sabato 16 marzo 2013

Altro Grillo... di tanti anni fa, si chiamava Adolfo



Premessa: Ho cercato finora di "occuparmi d'altro "... ma ormai, ognuno, veramente si deve prendere le proprie responsabilità... questo messaggio, che viene da persone serissime, non si può ignorare, leggendolo capirete perché... (Franca Chichi)

"Mi hanno proposto un'alleanza, ma loro sono morti! 
Non hanno  capito di avere a che fare con qualcosa di completamente diverso  da un partito politico. I contadini, gli operai, i commercianti, la classe media,
tutti sono testimoni... invece loro preferiscono non parlare di questi 13 anni passati, ma solo degli ultimi sei mesi... chi è il responsabile? Loro!
I partiti! Per 13 anni hanno dimostrato cosa sono stati capaci di fare.
Abbiamo una nazione economicamente distrutta, gli agricoltori rovinati, la classe media in ginocchio, le finanze agli sgoccioli, milioni di disoccupati.. sono loro i  responsabili! 
Io vengo confuso.. oggi sono socialista, domani comunista, poi sindacalista, loro ci confondono, pensano che siamo come loro. Noi non siamo come loro!
Loro sono morti, e vogliamo vederli tutti nella tomba! Io vedo questa sufficienza borghese nel giudicare il nostro movimento.. mi hanno proposto un'alleanza. Così ragionano! 
Ancora non hanno capito di avere a che fare con un movimento completamente differente da un partito politico...noi resisteremo a qualsiasi pressione che ci venga fatta. E' un movimento che non può essere fermato... non capiscono che questo movimento è tenuto insieme da una forza inarrestabile che non può essere distrutta..noi non siamo un partito, rappresentiamo l'intero popolo, un popolo nuovo... "
(Adolf Hitler - 1932)

"L'assonanza con quanto Grillo sta farneticando è davvero inquietante" (Vittorio Peruzzi)


..................................

Commento ricevuto di altra fazione:

Insomma, se un analisi di una situazione sociopolitica dell’Italia di oggi corrisponde a quella della Germania di 80 anni fa, allora Grillo è uguale a Hitler..???
E la logica, l’onestà intellettuale, il contesto storico dove li mettiamo..?
E’ uno dei più scorretti esempi di malafede che si siano letti negli ultimi tempi.
Certo dettati dal panico di vedere svanire la greppia da cui i corrotti, i truffatori, gli incapaci, i ladri hanno tratto il proprio personale benessere a scapito dei cittadini e del Paese…!!!
RASSEGNATEVI..!! E’ FINITA..!!!!
Se vorrete continuare a vivere dovrete andare a lavorare…!!

Alessandro Mezzano

....................................................

Altro commento: 

"I riferimenti del passato non sempre calzano con il presente. Anche perché del passato ne sappiamo poco e quel poco ci è stato anche mal raccontato. Nella historia magistra vitae , Guicciardini dice che occorre procedere con un metodo deduttivo, studiando ogni circunstanza nella sua condizione e nella sua individualità, e poi agendo di conseguenza.  L'onestà non si addice alla politica, che spesso preferisce il "guercio" e  il "Grasso" ..." (Giorgio Quarantotto)


................


Riscrive Franca Chichi: "Ciao Paolo, credo proprio che tornerò ad "occuparmi d'altro", cosicché il mio nome non serva più per enfatizzare messaggi o per farmi entrare in "pollai ", da me mai voluti frequentare, devo comunque dire grazie a questa esperienza perchè mi ha fatto capire che qualche "messaggio" da me ai tuoi lettori è passato, infatti mi è piaciuto moltissimo l'appellativo..."innamorata-ispirata dal "Grillo" Sai Baba...”..quel signore ha perfettamente ragione... nessuno è più innovativo e dirompente di Sai Baba ...chiaramente esperienza del tutto soggettiva e personale...altrimenti... si salvi chi può...!!!? Inoltre, a mo' di saluto, ricordo di aver scritto che ognuno si deve prendere le "proprie" responsabilità... allora... perché scaricarle sempre "sull'altro", che magari ha un'altra idea o semplicemente ha fatto da cronista inoltrando un messaggio ricevuto, che è il mio caso? Io ne ho ricevuti a decine sull'argomento, ho semplicemente lasciato che ognuno si esprimesse liberamente, perché così deve essere in un paese "democratico", e non sono mai intervenuta a giudicare o demonizzare , senza, peraltro, conoscere nulla della vita, dei pensieri e delle esperienze di chi mi credo "di fronte". Purtroppo sarà così, finché non ci renderemo conto che ognuno è un pezzetto dell'altro... ...alla...grillo Sai Baba...”



Mia rispostina: “Penso cara Franca, che sia giusto e corretto occuparsi delle cose del mondo senza separarle dallo spirito. Perché questa è la verità, non c'è separazione!”


........................................


Altro commento di fazione opposta: 

Scrive Yuri: "Salve, non scrivo certo per difendere Grillo, perché credo che non abbia proprio bisogno di me per essere difeso da parole, oserei dire assurde come queste. 
Per favore non esageriamo... il titolo che avete messo a questa mail mi pare improponibile: "Altro Grillo... si chiamava Adolfo"
Non riesco proprio a capire se, chi ha messo questo titolo, sia una persona con spiccate ed eccellenti doti di veggenza, o sia un folle, un pazzo....
Hitler ha commesso nefandezze e crimini tra i più grandi della storia. Grillo sta dicendo che i politici e i loro partiti non sono stati capaci di fare niente, ma solo di portare avanti i loro sporchi interessi e quelli delle multinazionali e di chi sta ancora sopra a queste. Se pure Hitler, a suo tempo, coinvolse le masse dicendo loro che i partiti non erano capaci di essere al fianco delle persone, e che erano stati i colpevoli della rovina del paese, non significa certo che i passi successivi devono poi essere gli stessi.  Ma state scherzando?
Non so come fate a fare un paragone del genere.
Per favore, se avete intuizioni di cosa potrebbe fare Grillo nei prossimi anni, spigatemi, mostratemi le connessioni, altrimenti questo vostro messaggio non può risultare altro che follia allo stato puro."


Mia rispostina: "Caro Yuri, ti risponde il titolista, che ha votato sia alla camera che al senato per il M5S. Il titolo è una provocazione... e comunque è riferito al periodo in cui Adolf era ancora un "parolaio" e non aveva preso il potere e non aveva ancora fatto i macelli che sappiamo.
L'articolo soprastante non è di mio pugno, l'ho ricevuto da una amica e pubblicato,  e ti ho premesso  di aver votato per M5S perché ritengo che sia l'unico movimento -al momento attuale- in grado di dare una bella sterzata al sistema politico. Solitamente siccome sono fondamentalmente anarchico voto per la compagine che promette più scompiglio... e così ho sempre fatto. E continuerò a fare. D'altronde ritengo che bisogna dare una botta al cerchio ed una alla botte e vedo che in questo momento il Grillo non manifesta una capacità politica adeguata alla situazione, ritengo che una bella sculacciata se la meriti! Parimenti, come  puoi ben vedere, sono presenti in questo post anche diversi commenti "critici" (da me inseriti)  a quanto espresso nell'articolo.  Buona Vita a Te! (Paolo D'Arpini)"


....................

Un buon consiglio a Beppe Grillo:


Vedi caro Grillo anziché fare l'autoritario e comportarti da dittatore,  che rischi pure di essere antipatico, se a suo tempo  anziché perdere tempo con la favola dell'abolizione delle province o il taglio dei parlamentari avessi invece spiegato bene, ma proprio bene, che il PD (e chiunque vi si iscriva, lo voti e si allei, ecc) è il primo responsabile della svendita dell'Italia al potere finanziamo usuraio, della privatizzazione di Bankitalia spa, del neoliberismo con le finte liberalizzazioni che hanno permesso di svendere l'Italia alle multinazionali (ENEL TELECOM, FS, ENI, FINMECCANICA, POSTE, ACQUA, ALITALIA,ecc)  oggi magari avresti meno sinistroidi dentro il tuo movimento, ma certamente quelli  che avresti, sarebbero più consapevoli del vero obiettivo della rivoluzione che è la sovranità in senso lato e l'autonomia monetaria. Invece ti ritrovi con dei possibili "traditori", cosi tu stesso li hai definiti, "innocenti allo sbaraglio", sol perché sono ancora illusi che la "sinistra italiana" abbia ancora a che fare con il bene del popolo, quando ormai è risaputo che tutta la rivoluzione bolscevica (e tutti i derivati europei) è stata creata e finanziata da Wallstreet. Il Troskysta Bersani non può quindi, con la faccia di marmo e lo slogan rubato di "bene comune" (dei banchieri però), fare altro che servire i suoi padroni. Certamente spiegare questo era troppo ma alla fine le equazioni storiche tornano sempre.
Giuseppe Turrisi

................................

Commento di Massimo Sega: "Collegare le parole di Grillo a quelle di Hitler vuol dire enfatizzare Grillo, che attore era e attore rimane. Lo vedete Grillo che scrive un Mein Kampf ? A questo si aggiunga che in Germania, quando ad un soldato si diceva di difendere una tanica vuota, per rispettare questo incarico avrebbe sacrificato la vita. Da noi invece, non si è sacrificata la vita neppure per difendere un Paese intero e garantire l'incolumità di migliaia di soldati e di milioni di cittadini. Il Re nel 1943 scappo' lasciando allo sbaraglio una nazione; Mussolini, abbandonato e tradito anche dalle sue camice nere, lo ritroviamo su un camion tedesco vestito da militare tedesco; Hitler si uccise insieme ad alcuni suoi fedeli; i tedeschi hanno difeso il loro territorio palmo a palmo. Noi tutti a casa. La Germania ha perso la guerra come noi, ma.......  Un corrotto scoperto, negli altri paesi europei va a casa. Da noi......... Grillo oggi ha il 25% dei voti degli Italiani. Gli stessi in presenza di loro possibili sacrifici, si aggrapperebbero ad un nuovo Grillo, che ricomincerebbe a fare demagogia. Dove stavano questi Italiani quando avevano la pancia piena. Mi si consenta dire che i "fedeli" di Grillo, per me e per le mie infinite e pluriennali esperienze, non  sono tali per disgusto del malcostume, non per un fatto etico, ma perché cominciano ad avere direttamente o indirettamente la pancia vuota o anche per rabbia. Ma la rabbia non e' eticità, non e' coscienza, ma solo epidermide, reazione impulsiva, chi sa, forse dovuta all'invidia.    Questi elettori, per me, sono la stessa genia che andava a sbafare i pranzi elettorali. In America, avviene l'inverso: i fedeli dei candidati, sono loro che pagano.     
Con questo non difendo la casta politica. Purtroppo la casta la troviamo ovunque: nei condomini, negli ospedali, nelle universita', nelle aule di giustizia, nei giornalismo, nella Chiesa, nei servizi pubblici, nei dipendenti pubblici, nelle aziende private, nei club sportivi ecc.ecc. a danno di quei cittadini che non possono, per motivi soggettivi od oggettivi, divenire casta. Ognuno ha il governo che si merita. Quindi dovremmo, per prima cosa, educare il nostro popolo a non essere casta, a non guardare solo, come diceva Guicciardini, il nostro "particulare"

Tutto questo è triste
 Massimo Sega 


.......................

Ultime Notizie del 21 marzo 2013:

Contrordine ragazzi, Grillo è un bravo ragazzo e la notizia  precedentemente inviata sulla somiglianza fra lui ed Adolfo è stata smentita:

Scrive Franca Chichi: Sono veramente molto molto felice, molto di più di quanto potete immaginare, di inoltrarvi questo messaggio inviatami da un'amica che ringrazio dal profondo del cuore.

Questo messaggio dimostra e conferma che viviamo in un tempo in cui tutto può essere manipolato...e così è stato anche per il messaggio concernente un passaggio di un discorso di Hitler di cui si voleva far notare una presupposta somiglianza con qualcosa detta da Grillo.


Quelle parole mi avevano impressionato e istintivamente, ingenuamente e sbadatamente le avevo diffuse, provocando le rimostranze di alcuni che credono fermamente in Beppe Grillo e nel suo Movimento. Cosicchè da persona che da circa 40 anni (dicasi quaranta) nel suo piccolo o piccolissimo
e comunque nel modo che può, lotta contro le disuguaglianze, per l'etica, la giustizia e i diritti umani e civili...si ritrova sul banco degli accusati e contro
il cambiamento !!!


E tutto quello che ho detto, scritto e diffuso in questi anni ?
Capisco, perché l'ho vissuta e la vivo, la folle profonda delusione di questi anni, ma capisco anche che, senza accoglienza e profondo rispetto per ogni plurale opinione e aspetto della nostra vita, non ci sarà vero cambiamento.


La vostra speranza è anche la mia, è veramente ora che qualcosa AVVENGA, e grazie a Grillo, STA  AVVENENDO, ma non dimentichiamoci, l'accoglienza
e il rispetto per ogni Essere umano,di qualunque colore sia e qualunque opinione esprima.


Franca Chichi

Qui la prova dell'innocenza di Grillo: http://www.mondoinformazione.com/notizie-italia/beppe-grillo-citazione-falsa-hitler/89243/  





San Grillo Beppe


......................................

Commenti altri: 

"Non credo ci fosse stato bisogno di una smentita, così come ho trovato superflue o sprecate (seppur interessanti) alcune spiegazioni date per commentare questo articoletto, tra cui la tua, caro Paolo, dove hai tenuto a specificare ....e che Grillo lo hai sostenuto e votato, e che le parole erano riferite a quando Hitler era un “parolaio“, e che... ecc, ecc... Che bisogno c‘era? Ma non si capiva al volo che era la classica forzatura (direi, ingenua) bufala-stronzata scritta in evidente malafede? Meritava addirittura spiegazioni? Fossi stato in te non l‘avrei neanche pubblicato... E poi, anche se fosse stato vero,sarebbe fin troppo facile, andando a spulciare, trovare stralci di discorsi o idee che potrebbero collegare qualsiasi pazzo santone di qualche setta o mostro della storia con Sai Baba, Berlusconi, D‘Arpini o madre Teresa di Calcutta... è un giochino quotidiano, spesso praticato subdolamente dai giornali e telegiornali, che ben tutti conosciamo: perché abbassi il tuo giornaletto a siffatto livello? In cosa ti distingui? Forse sarebbe ora che facessi un minimo di cernita dei tuoi “cronisti“ evitando che possa apparire un puttanaio e dando una “linea editoriale“ credibile e affidabile. Ah già, però, ora che rammento, lo fai per la gloria... e io leggo a sbafo. Allora scusami, come non detto, va bene così: ehm direi... che fai pure troppo! Ciao." (Armando)


Mia rispostina: "Grazie per la comprensione, caro Armando...
Neppure per la gloria, solo per dovere! Mi tocca e basta...
Mi piace tra l'altro creare zizzania, perché attraverso la confusione si vede meglio chi ha voglia di chiarezza e chi invece si accontenta di bluffate mediatiche, insomma la confusione è una tattica! (Paolo)
P.S. Preparati a settembre ad ospitarmi per un incontro, lì a casa tua che mi è piaciuta, magari presento anche il mio nuovo libro "Riciclaggio della Memoria"

..................................


Ulteriore precisazione di Franca Chichi: "Visto che non frequento molto questo blog, non avevo letto le ulteriori divagazioni del solito commentatore.. e quindi sono veramente lieta di farlo contento inviando la smentita di cui sopra, così che si possa suggellare positivamente e definitivamente il nostro scambio, intendo con te.  Sono certa che lui continuerà... senza che io abbia il piacere di leggerlo. BUONA VITA!"

5 commenti:

  1. “E la logica, l’onestà intellettuale, il contesto storico dove li mettiamo?“ infatti... da nessuna parte! Chi si cimenta con i soliti banalissimi scritti, triti e ritriti, innamorata-ispirata dal “Grillo“ Sai Baba o chi trova “inquietante“ simili astruse assonanze non si rende conto che di inquietante e farneticante c‘è solo le stupidate che riesce a pensare: non ci si puó aspettare troppo da costoro.
    Lasciamo pure che sparino la loro cazzata quotidiana, è l‘unico modo per dimostrare che esistono; ma per favore, non prendiamoli troppo sul serio! Scusate ma non se ne puó piú di leggere stronzate.

    RispondiElimina
  2. Egregia Franca Chichi credo che sia una saggia decisione tornare ad “occuparsi di altro“ se frequentare nuove spiaggie vuol dire “inoltrare“ stupidi messaggi (per non dire bestialità...) con la facile pronta scusa che si è solo “fatto il cronista“... con l‘aggravante e contraddittoria premessa che “ognuno si assuma le proprie responsabilità“ (voglio crederla profondamente ingenua per evitare di andare oltre...). Se poi è vero che “non è mai intervenuta a giudicare o demonizzare“ nessuno evidentemente non ha nemmeno letto il senso di ció che ha inoltrato. Infine sto.... appunto..., “esprimendo liberamente“ un mio pensiero in un “paese democratico“ assumendomene la responsabilità, scevro dalla comune vigliaccheria che invece riscontro ampiamente nella sua risposta... Ah! per favore, non se la prenda con me se si sente offesa, io non c‘entro niente: ho solo “inoltrato“ il pensiero di un mio amico.
    Armando Marchesini, cronista.
    PS. Io il pollaio ce l‘ho e ci entro molto volentieri, tutti i giorni. Per fortuna le mie galline fanno solo le galline ...e non si “occupano di altro“.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Caro Paolo, ti prego spiega bene che l‘occuparsi delle cose del mondo senza separarsi dallo spirito, non vuol dire scrivere con accanto una bottiglia di vodka.
      Scusa la “durezza“ e sarcasmo del mio intervento sopra ma vorrei che la gente si renda conto (anche se in fondo ci credo poco) e subisca le conseguenze delle assurdità e profonde offese delle intelligenze altrui.
      Pace e bene.

      Elimina
  3. In realtà basterebbe leggere i commenti al post citato ( la prova dell'innocenza) per capire che invece il discorso c'era eccome, pur se con alcuni tagli (infatti era una estrapolazione).
    Ovviamente il paragone di Grillo a Hitler è insensato, ma la scelta degli stessi argomenti retorici e perfino dello stesso "tono" dovrebbe far riflettere.

    Qui si trova il discorso intero e senza tagli (United Stated Museum of Holocaust) così ognuno può leggere e farsi un'idea sua.
    http://collections.ushmm.org/search/catalog/fv5067
    (bisogna cliccare su "Description")

    RispondiElimina