lunedì 16 dicembre 2013

La Russia non cala le braghe... anzi, indossa un cinturone corazzato....


La Russia non permetterà ad alcuna nazione di dominarla militarmente, ha detto il presidente russo. Alcune nazioni sviluppano nuovi tipi di armi, che possono mutare l'equilibrio strategico globale, ma la Russia sa come contrastarle. "Che nessuno s'illuda di strappare la superiorità militare sulla Russia. Non lo permetteremo mai", ha detto Vladimir Putin in un discorso all'Assemblea Federale, la sessione congiunta delle due camere del parlamento russo. Di particolare interesse per la Russia sono gli elementi del sistema di difesa nazionale antimissile balistico (AMD) degli USA, che prevedono di schierare in Europa. Il progetto è stato per anni giustificato dalla presunta minaccia da Paesi come l'Iran. La controversia sul programma nucleare iraniano potrebbe presto essere risolta, ma l'AMD va avanti come previsto, ha sottolineato Putin. "Ci rendiamo conto chiaramente che il sistema AMD viene definito esclusivamente difensivo, mentre in realtà si tratta di una componente significativa del potenziale offensivo strategico", ha sottolineato.
Le obiezioni di Mosca sull'AMD europeo e la mancata garanzia di Washington che non sia destinato contro la Russia, hanno impantanato le relazioni bilaterali a lungo. Ma a parte l'aspetto militare, il futuro sistema dimostra anche il desiderio degli Stati Uniti di bloccare l'allontanamento dell'Europa e di ravvicinarla, ha detto a RT Aleksej Pushkov, presidente della commissione Esteri del parlamento russo. "Il collante della NATO è sempre più debole. Pochissimi Paesi europei  adempiono ai loro obblighi finanziari verso la NATO", ha detto, citando le denunce del capo dell'alleanza, Anders Fogh Rasmussen, durante l'ultima conferenza sulla sicurezza di Monaco di Baviera. "Gli Stati Uniti hanno disperatamente bisogno dell'Europa quale alleata. E l'AMD probabilmente è progettato per fornire tale legame", ha aggiunto Pushkov. "Ma questo non può essere spiegato così. Sembra una militarizzazione, e lo è. Quindi si deve inventare e dire che è colpa della Corea democratica o dell'Iran."
Putin ha anche aggiunto che Mosca monitora lo sviluppo di nuovi tipi di armi da parte di altre nazioni, comprese le piccole armi tattiche nucleari, missili strategici di precisione convenzionali e armi di precisione ipersoniche. Queste ultime possono essere i mezzi tecnologici per un cosiddetto "attacco decapitante", un massiccio attacco a sorpresa contro le infrastrutture chiave di una nazione, tra cui silos per i missili strategici, centri di comunicazione o edifici governativi, in teoria infliggendo abbastanza danni per evitare un massiccio attacco nucleare di rappresaglia. "Se vengono realizzati tutti questi piani, avranno un effetto assai negativo sulla stabilità regionale e globale. L'insieme dei sistemi strategici di precisione convenzionali di altre nazioni combinate con l'incremento della potenza dell'AMD, potrebbe vanificare ogni precedente accordo sulla limitazione e la riduzione delle armi nucleari strategiche e ribaltare l'equilibrio strategico", ha detto Putin. Chiaramente allude al nuovo trattato di riduzione nucleare del 2010, tra Russia e Stati Uniti,  elogiato come una delle più importanti vittorie in politica estera del primo mandato di Barack Obama. Il trattato fu firmato durante il conflitto sulla parte europea del sistema AMD. Invece di risolvere la questione, Mosca e Washington hanno deciso di portare avanti l'accordo e di discutere dello scudo antimissile in seguito. Finora non è stato trovato nessun compromesso.

"Ci rendiamo conto di tutto questo e sappiamo cosa fare", ha avvertito Putin. L'esercito russo  aumenta le risorse per lo sviluppo di nuovi missili strategici nucleari, così come dei loro sistemi di lancio, tra cui sottomarini a propulsione nucleare e bombardieri strategici. Avanza anche piani per creare un sistema spaziale integrato da ricognizione e puntamento mondiale in tempo reale, che migliorerebbe la capacità della Russia di utilizzare il proprio arsenale nucleare, ha detto il presidente russo. "La Russia risponderà a tutte le sfide, politiche e tecnologiche. Abbiamo tutto il potenziale necessario", garantisce.
I commenti di Putin si rispecchiano nelle dichiarazioni del vicepremier Dmitrij Rogozin, che supervisiona l'industria della difesa russa. Ha avvertito che la Russia ha i mezzi per difendersi dalle armi avanzate e future. "Ogni aggressore deve rendersi conto che quello che farà nella difesa antimissile balistico o tentando di dotarsi di armi di precisione ipersoniche per neutralizzare il potenziale nucleare della Russia, non sarà nient'altro che illusorio, e tale rimarrà. Non staremo fermi", ha detto, aggiungendo che a differenza dell'Unione Sovietica, la Russia non permetterà di essere trascinata in una costosa corsa agli armamenti e manterrà la parità militare con mezzi asimmetrici.
Il programma di modernizzazione militare che il governo russo attua, ha uno stanziamento di 700 miliardi di dollari fino al 2020.
(Traduzione di Alessandro Lattanzio - SitoAurora)

Nessun commento:

Posta un commento