lunedì 30 aprile 2012

Scie chimiche? Tutte le mattine all'alba vedo diversi aerei che le rilasciano...



Caro Paolo, mi alzo molto presto la mattina e così sono abituata a guardare i cieli e da un po' di tempo ho sempre la macchina fotografica con me.

Una mattina ho visto un oggetto non identificato viaggiare parallelo alla scia in senso opposto, rifletteva i raggi del primo sole mattutino.... comunque qui le irrorazioni sono notevolmente aumentate ed ho una vasta documentazione fotografica, di solito iniziano prima del sorgere del sole e vanno avanti fino alle prime ore del pomeriggio.

La discussione sulle scie chimiche ci dovrebbe far riflettere sulla nostra incapacità di prendere coscienza dei problemi, ma soprattutto ci dovrebbe far riflettere sulla nostra incapacità di assumerci delle responsabilità attraverso azioni concrete che possano essere sperimentate ed eventualmente divulgate. Mi rendo conto che siamo schiavi delle nostre personalità, schiavi della parola fine a se stessa, è molto più appagante discutere su un blog che ordinare del quarzo, procurarsi un tubo, prendere pala e vanga e osservare silenziosamente.

Credo che l'indifferenza non sia più un'opzione per noi. Credo che solo se ci assumiamo la nostra parte di responsabilità per quello che sta accadendo sul pianeta, saremmo in grado di cambiare questo paradigma di esistenza...non è poi così complicato, basta cominciare dalle piccole cose quotidiane, cambiare le nostre abitudini, fare scelte fuori dal sistema.

Noi scegliamo ogni istante, e le nostre scelte fanno la differenza, ci rendono complici o meno di chi sta tentando di distruggere il pianeta e l'umanità.
La responsabilità scaturisce da un'ampia visione e questa dalla presa di coscienza...ma tutto questo non è possibile senza informazione.

Mai come in questo periodo è difficile discernere, le informazioni sono tantissime e anche questo è funzionale al sistema, la confusione smarrisce e crea ansia.
Non possiamo discernere e farci una visione chiara se non abbiamo il coraggio di guardare in faccia quello che accade intorno a noi.

Le scie chimiche sono tra le tante armi che stanno usando per annientare l'umanità, quella più facilmente riscontrabile... basta alzare gli occhi al cielo. Mi piace andare ad incontrare il sole che sorge dal mare, posso osservare il volo degli uccelli e ascoltare il loro canto..... spesso ormai troppo spesso il cielo terso mattutino viene solcato da aerei, 10, 20, 30 che volando a bassa quota, nel giro di poche ore, con traiettorie impensabili, scie persistenti, lunghissime che si allargano creando corridoi di venature chiare, spesso capaci di creare una coltre che offusca il sole (per i ritardatari che guardano distratti il cielo può sembrare foschia) una coltre bianca che nella valle appare più pesante e più scura.

In questi giorni di leggera turbolenza, li ho visti passare sopra le nuvole insistentemente; spesso al tramonto quando le nuvole si affacciavano dalle montagne spinte verso il mare.

Osservo cosa accade nei cieli, fotografo, documento... osservo l'effetto benefico del crystalbuster, strumento semplice, economico ed efficace.

Buona giornata.

Stefania Acquaticci





..........

Video consigliato: http://www.youtube.com/watch?v=FxPqM02P-zY

Altro Video: http://www.youtube.com/user/diversoinverso?email=share_video_user

Nessun commento:

Posta un commento