sabato 18 maggio 2013

Altra economia... altri cristiani.... Contro lo strapotere bancario va bene anche l'esorcismo di Padre Amorth



Ante Scriptum:  Muoviamoci subito (R: Restiamo impassibili?), ma su truffe epocali e planetarie (non forse su misere storie di politici che nei confronti dei banchieri centrali fanno furti di mele e oltretutto vanno in galera se scoperti?) !!!


Truffe virtuali (signoraggio bancario e suoi derivati) praticamente infinite contro popoli, stati, politici, imprese e famiglie, cioè anche contro ciascuno di noi, dei nostri figli e dei nostri cari! Se la matematica non è un opinione, chi meglio di noi Ingegneri può fermare chi blocca l’economia con denaro virtuale, che quindi non esiste?

Quale altra strategia va usata (? Anche l’esorcismo come fa Padre Amorth?) [in questo mercato che ha meno denaro circolante (x famiglie, imprese e enti pubblici/stato: moltissimo denaro è imboscato e inutilizzato nei paradisi fiscali dai poteri forti a parte quello che gratuitamente si potrebbe generare virtualmente come fa Draghi che è infinito proprio perché è virtuale) rispetto a quanto consentito e necessario per la richiesta, disponibilità o producibilità di beni e servizi sempre per famiglie, imprese e enti pubblici/stato che sono l’economia reale]?  

Reddito Minimo Garantito in cammino verso la COMUNIONE dei BENI, centuplo per tutti!

Meglio collegarlo, già che ci siamo, al paradiso celeste in terra, così usando la testa viviamo per amore superando mammona (certe banche centrali CON LORO MULTINAZIONALI) che ci rovinano con il signoraggio bancario.

Aver paura dei soldi è da conigli: il denaro è virtuale (cioè non esiste!!!), quindi per batterlo basta saperlo distribuire gratis (insieme a prodotti e servizi) proprio per guadagnare di più (il centuplo in euro) valorizzando il lavoro (= i “capitali umani”) che sono la vera e unica ricchezza (Cristo pietra testata d’angolo scartata dai costruttori: cioè ogni uomo "Cristo in croce sotto i quattrini" può, anzi deve, produrre il centuplo anche in soldi superando per sempre il vitello d’oro che ora come detto è virtuale; quindi organizzando l’aiuto reciproco di imprese e famiglie abbiam già vinto (CARITA’/sinergia=Dio) !!!  

DENAROCRAZIA: ecco la possibile soluzione SINERGICA: amore = ora et labora!!!

Grazie, ecco la possibile soluzione anche per Voi per superare dal basso la GRANDE USURA "SIGNORAGGIO BANCHE CENTRALI PRIVATE CONTRO GLI STATI, CONTRO I POPOLI, CONTRO LE IMPRESE E CONTRO LE FAMIGLIE / PERSONE"  dell’antiCristo (chiave tre: 1-gratuitamente avete ricevuto, 2-gratuitamente date e attenzione 3-il risultato deve dare il centuplo in talenti "oggi EURO"; ancora tre: 1-come informare, 2-come aggregare e attenzione 3-il budget del singolo partecipante deve produrre il centuplo in Euro rispetto al suo pane quotidiano per rimettere i debiti a tutti incominciando dai partecipanti; ancora tre con il Papa a Milano per incontro famiglie: festa, lavoro e famiglia cioè 1-comunicare invito a festa, 2-proporre lavori da fare 3-per risolvere i bisogni della famiglia (spesa, auto, casa, bollette, vacanze..).

Preparate un’altra proposta se pensate funzioni.

Per raggiungere tutte le famiglie, vincere anche la mancanza di FEDE evangelizzando e anche la piaga dei disoccupati cercare una teoria comune che ci dia una strategia che aumenti a dismisura i soldi ai partecipanti a un fondo sociale che “GENERA, GESTISCE E PROTEGGE I CAPITALI”.

Adeguiamo alle comuni esigenze, come detto, con infinite soluzioni possibili restando fermo lo scopo predetto che ci permetterà senza rischi di poter moltiplicare i soldi agli aderenti con ovvi guadagni maggiori per il fondo e l’eventuale ente a latere per aggregare il lavoro di famiglie e imprese (banca TEMPO & LAVORO).

Come concordato è da adattare alle Vostre esigenze per fondi comuni (religiosi, solidali, politici, economici, ecologici, finanziari, immobiliari e … anche con più progetti settoriali, ma convergenti su un unico obbiettivo comune) partendo da queste basi sinergiche...

Stefano il cristiano di Milano -  gasmp@tiscali.it

Nessun commento:

Posta un commento