette che devono votare per la DC, UDC, CL, che sono i partiti della Chiesa, altrimenti Gesù si incazza e li fa venire l’influenza e poi muoiono?
La sperequazione delle cifre sotto esposte evidenzia un tentativo di cambiamento degli Italiani, con una dimostrazione ben chiara sotto ai nostri occhi.
10.047.808 di voti sono andati alla Coalizione capitanata dal Partito Democratico.
9.922.850 di voti sono andati alla Coalizione di Berlusconi.
8.689.458 di voti sono andati al Movimento di Grillo da solo.
3.591.607 di voti sono andati alla Coalizione della lista Monti.
Da queste cifre si deduce che un terzo degli elettori sostiene ancora un partito (il PD), mentre la grande massa di elettori sostiene la fiducia espressa ad una sola persona in rappresentanza della sua fidata Organizzazione.
Qualcuno avrà già capito il significato e la differenza che intercorre fra un Partito costruito intorno a tanti comandanti in assoluta libertà, apparentemente controllati dalla Giustizia che vede o non vede secondo gli interessi del momento, e la differenza esplicita sulle responsabilità di un uomo “il garante dell’organizzazione” che controlla ogni singolo movimento o azione dei suoi subordinati.
Anthony Ceresa

Nessun commento:

Posta un commento