domenica 18 agosto 2013

Egitto, ultima spiaggia....


Ovviamente non godo nel vedere la gente che si uccide per strada. Voglio cioè sgombrare il campo da facili commenti che i radical - chic, politicamente corretti e democraticamente progressisti (ci vorrebbero ore e pagine per definire veramente la parola progressista: non è detto che non lo farò, in un momento di acidità di stomaco) immediatamente mi sbatterebbero in faccia.

Quello cui assistiamo in Egitto, ben diverso dall'attacco concentrico dei poteri forti alla Syria, è uno scontro civile, assai simile ad una guerra civile. Le milizie super armate dei "fratelli mussulmani" non tollerano l'intervento dei Militari, teso ad evitare l'islamizzazione forzata e non voluta del Paese. E, secondo tradizione, i Militari sono intervenuti. Del resto anche il deposto Mubarak proveniva dall'esercito, e nessuno ebbe mai a dire alcunché. 

Una cosa mi è saltata agli occhi, come una macchia nera su un foglio bianco. Da una parte e dall'altra i sostenitori, in percentuali sulla popolazione che dovrebbe far pensare, dimostrano fede, coraggio, attributi, se vogliamo senso dello Stato e convincimento delle proprie idee. 

Esattamente quello che manca nel nostro squinternato, amebizzato, pecorile Stivale. Una macchiolina color panna su foglio colo bianco sfumato.

Con la situazione cui la casta ci ha portato, se avessimo la metà degli attributi degli Egiziani, saremmo già in piazza a fare baruffa: da una parte il Popolo, senza distinzioni pseudo partitiche, dall'altra la casta, i suoi servi, quelli beneficiati o che sono in attesa di un privilegio che a ben guardare spesso privilegio non è, ma solo negazione di un diritto conculcato).

"O Franza o Spagna, purché se magna". L'antico, di secoli, adagio è diventato parte di troppi DNA italioti.
Non ho invidia dei Cairoti e simili. Ho invidia della capacità di arrabbiarsi sul serio.

Non invoco la mattanza, spero nella forza che va al di là della paura personale.

Non istigo alla guerra civile: spero in una pulizia definitiva che spazzi casta, aiutantato, parassiti e funzionari inutili.

Speranze? Sogni? Illusioni? Attenzione: sono proprio quelli "troppo buoni e miti" che, quando perdono il lume della ragione, diventano i più feroci e senza freni

Se mi passate una cinica chiosa: Egitto 3  - Italia 0.


Fabrizio Belloni

........................


Commento di Maurizio Barozzi:

SE FOSSERO VERE ALCUNE NOTIZIE CHE INDICANO CHE L’EGITTO, POST COLPO DI STATO,  POTREBBE ORIENTARSI VERSO LA RUSSIA DI PUTIN, SCARICANDO GLI AMERICANI, ALLORA SAREBBE UNA MAGNIFICA NOTIZIA. MA NON E’ DATO SAPERNE DI PIU’ E SE QUESTA ANALISI E’ VERITIERA.
 

UNA COSA E’ CERTA: L’OBIETTIVO USA ISRAEL E’ QUELLO DI SMEMBRARE TUTTA L’AREA MEDIORIENTALE E RIDURLA A PICCOLI STATI NAZIONALI, ETEROGENEI, A MACCHIA DI LEOPARDO E DIVISI DA IRRIDUCIBILI RIVALITA TRIBALI E RELIGIOSE.

Nessun commento:

Posta un commento