venerdì 16 agosto 2013

No MUOS - Quel che succede a Niscemi... al'insaputa della gente comune


Qualche "integrazione" al post (sono Alfonso Navarra, obiettore alle spese militari e nucleari)il 9 agosto NO MUOS a Niscemi - indignati ma umani per un futuro di pace  - peacelink.it)"

E' importante comunque rendersi conto che la gestione del 9 agosto da parte dell'apparato repressivo era orientata ad evitare e calmierare le tensioni (più silenzio si fa intorno all'installando MUOS meglio è). Non sarà così la prossima volta, perché si sono preparati la strada, mediatica e politica, a "cafuddare di mazzate" (riprendo l'espressione dialettale citatami in una conversazione telefonica dal mio amico Francesco Lo Cascio).
Certe dichiarazioni politiche e certi servizi televisivi non vengono fatti a caso...

L'impostazione strategica della lotta, a mio avviso, ma posso naturalmente sbagliare, da ora in poi, non deve essere, anche simbolicamente, quella dell'assalto frontale che punta alla riconquista dello spazio fisico, ma quello, ispirato ad una strategia di non collaborazione attiva, dell'assedio permanente della base, radicato in una "guerriglia" di lunga durata, preferibilmente nonviolenta nei suoi presupposti espliciti...

Mi permetto di dire che non bisogna "mollare", anche se la nuova arma viene dispiegata, a maggior ragione se viene dispiegata...

Alfonso Navarra - alfonsonavarra@virgilio.it


...................

Qualche integrazione da parte di Marco Siino

.
Escludo che siano entrati nella recinzione 200 persone.

Erano centinaia e centinaia, anche se non so quantificarli. Assai.

E tra di essi anche consiglieri comunali sia di Palermo sia di Messina, e almeno un deputato regionale (M5S) e il segr. reg. di SEL. 

Il corteo comprendeva sindaci con fascia tricolore, tra i quali quelli di Messina, Ragusa, Niscemi, Palagonia e diversi altri.

Una delle prime e più tempestive reazioni alle dichiarazioni sulle infiltrazioni antimafia da parte del presidente della regione é stata un comunicato congiunto di Libera, ARCI, AGESCI e Legambiente.

Una prima denuncia è stata non preannunciata, ma subito sporta da parte di un'associazione antimafia intitolata a Rita Atria.

La giunta regionale, nei fatti, da molto tempo non ha bisogno di contare su sostegni più o meno occasionali da parte del Movimento 5 stelle, avendo lo schieramento governativo inglobato nelle sue fila almeno una mezza dozzina di parlamentari eletti in Grande Sud, MPA, Lista Musumeci e altri ancora. 

La tensione c'è stata - eccome - per troppo lunghi momenti allo sbocco del corteo all'ingresso della base. Poi, s'è andata stemperando.


Segnalo:
- la traduzione italiana di un documento ‘desecretato’: la presentazione del programma AGS (Alliance ground surveillance), che in 15 slide ne illustra i concetti base. E alcune domande che ogni cittadino, nonché contribuente, italiano potrebbe porsi: 
www.argocatania.org/2013/08/13/droni-ags-sette-domande-per-saperne-di-piu/- sinteticissimi e scorrevoli articoli di Antonio Mazzeo, raccolti in allegato in .pdf, danno un quadro aggiornato (droni + probabili armamenti "climatici"/elettromagnetici
- l'intervista a un attivista locale del movimento (in particolare lui è di Piazza Armerina) www.youtube.com/watch?v=fgGIuZgtg2M
 (raccolta da Agostino Sella, già impegnato in Rete Lilliput).
m.


Ed una integrazione di Corrado Pala e Vincenzo Iori:

" le nuove armi da guerra brandite dalla Sicilia e dalle basi Usa-Nato"
ben dice Vincenzo Miliucci.
HAARP  e l'uso bellico del clima sono le nuove armi già in atto
e di cui il MUOS è una pedina importante nello scacchiere mediterraneo e mediorientale.
Per chi ha tempo e voglia di approfondire:
Fraterni saluti
Corrado Pala e Vittorio Iori

.........................................................


I fatti del 9 agosto 2013 a Niscemi narrati da una partecipante:



Una colonna lunghissima di giovani allegri usciti da un sepente infinito di macchine si è inoltrato nella sughereta protetta di contrada Pisciotta..... passando davanti una striscia di nomi di comitati sostenitori. No Muos di Trapani, Ciampino, Busto Arsizio, Milano, Vicenza etc...
Sfavillavano bandiere di tutti colori, specie sopratutto quelle dei gruppi NO MUOS.... accorrono ragazzi che cazzeggiano in dialetto siciliano, come se vanno ad un pic-nic tra i cespugli, o per un bacio appartato con la fidanzata.... Si vedono vecchi militanti anarchici e noti esponenti di estrema sinistra, compreso due del circolo di Via dei Volsci.... vecchie signore attempate che hanno vissuto le lotte pacifiste di trenta anni fà... compagni con i cappelli bianchi e la barba folta... profeti rispettati della protesta...
Questa allegra brigata brancaleone ha camminato per oltre 5 chilomentri sotto un sole crematorio fino alla nuova installazione, che è USA e non Nato, con le sue antenne che come un porcospino fuoriescono in tutte le direzioni...
Diversi sindaci, con addosso i loro fascione tricolore ed accompagnati dai gonfaloni, Modica, Niscemi, Caltagirone , accompagnati dai propri vigili si posizionano a debita distanza del cancello principale vicino alle famose antenne. Due macchine con attrezzature satellitare, uno per la RAI ed un altra per qualche TV sedesca, si appostano per trasmettere la manifestazione nazionale... Un gruppo di manifestanti, i più accaniti, sfilano via dal cancello e si dirigono verso destra.... mentre gli operatori della RAI si arrabbiano perchè hanno una gomma a terra, non si sà se causata da qualcuno o dai tanti sassi della strada, e giurano ad alta voce " che no, non invieranno piu alcun servizio", motivando che a causa della pendenza della macchina ne rimane impedita la trasmissione.
Poi di colpo, si vedono le bandiere alzarsi oltre il filo spinato,e lentamente sfila un gruppo di alcune centinaia di persone che entrano con i loro striscioni e bandiere, Essi si riappropriano del terreno, rivendicano la loro libertà di esistere senza onde elettromagnetiche in testa, senza la presenza di congegni di morte come i drones i che minacciano e bersagliano di morte l'Africa e l'Estremo Oriente......
Alfonso di Stefano, mitico attivista dai tempi di Comiso , ci spiega che se e quando verranno attivati i radar, il cielo verrà invaso da onde e sistemi talmente nocivi ed invasivi da impedire l'attivazione del aeroporto di Comiso, ora destinato ad uso civile, rendemdp pericolosi i voli degli aerei a Catania Fontanarossa, quarto d'italia, nonché di quelle del vicino aeroporto Militare di Sigonella....
Arrivano ancora altre persone ritardatarie allertate dai primi servizi televisivi nazionali, al cancello appare un ambulanza con tanto di sirene, ma poi si sapra che è successo poco o niente: Infatti, nessuna barrella viene estratta dal mezzo, solo si vede scendere un medico con in mano la borsa del pronto soccorso. Sapremo dopo che è rimasto ferito un finanziere)
Constatiamo chiaramente che non c'è tensione, anzi,vediamo che le macchine di polizia sono state parcheggiate a casaccio senza essere controllate a vista, mentre i vigili locali sono gentili e ci indicano dove passare o parcheggiare.
Mentre, oltre l'elicottero che volteggia fastidiosamente (supponiamo per fotografare), i poliziotti sembrano solo infastiditi di star li nelle proprie uniformi e dal pesante equipaggiamento antisommossa; Sono muniti ci giubbetti, scudi, sfollagenti, dentro ai quali sicuramente avrà fatto molto caldo...
Verso le venti, mentre i pacifisti si incamminano lungo i sentieri polverosi della sughereta, c'e ancora parecchia gente dentro il recinto....e sempre lungo il sentiero continuano ad arrivare i partecipanti dell'ultima ora...La polizia abbozza, non vuole reagire. Ci sono ancora molti sindaci presenti ed evidentemente hanno ricevuto istruzioni che tutto deve andare per il meglio...
Constatando che molti metri del recinto sono stati appiattiti a terra, e che centinaia di manifestanti sono ancora dentro a rivendicare l'uso pacifico della zona....ci incamminiamo verse le macchine stanchi e felici...
Il sughereto profuma, le gambe ci fanno male e quasi non vediamo più i nostri piedi nella terra rossa.
Siamo stanchi, stremati, ma molto soddisfatti.
Una bella giornata di lotta. Una giornata siciliana.
Una che dovrà essere ancora seguita da tante...

Francesca Piatti

Nessun commento:

Posta un commento