lunedì 26 maggio 2014

Europa: "In hoc signo vinces" - Analisi post elettorale crudele e "insensata"


CHI HA VINTO LE “EUROPEE”?

Risposta: Putin

Ma sei scemo?”, l’obiezione scatta dall’imbecille di turno. “In Russia non si votava, non è neanche nell’Unione Europea”. Frasi da premio Nobel. Dell’ovvio e dello stupido.
Se invece guardiamo con occhio disincantato e con il grandangolare quello che è uscito dalle urne, si vede delineato un quadro per alcuni scioccante, per altri (per me, per esempio) esaltante.

Prima considerazione. Astensionismo alle stelle, crescente ed inarrestabile. “Quest’Europa” è più di una delusione, è un tradimento di un amore regalato, è una speranza stracciata, è un’attesa neppure presa in considerazione. E gli europei lo hanno mandato a dire chiaramente: l’Europa dei banchieri, dei poteri forti, delle multinazionali non è la nostra Europa. Vi delegittimiamo standocene a casa, rifiutando la vostra offerta …. “democratica”. Faranno finta di niente, gli esponenti della casta, anzi, rafforzeranno lo strato di vinavil sotto il sedere incollato alla poltrona-bancomat. Mi ricordano quella del tipo che cade dal decimo piano “Per ora va bene, dice ad ogni piano, per ora va bene…..”. 
Contenti loro………

Ed anche la metà degli europei che ha votato, ha mandato messaggi di ribellione forti e chiari.

In Inghilterra stravince la nuova destra, anti europea, anti immigrazione, anti banche, anti city. Vogliono uscire dall’Europa. Ponti d’oro, perbacco. Ma, in verità, ci siete mai stati in Europa, cari albionici? Via, via, ….. andatevene con gli SUA, il vostro figlio storico.

In Francia stravince l’estrema destra, anti europea, anti immigrati, anti banchieri, vagamente anti semita. Aggancio con le masse popolari, non solo con il ceto medio.

In Italia stravince Renzi, il non precedentemente votato e certificato a posteriori, il democristiano rimasto solo al governo orfano d’alleati. (Ennesima dimostrazione che le elezioni sono una inutile manifestazione di sperpero di quattrini, tempo, energie. Mistificazione giuridico-morale). Dato positivo: il Berlusconi si farà leccare le ferite (mortali) dal cagnolino Dudù, unico fedele rimastogli.

In Germania vince la Angela: e vince pur arretrando. E ci mancava! Ha obbligato l’Europa a fare quello che voleva. Però i segnali arrivano anche da lì: Nazisti sfondano la barriera, nuova destra si affaccia e si afferma. Spiegazione: attenti, se le cose vanno male, ci muoviamo noi. Come sempre.

Nel resto d’Europa, a parte la povera e massacrata Grecia (attenti: tutto il PIL della Grecia è inferiore a quello dalla provincia di Verona, tanto per mantenere le proporzioni), si affermano tumultuosamente i partiti più o meno xenofobi, nazisteggianti, nazionalisti comunque. E non parlo solo dell’Ungheria. Svezia, Danimarca, Cechia…..
In sintesi: quest’Europa ha fallito la missione. Il servilismo nei confronti del sistema bancario mondiale, col suo culmine nella presentazione di quel vermiciattolo viscido che è l’Euro, ha iniziato il proprio funerale. Poco da vivere, per la “non moneta” Non si torna indietro. I Popoli vincono sempre, alla faccia degli adunchi, pelosi, usurai gnomi dalle mani avide e dai nasi a becco.

Oggi l’Europa, la sua esistenza ha un difensore, uno scudo, un guerriero sceso in campo, Vladimir Putin, che ha mostrato i denti (e le truppe corazzate!) quando i “poteri forti” hanno cercato di far ribellare le periferie dell’Impero: Cecenia, Ossezia, Nagorno Karabak, Crimea, Caspio e Caucaso, Georgia…. Giù le mani, bastardi! Non provateci, perché da queste parti si spara sul serio!

Oggi l’Europa ha un difensore, Vladimir Putin, che conia monete d’oro, destinate a sostituire lo sfilacciato, duplicato, falso dollaro.
Putin, che stringe un patto con i Tedeschi, perché combattersi è guerra civile e disastrosa per entrambi, mentre l’alleanza e lo scambio è diventato l’incubo degli SUA, della City londinese, nel covo Tel Aviv.

La risposta dell’Europa, con astensionismo stellare, con successi anti europei, con l’Euro che è simpatico come una carie dentale e moribondo allo stato terminale, con affermazioni dell’estreme destre, ciascuna nei suoi modi e nazioni, con le due caste ueiste traballanti e moribonde, sta a dimostrare che i Popoli europei sono pronti per una nuova Europa, per un nuovo patto sociale europeo. Banche, multinazionali, poteri forti finanziari, grandi famiglie storiche, hanno due strade davanti a loro. La prima (che non sarà percorsa) è un auto dimensionamento, un dignitoso ritiro, comprendendo che la loro stagione è finita. Sarebbe una strada intelligente e dignitosa. Quindi non intrapresa.
La seconda porta ad uno scontro che rischia di non essere solo sociale, ma che può sconfinare nella lotta armata, nel confronto bellico. Ci sono una decina d’anni di tempo. Poi di tempo non ce ne sarà più.

Hanno tirato fuori i cavalli dalle stalle, le Walkirie, e in Europa si sente con crescente furore la musica di Wagner: la cavalcata delle Fanciulle Guerriere si sta trasformando in una carica inarrestabile.

Europa, erwache!


Fabrizio Belloni 

.......................


Considerazioni aggiunte:

Ha vinto la Democrazia Renziana.
Ha vinto la continuità con un ventennio grottesco (1), di politica in balia di inaudite aggressioni alle istituzioni (2) , oltre che di famiglie d’affari e affari di famiglia (3)
Ha vinto l’ipocrisia di chi straparla di Europa e omette di informare su come vanno davvero le cose in Europa (4) ,
Ha vinto la malafede di chi ha affidato la speranza degli italiani al gioco d’azzardo (5)
Ha vinto la politica della mercificazione della politica (6)  ,
Ha vinto l’arroganza di chi propone un futuro fatto di passato uguale e più brutto di prima (7),
Ha vinto la pluriennale strumentalizzazione del servizio pubblico televisivo (8) che, con la complicità di chi avrebbe dovuto fare opposizione (9) , ha prodotto informazione di denigrazione, omissiva e di propaganda (10), per ammansire e controllare la pubblica opinione
Ha vinto la sintonia col malaffare(11)
Hanno vinto i partiti “ruota di scorta” (12),
Hanno vinto l’incoerenza e mancanza di trasparenza (13),
Hanno perso gli italiani
Hanno perso perché tollerano una classe politica che non ha mai posto il problema del conflitto di interessi e, al tempo stesso vuole incaprettare ancora di più l’informazione svendendo l'asset tecnologico della comunicazione televisiva a privati
Hanno perso perché tollerano una classe politica che non ha mai chiesto pubblicamente scusa per la presenza nei partiti dei ladri di regime come genovese e i greganti
Hanno perso perché non temono chi dice ai sindacati "l'aria è cambiata"
Hanno perso perché subiscono impotenti leggi contro i dettami costituzionali in materia di lavoro
Hanno perso perché accettano che un delinquente epocale, non estraneo alle vicende più oscure e tragiche della storia repubblicana, venga accolto al tavolo delle riforme
Hanno perso perché tollerano farse come la falsa abolizione delle province
Hanno perso perché subiscono passivamente la palese collusione politica di finti schieramenti avversi

adriano colafrancesco  - adrianocolafrancesco50@gmail.com



PS: ascoltare per credere


(1) Ultimo ventennio

(2) Aggressioni impunite e beffarde alle istituzioni

(3) Famiglie di affari e affari di famiglia

(4) Auf wiedersehen

(5) Gioco d’azzardo

(6)
Compravendita di parlamentari
Fideiussione Lega Nord

(7) Ritorno al futuro (cinque)
EXPOlliamoli tutti
Daniela Picierno e Michaela Boschi

(8) Tg1 di Minzolini
Lara Comi a otto e mezzo – 14 maggio 2014

(9) Il mancato dovere dell’opposizione

(10)
RAI – radio denigrazione italiana
Tg3 ‘a menzogna
Te la do io l’informazione tour
La rappresentazione del M5S in televisione
L’abolizione delle Province Italiane
…nine, eight, seven, six,
canale5, Rete4, Rai3, Rai2, Rai1…partito!
Bene benissimo, bravo bravissimo
Tg marketting
Propaganderò (Rai 3)

(11) La sintonia

(12) Alfaniani

(13) Trasparenzia e coerenzia

Nessun commento:

Posta un commento