domenica 10 agosto 2014

Effetto euro e “credere, obbedire, combattere” – Lettera aperta al prof. Oscar Bartoli

Gentile Professore Oscar Bartoli,

dicitencello vuje alla Signora Julia Giavi Langosco (e, per
favore, non solo a Lei):
Che l’effetto di quell’Euro 1 contro 1936,27 lire (1.1.2002)
non è stato unico per tutti i 60milioni di italiani;
Che è stata l’occasione per prendere atto che – dopo 55
anni di vigore della Costituzione Repubblicana – era intatta
la cultura popolare del “Credere. Obbedire. Combattere”;
Che è stata l’occasione per registrare la più eclatante,
spettacolare e massiccia violazione della Carta Costituzionale
nella parte (forse) più significativa della sua umana e
civile missione: “È compito della Repubblica rimuovere
gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando
di fatto la libertà e la eguaglianza dei cittadini, impediscono
il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva
partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica,
economica e sociale del Paese.” (seconda parte dell’art. 3);
Che è stato preso atto che anche la “Dichiarazione Universale
dei Diritti dell’Uomo” veniva disattesa sia nel primo
“Considerando” del Preambolo (“Considerando che il
riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della
famiglia umana e dei loro diritti eguali e inalienabili
costituisce il fondamento della libertà, della pace e della
giustizia nel mondo;”), sia nell’art. 1 (“Art. 1— Tutti gli esseri
umani nascono liberi e uguali in dignità e diritti. Sono
dotati di ragione e di coscienza e devono agire in uno spirito
di fraternità vicendevole.”)
La macroscopica stridente disuguaglianza può essere distinta
in tre settori:
1. soggetto politico istituzionale;
2. soggetto libero mercato;
3. soggetto a reddito fisso con prelievo alla fonte.
1. Soggetto politico istituzionale.
Partiti. Parlamento. Quirinale. Corte Costituzionale. Corte dei Conti. Magistratura. Ecc.
1999. Alla vigilia delle elezioni UE di giugno, il Parlamento
italiano approva la legge che eleva il “rimborso” (in realtà,
il “finanziamento”) ai partiti : da 200 lire a cittadino a 800 lire
a iscritto nell’elenco degli elettori.
2001. Elezioni politiche. (Vince chi ha promesso a 7.200.000
pensionati con meno di 1milione al mese la pensione mensile
da 1 milione di lire. Ne usufruiranno meno di 2milioni.)
Il rimborso ai partiti non viene effettuato a 200 lire a cittadino,
ma a 800 lire a elettore.
Dopo pochi mesi ……..
2002. 1° gennaio è EURO. Euro 1 contro 1936,27 lire.
Scatto olimpionico dei politici nel Parlamento per sostituire la
parola “lire” con la parola “euro”.
In tutte le leggi ove è scritto “lire”?
NO. Solo su quella del “loro rimborso” ed effettuando il cambio
parole col “cambio economico politico“:
1 euro a elettore (quindi, 1936,27 lire invece di 800 lire)”.
Da 800 lire a 1 euro (1936,27) è un salto ……. olimpionico ………
NO, è un salto molto più alto per effetto di uno dei loro consueti
escamotages: l’EFFETTO RETROATTIVO dal 2001.
Pertanto, il cambio reale è stato: 200 lire – 1 euro (2mila lire).
SOLDI. SOLDI. SOLDI. TANTI SOLDI ai PARTITI.
(Si poteva fare? Era legale? L’hanno fatto perchè loro sono ……)
2. Soggetto Libero Mercato.
Molto variegato tra Produttori,Grossisti, Grande distribuzione e Dettaglio.
Il Mercato registra il cambio politico (200 lire – 1 euro).
Nel mercato al dettaglio avviene il “cambio cartellini”:
1.000 lire cambia con 1 euro (1936,27 lire).
In pratica.
Con 2.000 lire compravi 2 kg. di merce;
Con 1 euro – 1936,27 cioè 2.000 lire – compri 1 kg. di merce
3. Soggetto a Reddito Fisso (prelievo fiscale alla fonte)
Lavoratori dipendenti. Pensionati (compreso quelli integrati a 500 euro per 1.000.000 lire)
Dimezzato il potere d’acquisto a 20milioni di lavoratori.
Dimezzato il potere d’acquisto a 20milioni di pensionati.
Impoverita la nazione nella calma, calma che continua.
E’ in quella calma che “stravive” il porcellum (l’elettore patentato
“notaio”nel 2006, 2008 e 2013); che “vive” il finanziamento ai
Partiti dopo la morte anticipata della Legislatura; che “passa” la
favola che il mondo è in crisi ma noi ………. la quarta settimana era
una consolidata tragedia; che frodare lo Stato (impoverire i poveri)
è un reato ma …………… 4 ore il venerdì (se non è festivo e se ……)
Gentile Professore Oscar Bartoli,
dicitencello vuje alla Signora Julia Giavi Langosco (e, per
favore, non solo a Lei) che una bomba d’acqua in Italia ha ucciso
4 persone e, giustamente, sono state onorate (dal Presidente della
Repubblica a …… tutti noi); è la stessa Italia che chiede all’ONU
la moratoria delle Esecuzioni delle sentenze di morte; è la stessa
Italia calma, spensierata ed estranea alle 4mila persone uccise
sulle sue strade in un anno senza processi, nè sentenze, e alle circa
300mila persone ferite; è la Roma, Capitale di quella Italia,
indifferente alle sue circa 190 persone uccise sulle strade, davanti
ai portoni dei Palazzi (Istituzionali e privati) insieme alle circa
25mila persone ferite in incidenti stradali a Roma; ……..
Gentile Professore Oscar Bartoli,
dicitencello vuje a tutti noi che vi leggiamo : almeno ogni sera,
guardatevi allo specchio (se ce la fate a ………).
Buona notte, professore.
Vito Nicola De Russis

Nessun commento:

Posta un commento