mercoledì 17 settembre 2014

Ogni mille giorni.... un asilo nido per matteo renzi


Firenze - Renzi inaugura un asilo nido

Il Premier Renzi ha annunziato trionfalmente “mille asili nido in mille giorni”; e questo grido è risuonato in tutta la Nazione. Ma forse quel grido doveva essere leggermente correttoe cioè “mille asili nido ogni mille giorni" (o forse: un asilo nido ogni mille giorni ndr).

Se infatti si riflette alla tremenda arretratezza italiana in questo fondamentale settore della formazione umana. Con alcune semplici cifre.

L’Europa chiede che gli asili nido accolgano almeno il 33% dei bambini tra 0 e 2 anni, mentre l’Italia si trova al 13,5%; dove però i nidi statali sono solo 3.700, mentre 5000 sono privati.
E quel 33% significa qualcosa come oltre 32.000 asili nido, che dovrebbero essere realizzati in gran parte – se non nella quasi totalità – dallo Stato.
Il quale potrebbe anche chiedere un aiuto al privato, in particolare alla Chiesa, alle associazioni benefiche,
o anche alle grandi fortune con una speciale imposta, e in genere alla Nazione..
Ma l’impresa resta sempre immane. Ci vuole almeno un piano decennale o ventennale o trentennale.
Si capisce allora l’insoddisfazione del sindacato.

Particolarmente grave è la situazione del Sud. In Sicilia solo il 5,6% dei bambini è  accolto in asili nido; in Puglia il 4,4; in Campania il 2,7; in Calabria il 2,1.

Qui i Comuni dovrebbero fare un serio esame di coscienza sui loro sprechi.

E noi tutti lo dovremmo fare.

                                                                                            
                                                                                                       Prof. Arrigo Colombo  

 Arrigo Colombo, Centro interdipartimentale di ricerca sull’utopia, Università di Lecce
Via Monte S.Michele 49, 73100 Lecce, tel/fax 0832-314160

Nessun commento:

Posta un commento