sabato 25 gennaio 2014

Femen.. altro che libertarie, son le solite scollacciate arriviste pagate dagli USA


Questo articolo è una bomba per tutti gli appassionati e sostenitori del controverso movimento  delle o FEMEN. In primo luogo, Joelecorbeau.com loda il lavoro eccezionale di Olivier Pechter che ha contribuito ad evidenziare il passato "nauseante" (riprendendo i mass media) di tali attiviste femministe. Lavoro che presenteremo con informazioni aggiuntive.
image002
Inizio comunista

Come abbiamo visto nella prima parte del suo articolo “la faccia nascosta delle FEMEN”, queste attiviste sono delle note transfughe, passate dai movimenti giovanili comunisti a quelli ultranazionalisti, ma anche come "tecnologia politica: una manipolazione politica estrema. Gli strumenti sono familiari: narrazione, disinformazione, e interpolazione..." marketing ed organizzazione dei media sarebbe il termine oggi appropriato. Tra costoro troviamo Oksana Chashko (co-fondatrice delle FEMEN), Anna Hutsol (co-fondatrice delle FEMEN) e Viktor Svjatskij (l'uomo presentato come uno dei burattinai nell'ombra del movimento FEMEN ).
Il passaggio alla Grande Ucraina
In seguito ai risultati catastrofici del Partito comunista ucraino nel 2006, Anna Hutsol e Viktor Svjatskij, che crearono nel frattempo "due movimenti studenteschi alla fine del 2005, il Centro per le prospettive della gioventù (un sindacato) e Nuova Etica, prefigurando l'organizzazione delle FEMEN (che sarà guidata da Sasha Shevchenko, altra co-fondatrice delle FEMEN), si avvicinarono al partito della Grande Ucraina di Igor BerkutLa "Grande Ucraina" è un partito social-patriottico e vagamente di sinistra, quindi appartenente come il Partito Comunista al campo filo-russo. Il suo supporto deciso alla pena di morte gli valsero la mediatizzazione, e le proposte anti-immigrati (comprendenti il posizionamento al confine di "circoli militari-patriottico") interessarono i forum di destra. Nel 2010, si dichiarò (sul serio) per una “buona dittatura democratica”.”
24103_3_image002-33741
Viktor Svjatskij (Centro di prospettiva/Grande Ucraina), Sasha Shevchenko (che poi diresse Nuova Etica, e futuro co-fondatrice delle FEMEN) e Igor Berkut (Grande Ucraina) ottobre 2007.

"Quando le FEMEN furono avviate a Kiev, nella primavera 2008, Andrej Kolomets ("Andrew Kolomyjec"), uno dei quadri di Grande Ucraina (movimento rosso-bruno da cui provengono le FEMEN) entrò subito nel consiglio d'amministrazione. Sarà uno dei più “costanti sostegni finanziari” delle attiviste. “Al fine di garantirne l'indipendenza", disse molto seriamente ... aggiungendo che il movimento "non era mai scaduto nel razzismo". Vedasi Mickael Orlyuk un altro quadro del partito, e anche partecipe delle proteste delle Femen."
"Un certo numero di tesi della Grande Ucraina viene ripreso delle FEMEN. Immigrazione: l'esenzione dei visti per i cittadini europei che visitano l'Ucraina è un disastro, dovrebbero chiudere le frontiere. La Grande Ucraina denuncia le "centinaia di migliaia di immigrati clandestini (che) ci minacciano". Le FEMEN si ponevano al suo fianco, con l'aiuto dell'influenza aviaria "all'ingresso di stranieri nel nostro Paese." “Xenofobia? Forse”, rispose Anna Hutsol. Sull'esempio della Grande Ucraina, le FEMEN sostengono la pena di morte per i 'sadici'." Infine, ci sono i turchi contro cui Igor Berkut (leader di Grande Ucraina) ritiene che la guerra sia inevitabile. Le FEMEN, da parte loro, li hanno avuti a lungo come primi nemici, in nome della lotta al turismo sessuale."
Il riavvicinamento con l'estrema destra ucraina
Tra le reclute del movimento FEMEN, troviamo Darija Stepanenko, membro del gruppo identitario  Confraternita di San Luca, che sostiene “la rivoluzione nel mondo ortodosso”, ramo del partito Bratstvo ("Fratellanza").
24103_11-19962
Inna e Sasha Shevchenko tengono per mano Darija Stepanenko, altra figura pubblicizzata dalla confraternita.
La FEMEN appare accanto a Bogdan Titskij, capo del Comitato Nero, organizzazione di estrema destra ucraina i cui membri furono condannati per l'incendio doloso "di un ostello per studenti africani e per aver attaccato un centro della comunità ebraica".
24103_13-e3d2a
Da sinistra a destra: l'ultra-destra Sinkova Anna (a capo della Confraternita di San Luca), Sasha Shevchenko, Anna Hutsol, un'attivista delle FEMEN e Bogdan Titskij (responsabile del Comitato Nero), all'uscita da un interrogatorio della polizia (agosto 2013)

La FEMEN sostengono un poster del partito di estrema destra Svoboda, fondato come Partito Nazionalsocialista d'Ucraina (in riferimento ai nazisti.) Il partito ottenne 36 seggi nelle elezioni parlamentari del 2012, divenendo il quarto del Paese. Membro del Fronte Nazionale Europeo che comprende, tra gli altri, l'NDP (Nationaldemokratische Partei Deutschlands), un partito neo-nazista  tedesco.
24103_14-ff16f
"Viva la Bielorussia indipendente! Viva la libera Ucraina!" "No al terrore rosso!"

La FEMEN manifestano soprattutto con l'UNA-UNSO o Assemblea Nazionale ucraina – Autodifesa ucraina, il maggiore partito di destra, difensore della Chiesa ortodossa in Ucraina (Patriarcato di Kiev). Conoscendo l'odio delle FEMEN verso la religione, non c'è una contraddizione?
24103_15-d411c
Inna e Sasha Shevchenko, sullo sfondo Viktor Svjatskij

Concludiamo questa lista sui collegamenti tra FEMEN e le organizzazioni di estrema più radicali osservandone le connessioni trans-atlantiche.
24103_8-65ebd
Collegamento con l'Open World Leadership Center
Il movimento delle FEMEN avrebbe ricevuto sostegno estero (soprattutto da Washington) per sviluppare il movimento? L'articolo di Olivier Pechter indica la strada. "Anna Hutsol (fondatrice delle FEMEN) fu infatti invitata negli Stati Uniti da un'agenzia del Congresso degli Stati Uniti, l'Open World Leadership Institute, che descrisse come “una studentessa”." Nel report del 2008, Anna Hutsol viene chiaramente menzionata sulla settima pagina (link PDF):
Coordinate del centro:
The Library of Congress, 101 Independence Avenue., SE Camera LM 611, Washington DC, 20540-1026, USA Tel: (202) 707-8943 Fax: (202) 252-3464 E-mail: RLP@loc.gov, sito http://www.openworld.gov
Qual è l'obiettivo del centro?
L'Open World Leadership Center è descritto come: "Il programma Open World permette ai leader russi di sperimentare la democrazia e la libera impresa in azione nelle comunità degli Stati Uniti in una visita di 10 giorni. I partecipanti al World Open studiano ruoli e relazioni tra i tre diversi livelli e rami del governo degli Stati Uniti. Esaminano anche in che modo il settore privato e no-profit negli Stati Uniti contribuiscano a soddisfare le esigenze sociali e civiche."
Billington-2
A pagina 3 del report del 2008, trovate il discorso del presidente del consiglio d'amministrazione dell'Open World Leadership Center, l'"onorevole" James H.  Billington. Chi è costui? Secondo  Wikipedia, James Hadley Billington è un accademico e bibliotecario statunitense, fu membro del consiglio del comitato di redazione della rivista Foreign Affairs. Un bimestrale internazionale, pubblicato a New York dal Council on Foreign Relations, che appartiene a David Rockefeller! Ecco, trovato il think tank statunitense dietro le FEMEN. Poche righe dopo, gli ultimi dubbi scompaiono quando viene confermato che James Hadley Billington è membro del Council on Foreign Relations!
James H. Billington
Il presidente George W. Bush consegna la Presidential Citizen Medal a James H Billington. Questa decorazione viene assegnata a qualsiasi cittadino degli Stati Uniti "che ha compiuto un servizio esemplare per il Paese o i cittadini di questo Paese."
Associated Press, una seconda connessione?
Il 24 febbraio 2013, durante le elezioni presidenziali in Italia, tre membri delle FEMEN avviarono un'operazione mediatica per colpire, senza successo, Silvio Berlusconi mentre andava a votare a Milano. L'operazione mediatica riuscì potendosi avvicinare a Berlusconi con lo slogan sul petto "Basta Berlusconi". Tuttavia, come poterono le FEMEN arrivare così vicino al loro obiettivo?
Le FEMEN avevano documenti contraffatti dell'agenzia di stampa statunitense Associated Press. Legalmente dovrebbero essere perseguite per falsificazione e uso di falsi. Tuttavia, nessuna inchiesta preliminare è stata aperta. Perché Associated Press non ha presentato una denuncia contro tale usurpazione? Forse la risposta è nel nome del proprietario di tale agenzia? 
In un articolo pubblicato nel maggio 2011, Fox News rivelava che l'Associated Press è di proprietà del miliardario George Soros! George Soros, oltre che per le speculazioni nelle valute estere è noto come il burattinaio delle rivoluzioni colorate in Serbia nel 2000, in Georgia nel 2003, Kirghizistan nel 2005 e anche in Ucraina nel 2004, passata al campo russo nel 2010 con la vittoria di Viktor Janukovich alle elezioni presidenziali.
Il ruolo dell'Open Society Institute di Soros è determinante nel passaggio degli ex-satelliti dell'URSS al campo atlantista. Vedasi il documentario: Gli USA alla conquista dell'Est.Open Society Institute finanzia Reporters Sans Frontières di Robert Ménard. Leggasi il libro di Maxime Vivas “La face cachée de Reporters sans frontières : de la CIA aux faucons du Pentagone
george_soros_4_13_2012
George Soros, specialista in sovversioni e interferenze. Le FEMEN furono appoggiate dall'Associated Press di George Soros? Resta da determinare. Ma i primi tesserini (della stampa) furono gettati via.

In conclusione
E' ormai chiaro che le FEMEN sono agenti delle sovversione per imporre l'ideale liberal-libertario anti-religioso e anti-tradizionale. Ideale nel servire interessi stranieri, se non atlantisti. Un servizio per la sovversione e la destabilizzazione invocando diritti umani, democrazia e libertà in Paesi come la filo-russa Ucraina e la Russia di Vladimir Putin, nell'ambito della partita geopolitica statunitense contro questi Paesi, grandi principi che portarono alla "guerra contro il terrorismo" e all'attacco all'Iraq nel 2003, con il risultato che tutti conosciamo.
Abbiamo sintetizzato il lavoro di Olivier Pechter combinandolo con le informazioni di Joelecorbeau.com, indicando il passato di transfughi ed estremisti delle FEMEN che, misteriosamente, non viene affrontato nel documentario di Foufou (Caroline Fourest): “I nostri seni, le nostre armi”, dove dice di ospitare Inna Shevchenko, la leader più estremista del movimento, Fufu s'è bruciata! Manuel Valls ha vietato lo spettacolo di Dieudonné in nome della dignità umana, mentre concede asilo politico alle FEMEN, gruppo affiliato all'estrema destra ucraina! Dire che i merdia hanno fatto tutto un gran baccano sul presunto antisemitismo e razzismo di Dieudonné, mentre puntano i riflettori sulle FEMEN, dimostra dove sia l'odio. Amici, non esitate a inviare queste informazioni a tutti coloro che sostengono le FEMEN. Tale organizzazione deve smetterla di danneggiare il nostro Paese e il mondo. Facciamo presente il loro passato "nauseante".

Joele Corbeau   (22 gennaio 2014)
Traduzione di Alessandro Lattanzio - SitoAurora

Nessun commento:

Posta un commento