lunedì 19 agosto 2013

La Germania fa da traino agli Stati Uniti d'Europa....


Secondo gli ultimi dati della Dihk – Camera tedesca dell’Industria e del Commercio – nel 2013 la Germania tornerà a superare gli Usa per le esportazioni.

Al primo posto nel mondo c’è il gigante cinese e, subito dopo, c’erano gli Usa che però, adesso, finiranno al terzo posto superati appunto dalla Germania.

La notizia è stata subito accantonata dai nostri media perché sbugiarda in maniera chiara e netta le fole e le stupidate economico-finanziarie-monetarie messe in giro dai media delle lobby affaristiche, corrotte e corruttrici che spadroneggiano in Italia.

Infatti questo dato conferma tre cose:
prima, non è vero che la “politica del rigore” ispirata dalla Germania deprime la crescita (semplicemente si tratta di non fare l’allegra politica dell’indebitamento lasciando poi alle future generazioni di pagare i debiti);

seconda, non è vero che uscendo dall’euro e tornando alla lira l’Italia potrebbe favorire le proprie esportazioni, la Germania esporta in euro e con i suoi di 82 milioni di abitanti ha superato il colosso Usa di 315 milioni di abitanti;

terza, non è vero che l’Italia non cresce perché ha la palla al piede del Meridione, anche la Germania ha avuto la sua palla al piede, poco più di venti anni fa quando ha inglobato 20 milioni di tedeschi comunisti ridotti alla fame e alla miseria ma, evidentemente, la Germania ha altri Partiti e altri politici.

I nemici della Merkel e dell’euro si mettano il cuore in pace perché i loro forsennati attacchi, per vendicare i risolini indirizzati a Berlusconi sulla platea internazionale, sono destinati al fallimento, perché il futuro verso gli Stati Uniti d’Europa è già cominciato.

Adriano Rebecchi

Nessun commento:

Posta un commento