martedì 27 agosto 2013

Siria – “Superior stabat lupus…” – Ovvero: La logica USA non fa una piega…

Famose 'na biretta, ch'è mejo...

Un uomo sospettato di voler compiere un omicidio, per metterlo in pratica sceglie il momento in cui gli entra in casa la polizia. Lo stesso avrebbe fatto il presidente Assad, sferrando l’attacco chimico nel momento in cui arrivano gli ispettori Onu per effettuare l’indagine sull’uso di armi chimiche in Siria. Le «prove» sono state esibite dai «ribelli», il cui centro propaganda a Istanbul, organizzato dal Dipartimento di stato Usa, confeziona i video forniti ai media mondiali.
Avendo ormai «ben pochi dubbi» che è Assad il colpevole e ritenendo «tardiva per essere credibile» l’indagine Onu, il presidente Obama sta valutando una «risposta» analoga a quella del Kosovo, ossia alla guerra aerea lanciata senza mandato Onu dalla Nato nel 1999 contro la Iugoslavia, accusata di «pulizia etnica» in Kosovo.
A tal fine il Pentagono ha convocato in Giordania, il 25-27 agosto, i capi di stato maggiore di Canada, Gran Bretagna, Francia, Germania, Italia, Turchia, Arabia Saudita e Qatar.
In Giordania gli Usa hanno dislocato caccia F-16, missili terra-aria Patriot e circa 1.000 militari, che addestrano gruppi armati per la «guerra coperta» in Siria. Secondo informazioni raccolte da «Le Figaro», un contingente di 300 uomini, «senza dubbio spalleggiato da commandos israeliani», è stato infiltrato dalla Giordania in Siria il 17 agosto, seguito da un altro due giorni dopo. Si aggiungono ai molti già addestrati in Turchia. In maggioranza non-siriani, provenienti da Afghanistan, Bosnia, Cecenia, Libia e altri paesi, appartenenti in genere a gruppi islamici tra cui alcuni classificati a Washington come terroristi. Riforniti di armi, provenienti anche dalla Croazia, attraverso una rete internazionale organizzata dalla Cia.
Sotto la cappa della «guerra coperta» niente di più facile che dotare qualche gruppo di testate chimiche, da lanciare con razzi sui civili per poi filmare la strage attribuendola alle forze governative. Creando così il casus belli che giustifichi una ulteriore escalation, fino alla guerra aerea, visto che la guerra condotta all’interno non riesce a far crollare lo stato siriano.
Tale opzione, motivata dall’imposizione di una «no-fly zone», prevede un massiccio lancio di missili cruise, oltre 70 solo nella prima notte, unito a ondate di aerei che sganciano bombe a guida satellitare restando fuori dallo spazio aereo siriano. I preparativi sono iniziati non dopo, ma prima del presunto attacco chimico. A luglio è stato dispiegato il gruppo d’attacco della portaerei Harry Truman, comprendente due incrociatori e due cacciatorpediniere lanciamissili con a bordo unità dei marines, che opera nelle aree della Sesta e Quinta Flotta. Un altro cacciatorpediniere lanciamissili, il Mahan, invece di rientrare in Virginia, è rimasto nel Mediterraneo agli ordini della Sesta flotta.
Solo la U.S. Navy ha quindi già schierate cinque unità navali, più alcuni sottomarini, in grado di lanciare sulla Siria centinaia di missili cruise. I cacciabombardieri sono pronti al decollo anche dalle basi in Italia e in Medio Oriente. Alle forze aeronavali Usa si unirebbero, sempre sotto comando del Pentagono, quelle dei partecipanti alla riunione in Giordania (Italia compresa) e di altri paesi.
La Siria dispone però di un potenziale militare che non avevano la Iugoslavia e la Libia, tra cui oltre 600 istallazioni antiaeree e missili con gittata fino a 300 km. La guerra si estenderebbe al Libano e ad altri paesi mediorientali, già coinvolti, e complicherebbe ulteriormente i rapporti di Washington con Mosca.
Su questo stanno riflettendo a Washington, mentre a Roma attendono gli ordini.
Manlio Dinucci
(Il Manifesto, 27 agosto 2013)


..................................

Gli USA non hanno voglia di aspettare:

Da questi articoli si capisce come la volontà di attacare la Siria non abbia nulla a che fare con l'uso delle armi chimiche.


Diminuite le forze di sicurezza siriane - Fatti

PARIGI, 27 agosto 2013 (AFP) - Quel che segue segue è una ripartizione delle forze fedeli al presidente siriano Bashar al-Assad, secondo il The Military Balance 2013, pubblicato nel marzo dall'Istituto Internazionale di Studi Strategici di Londra.
Sulla carta l'esercito siriano rimane uno dei più grandi del Medio Oriente, ma la sua capacità di combattimento è stata dimezzata dalla guerra civile del paese, le stime IISS. 
http://reporters365.com/around-the-world/syrias-diminished-security-forces-facts/

Siria crisi: Le forze degli Stati Uniti sono  'pronte ad andare', se ordinato, dice Hagel - aggiornamenti in tempo reale

La dura presa di posizione della Lega Araba contro il regime di Assad è emersa da una riunione della organizzazione 22-membro del Cairo. La coalizione ha detto che il governo siriano aveva commesso un attacco chimico e che "esige che tutti i responsabili di questo crimine odioso debbano essere presentati per le prove internazionali". http://www.theguardian.com/world/middle-east-live/2013/aug/27/syria-crisis-military-intervention-un-inspectors


Siria: "tre giorni di raid"a partire da giovedì secondo Nbc

27 agosto 2013 
Una serie di attacchi limitati contro la Siria in rappresaglia per l'uso di armi chimiche potrebbero essere lanciati "a partire da giovedì". Lo ha detto alla Nbc una fonte dell'amministrazione Usa.
"Tre giorni di raid" sarebbero limitati nell'obiettivo e mirati a mandare un messaggio al regime di Damasco, ha detto la fonte.
Le indicazioni sul calendario dell'azione militare sono arrivate dopo un nuovo giro di diplomazia telefonica del presidente Barack Obama con il primo ministro australiano Kevin Rudd e il presidente francese François Hollande.
http://www.swissinfo.ch/ita/rubriche/notizie_d_agenzia/mondo_brevi/Siria:_tre_giorni_di_raida_partire_da_giovedi_secondo_Nbc.html?cid=36759606

1 commento:

  1. CHE LE COSE SAREBBERO ANDATE FINO A QUESTO PUNTO ERA AMPIAMENTE PREVEDIBILE DOPO LE COSIDDETTE PRIMAVERE ARABE. LA SIRIA ERA NEL MIRINO DA TEMPO, MA PER RAGIONI PETROLIFERE PIU' CHE POLITICHE. Anche queste però sono importanti. Essendo la Siria governata da un SISTEMA non TRIBALE come invece tutti gli altri paesi dell'area caduti nelle grinfie degli usa/israel/GB.Quale il primo fine della guerra? LA SPARTIZIONE DELLA SIRIA Ma tale spartizione danneggia in primo luogo l'Italia come già la scomparsa sella Libia dai territori sotto NOSTRO, pur superficiale,controllo. Vedasi il libro: Romolo Tritonj: L'unità della Siria e l'indivisibilità del suo mandato. Ed.Nuova Europa, Roma, 1934. L'Italia difese l'indivisibilità della Siria perchè era nel NOSTRO INTERESSE. Tuttavia, ecco uno degli errori fondamentali del secondo conflitto mondiale,NON seppe o non volle (meglio dire: NON CAPI') difendere la Siria all'epoca sotto mandato della Francia di Vichy, quando questa fu attaccata dall'esercito inglese proveniente dall'IRAQ.Nota finale: si doveva capire dove intendevano parare gli USA/Israel quando iniziarono l'attacco atraverso l'infiltrazione dei tagliagola. Bisognava annichilirli subito.

    RispondiElimina