sabato 26 gennaio 2013

MPS - Grazie Bersani (Pierluigi), sorbole....


Sorbole!


Bisogna essere “laici”, nella vita. Ove la parola “laico” intende essere senza preconcetti, accettare i fatti per quello che sono e non per quello che vorremmo che fossero, non distorcere la verità per adattarla ai nostri credo.

Ed oggettivamente il buon Bersani ha reso un favore a tutti, un favore di una portata che sicuramente il futuro Presidente del Consiglio in pectore (in pectore suo, perché i poteri forti vogliono Monti) non realizza. Non è cattiveria, è che proprio non ci arriva. Quando lo ho definito una quarta linea non sbagliavo, o sbagliavo per eccessiva benevolenza. 

Se fosse un politico vero, un animale politico, uno che pensa, non si sarebbe lasciato scappare, nello sconquasso del timore, nell’abisso della paura, nella nebbia dell’imbarazzo, quella frase rivelatrice: “Noi del PD con il Monte dei Paschi di Siena non centriamo nulla!” Con uno sguardo imbambolato, con il viso terreo ed una smorfia tra l’ira e lo sconforto.

Che sia una balla degna di un mercante arabo di un suk di Casablanca, lo avrebbe capito anche un vecchio eremita, lontano dal mondo.

Per farla breve, la Banca rossa è controllata dalla Fondazione, che ha 16 membri nel Comitato di Indirizzo, e che sono così nominati: 8 dal Comune (cioè PD), 5 dalla Provincia (cioè PD), 1 dalla Regione (cioè PD). Più uno dall’Università (?) ed uno dall’immancabile Curia (e te pareva!). Almeno 14 su 16 rispondono al PD. Alla faccia del non centrarci nulla!

Ed in più D’Alema si è pubblicamente vantato del fatto che è stato proprio il PD ad allontanare l’ex Direttore Generale del Monte Paschi. Mettetevi d’accordo, sorbole!

E già ai tempi del PCI si vociferava di un’enorme “sofferenza” che la Banca rossa aveva nei confronti del trinariciuto partito: decine se non centinaia di miliardi di lire.

Eppure in tutto questo vi è una morale, un insegnamento.

Non è che il PD sia immacolato. Servo anche lui dei poteri forti (ricordatevi D’Alema che fornì le basi e la logistica per il criminale attacco della Nato alla Serbia), vessillifero della logica della “società senza contanti” voluta dalla Goldman Sachs e sodali annessi, l’ingenuo epigono di “Mortadella” ha di fatto svelato che il Re è nudo. Ha ammesso che tutti i democratici, nelle loro finta differenziazione, rispondono alla logica della globalizzazione annichilente. 

“ A casa vostra fate pure ogni genere di porcheria e di latrocinio, purché restiate nella linea, nel filone che i poteri forti hanno tracciato. Arricchitevi pure personalmente, e non importa cosa fate e come trattiate i sudditi, purché lavoriate per il nostro fine, il nostro scopo”.

Pensateci bene. Oggi gli avversari politici dei PD fanno le vergini dai candidi manti, ma questo è il classico caso cui si può applicare l’adagio popolare “il più sano ha la rogna”.

Ne abbiamo viste di tutti i colori, in queste settimane, e se riusciamo ancora a mangiare senza dar di stomaco è grazie a quella dose di cinismo e di scetticismo che tre mila anni di civiltà hanno instillato nel nostro DNA.

Bersani ha avuto il merito, nella sua nullità politica, di aver certificato che sì, i partiti sono collusi; che sì, questo andazzo è comune ma non confessabile; che sì, presi con le mani nella marmellata, bisogna negare sperando nell’imbecillità della gente; che sì, proprio questo sotto elezioni proprio non ci voleva……

Per finire poi con la summa dell’antipolitica: “Anche voi! E dovete vergognarvi”. Proprio come i bambini alle elementari: “anche lui…..” quando sono sgridati dalla signora Maestra.

Bersani, senza accorgersene ha fatto un favore a tutti. Ha reso chiaro la dimensione dell’intelligenza politica di chi ci governa.“Sorbole…”

Fabrizio Belloni


.........................


Articolo correlato:


 
 ItaliaCapita spesso di leggere dei veri e propri esercizi di comprensione su quale sia il potere su cui, in ultima istanza, poggia il Pd. Se ne parla in termini di geografia del sistema politico, un centrosinistra che tende al centro, oppure di geografia economica. Allora si parla del radicamento territoriale del Pd nelle ex-zone rosse. Oppure, facendo esercizio più sociologico, si parla della permanenza della rappresentanza, da parte del Pd, di residui di classe operaia, di pubblico impiego o di una sua forte rappresentanza nei confronti dei pensionati. In tutti i casi si tratta di simulacro ovvero, di fatto, il Pd è solo un simulacro di rappresentanza di regioni che sta portando verso il declino e di ceti sociali ai quali offre solo un progressivo impoverimento.

Nella foto: Pierluigi Bersani e Giuseppe Mussari

Ma allora, ci si domanda, quale è la vera base sociale, produttiva del Pd? Sicuramente la si trova nelle evoluzioni del mondo delle coop in tre principali rami: grandi opere, grande distribuzione e immobiliare (sul rapporto tra Ipercoop e mattone ci sarebbe molto da scrivere. Su Senza Soste ora in edicola c'è un'inchiesta in questo senso). Ma si tratta solo di una parte del radicamento del potere reale del Pd.

Se si comincia a osservare Unipol, il cui titolo ultimamente è in salute, si capisce come da (molto) tempo il principale partito del centrosinistra presidi un altro grande potere delle società postindustriali: il ramo finanziario-assicurativo. Eccoci quindi ad uno storico potere italiano, nel ramo bancario, nel quale il radicamento Pd può vantare una lunga storia. Ci riferiamo al Monte dei Paschi che è controllato direttamente dal Pd senese quindi su una base territoriale con rilievo nazionale. Ora non ha importanza descrivere qui la guerra tra bande che si è aperta nel Pd a Siena con la crisi di Mps, una guerra che nessuno in Toscana riesce a spegnere tale è l’autonomia del partito democratico senese dal resto della regione. Bisogna soprattutto brevemente raccontare come l’Mps, grazie alla acquisizione sbagliata di Antonveneta e ad una lunga serie di operazioni speculative andate a male, da almeno un lustro si trova in cattive acque. Tanto che, nell’autunno del 2012, il governo Monti decreta, su un testo approvato da un relatore Pd ed uno Pdl, un aiuto alla banca senese pari a 3,9 miliardi di euro. Aiuto poi messo in discussione dal Bce ma superiore, dal punto di vista finanziario, ai “risparmi” che la riforma Fornero ha prodotto con i tagli alle pensioni.

Questo per dire in che genere di politiche si è gettato il Pd. Per salvare una propria banca da uno sbilancio epocale, di proporzioni gigantesche, è entrato nel governo Monti legittimando le politiche di trasferimento delle risorse dello stato dalla spesa pubblica agli aiuti ai bilanci delle banche. Monti si è occupato, per dare un’idea sommaria dell’operazione, degli aiuti a banche greche, spagnole, portoghesi (che finiranno, in una partita di giro, alle banche tedesche e francesi) e al Pd è toccato il corposo aiuto a Mps. Aiuto che è servito, tra l’altro, ad evitare che la banca fosse commissariata dallo stato, disintegrando il residuo potere piddino senese e nazionale nei corridoi di Mps. Queste storie hanno sempre la caratteristica di fornire nuovi capitoli. Pochissimi giorni fa, con delle prove fornite dal Fatto Quotidiano, esce la prova inoppugnabile che Mussari, allora presidente di Mps e fino a poche ore fa presidente dell’associazione delle banche italiane (praticamente un ministro), aveva fatto una pesante operazione di cosmesi finanziaria con il bilancio 2009 del Monte dei Paschi. In poche parole aveva acquisito come attivo una serie di pericolosi derivati, contratti con una banca giapponese, che altro non erano che letali bombe ad orologeria nei bilanci della banca senese. E bravi Monti e il Pd, con il concorso del Pdl, che hanno decretato aiuti, e di quali proporzioni, ad una banca che è piena di vere e proprie bombe ad orologeria finanziarie. Tutto questo per sottrarre la banca ad un vero controllo pubblico.

Nel frattempo Mussari, che alcuni blog finanziari definiscono “il peggior presidente dell’Abi di sempre” si è dimesso, dichiarandosi innocente, dall’associazione italiana dei bancari. Resta uno sbilancio di dimensioni ciclopiche in Mps, con risorse considerevoli tolte ai beni pubblici per immetterle in una voragine di debiti privati. Tutto questo, naturalmente, senza che Mps abbia minimamente migliorato la propria offerta finanziaria a imprese, famiglie, singoli, coppie in cerca di mutuo. Si è presa una parte notevole di denaro pubblico per farla sparire nel niente di una voragine di bilancio.

A questo punto chiedersi cosa sia veramente il Pd non fa certamente male. Al di là delle operazioni di creazione di simulacro per attirare elettori resta la sostanza materiale di un potere profondamente immobiliare (Ipercoop non è solo grande distribuzione), legato alle grandi opere (le cooperative edilizie) e speculativo-finanziario (Unipol e Mps). Si tratta di tipici poteri del liberismo odierno nazionale, quello legato al circuito mattone-moneta. Un circuito a cui le attuali politiche dell’eurozona di trasferimento, per quanto convulso ed instabile, delle ricchezze dalla spesa sociale ai bilanci delle banche va benissimo. Ma anche un partito molto diverso non solo dalla propaganda che fornisce di sé ma anche dall’immagine che comunemente si fanno anche i suoi avversari. Eppure basta seguire gli interessi materiali per sapere, in politica e non solo, chi si ha davanti.

Red
Fonte: www.senzasoste.it

Nessun commento:

Posta un commento