sabato 30 agosto 2014

Guerra in Ucraina, escalation in corso, il regime di Kiev chiede l'intervento armato della NATO



Sta diventando sempre più concreto il rischio che in Ucraina la guerra  civile in corso ormai da mesi nell'est del paese faccia un salto di qualità e veda il  coinvolgimento diretto delle potenze occidentali anche sul piano militare dopo che al regime nazionalista sia l'Ue che gli Stati Uniti hanno concesso armi, finanziamenti e sostegno politico.

A scatenare l'escalation potrebbe essere il maggiore impegno militare da  parte di Mosca che nel giro di pochi giorni ha deciso di correre in soccorso delle Repubbliche 
Popolari di Donetsk e Lugansk prima con l'invio di un convoglio di aiuti umanitari e poi con  l'ingresso in territorio ucraino di migliaia di volontari del Donbass - e internazionali - che si sono  addestrati e armati in territorio russo. Il maggiore protagonismo di Mosca - che fa seguito a mesi di 
sostegno ambiguo agli insorti dell'Ucraina russofona - ha permesso alle milizie popolari di  aprire un secondo fronte nei pressi di Mariupol. Il che ha causato un allentamento della morsa e  dell'assedio delle due grandi città ribelli da parte dell'esercito ucraino e dei battaglioni punitivi  composti dai miliziani dell'estrema destra che affiancano le forze armate regolari.

Al di là delle diverse valutazioni possibili sull'entità del sostegno di  Mosca, quella che doveva essere una operazione militare di breve durata si è rivelata assai più 
impegnativa per gli oligarchi alla guida del nuovo regime di Kiev. Nonostante i bombardamenti  indiscriminati contro città e villaggi anche con missili Grad e armi proibite - ad esempio quelle al  fosforo bianco - la resistenza delle popolazioni del Donbass non è stata piegata. Negli  ultimi giorni si è combattuto sul confine tra Ucraina e Russia sulla costa del Mare di Azov dove le  milizie hanno preso il controllo di alcune importanti località e si apprestano a loro volta ad 
assediare Mariupol, importante città costiera a poche decine di chilometri dalla penisola di  Crimea. Secondo il regime di Kiev la manovra mirerebbe a creare un 'corridoio' da Lugansk fino  proprio alla penisola che mesi fa si è resa indipendente e con un referendum ha deciso  l'annessione alla Federazione Russa.

Da tempo il regime di Kiev e i suoi sponsor occidentali insistono sul  fatto che convogli militari russi abbiano sconfinato in Ucraina a volte partecipando agli scontri  militari. Circostanza sempre negata da Mosca e anche da alcuni giornalisti occidentali, fino a quando  all'inizio della settimana il governo russo ha ammesso uno sconfinamento di paracadutisti definito  però un errore. Mentre ancora oggi i funzionari di Mosca smentivano l'ennesima accusa di Kiev -  "un altro convoglio di carri armati russi anche se con le insegne delle Repubbliche Popolari ha  sconfinato" - ci ha
pensato il nuovo primo ministro della Repubblica Popolare di Donetsk,  Alexander Zakharchenko, a dare in parte ragione al regime ucraino, affermando che circa 3-4 mila volontari russi hanno combattuto tra le fila delle milizie che tengono testa alla cosiddetta  'operazione antiterrorismo' di Kiev. "Molti di loro hanno lasciato la Repubblica, ma la maggior parte è rimasta", ha detto in una intervista del canale russo "Rossiya 24" Zakharchenko secondo il quale  si tratterebbe in buona parte di militari dell'esercito russo intervenuti nella difesa del  Donbass a titolo personale. "Oggi mi viene spesso chiesto come sia possibile che l'esercito della  Novorossiya, composto da unità
partigiane possa non solo resistere alle forze armate ucraine, ma anche  sconfiggerle sul campo di battaglia", ha detto Zakharchenko, aggiungendo che "Kiev e  l'Occidente hanno ripetutamente parlato di una invasione militare russa per giustificare in qualche modo  le pesanti sconfitte che esercito ucraino subisce ormai da diversi mesi". "Non abbiamo mai 
nascosto il fatto che molti volontari russi stiano combattendo con noi e senza il cui aiuto saremmo  in una situazione molto
difficile". Oltre a ex militari in pensione Zakharchenko ha affermato  che tra i volontari russi ci sono "anche militari di professione che combattono tra le nostre fila. Ma  sono qui in congedo e invece che farsi le loro vacanze combattono insieme a noi per la nostra libertà".


Ma Francia, Stati Uniti e Nato affermano che a partecipare alle  operazioni militari in territorio ucraino sono battaglioni di soldati della Federazione Russa, dotati di  armi d'avanguardia e agli ordini del governo di Mosca. Oggi un alto esponente dell'Alleanza  Atlantica ha parlato di "1000
uomini" mandati dalla Russia a Donetsk, circostanza smentita dal governo  russo.

Di fronte al capovolgimento di fronte dettato dalla controffensiva delle  milizie popolari a Mariupol e alla loro strenua resistenza a Lugansk e Donetsk - dove l'artiglieria 
ucraina ha distrutto una scuola - il regime nazionalista filoccidentale ha chiesto ufficialmente  il sostegno militare dei suoi sponsor internazionali ed ha mobilitato alcune istituzioni  internazionali sperando che intervengano risolutamente nel conflitto. Accogliendo una richiesta  avanzata dal governo della Lituania, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Uniti ha indetto una  riunione di emergenza sull'Ucraina  il 28 agosto 2014 alle 12 (ora di New York, le 18 in Italia). 


L'ambasciatore ucraino presso l'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce),  anch'essa convocata d'urgenza da Kiev, ha parlato non più di sconfinamenti ma di 'invasione  diretta' ed ha chiesto
l'internazionalizzazione di una crisi che, in realtà, è esattamente il  risultato dell'intervento occidentale a fianco dei movimenti nazionalisti e degli oligarchi  ucraini che portò al golpe di febbraio.

Ora il presidente Poroshenko, reduce da una stretta di mano con Vladimir  Putin a Minsk che non ha risolto proprio nulla, vuole che i blocchi occidentali aumentino le  già pesanti sanzioni comminate alla Russia, a partire dal congelamento di tutti i beni russi  e il divieto di transazioni finanziarie per le banche di Mosca. Non solo. Kiev insiste con i comandi della Nato - di cui il paese non fa  ancora parte ma con cui
ha stabilito forti legami militari - affinché l'Alleanza Atlantica si  schieri apertamente e immediatamente contro la Russia, intenzione per altro già dichiarata  esplicitamente ieri dal suo
segretario generale che ha già annunciato di voler far maggiormente  sentire la sua presenza nell'Est Europa. 


Si capirà nel vertice in programma il 4 e 5 settembre  in Galles - al quale Mosca non è stata invitata - quanto la Nato è disposta a portare lo scontro  con la Russia sul piano
militare diretto. Nel dubbio, il presidente Poroshenko - che oggi ha  annullato una visita in Turchia per partecipare a una riunione urgente del Consiglio di Sicurezza  Nazionale ha comunque chiesto anche all'Unione Europea una 'assistenza militare ampia'.


In attesa di capire fino a dove vuole spingersi il vasto fronte dei  paesi occidentali che sostengono i golpisti ucraini, ora gli analisti si interrogano sulla strategia di  Mosca: la Russia punta a provocare la caduta del regime di Kiev oppure ad annettere alcuni dei  territori russofoni del paese oppure ancora a inasprire lo scontro militare estendendo i combattimenti  ad altri territori così da poter avere più carte dal giocare in una eventuale trattativa con la  controparte che comunque manterrebbe nell'orbita russa il Donbass pur all'interno di un quadro  dell'Ucraina sostanzialmente
unitario? 


Molto dipenderà da quanto Usa e Ue spingeranno l'acceleratore  contro la Russia.

Finora è stata infatti l'aggressiva iniziativa occidentale a determinare  una reazione di Mosca che fino ad ora non sembrava affatto scontata.

Marco Santopadre -  Contropiano.org



........................

Commento integrativo:
Comincerei intanto a sentire i media russi – stanno in rete, in inglese francese tedesco ecc. – , tanto per porre buoni e far finta che la verità stia in mezzo. Poi affina in tiro, sentendo news e valutazioni da terze parti, fuori orbita NATO e con pochi interessi immediati a Baku, se istituzionali, oppure indipendenti (America latina, Africa). Qualcosa di buono si trova pure sui giornali occidentali, Guardian, NYT, FAZ, ad opera di singoli giornalisti onesti (PIlger, ecc.).
Quel che è certo, Kiev da tempo chiede soldi e armi. Una volta avuti,
magari con la nobile intenzione di difendersi dall”espansionismo russo’
(così definisce oggi Il Piccolo la resistenza del Donbass), sarà libero
di usarli per far fuori chi in Ukrajna non ci sta a entrare in orbita
NATO via UE. Dentro e fuori il Donbass: anche nell’Ukrajna
ìnormalizzata’ c’è che dissente, quindi oltre al Donbass esiste anche il
‘nemico interno’ da distruggere.
Inoltre, i soldi servono a farsi pagare dalla UE – da noi – le spese
energetiche per il prossimo inverno, che da quelle parti arriva tra un
mese o due, e così supplire alla futura mancanza di petrolio e gas che
Kiev non potrà più rubare impunemente alla UE (essenzialmente Germania),
poichè la Russia semplicemente non glie ne fornisce più. Punto di
scontro, tra gli altri, tra i due giganti dell’est erano infatti i
‘prelievi illeciti’ che Kiev rubava facendo la cresta alle forniture
energetiche russe alla UE passanti per i corridoi ukrajni, pagati in
pieno dalla UE ma che per un terzo si fermavano prima…
Direte: sempre soldi UE sono, rubati prima e ora finanziati
ufficialmente. Nn è così: prima a pagare il furto erano le compagnie
energetiche UE, ora sarà direttamente la BCE a pagare, quindi
direttamente tutti noi. Inoltre, in cambio avremo comprato l’Ukajna, al
misero prezzo di coprire suoi furti pregressi e di un paio di milioni
di morti e profughi del Donbass. Inoltre, le compagnie UE specializzate
(ra le italiane la Daneli, ad esempio) fanno già la fila per spartirsi
la ricostruzone industriale del Donbass, polo industrale di (ex)
primaria importanza, sempre finanziata dalla BCE che è già pronta a
stanziare i primi 500 milioni (fonti giornalistiche ufficiali). Di
nuovo, saremo noi cittadini UE a finanziare i privati per la
ricostruzione di un Paese che i nostri politici avranno contribuito a
distruggere. ‘Facciamo un po’ di largo con un’altra guerra’, canta
Battiato. Così il capitalismo gira, macina e distrugge, e si autoriproduce.
Jure – Lista Disarmo Peacelink

Nessun commento:

Posta un commento