domenica 6 ottobre 2013

Proposta di apertura dei campi del libero amore. A volte anche le idee pansessuali ritornano


La nascita di Venere

Aprire i sacri campi del libero amore

Si vede che alcune proposte "strane", hanno una gittata lunga, fanno il giro del mondo e  pian piano  ritornano...

Scrive l'amico  Carlo Migani: "Quello che chiamano il mestiere più antico del mondo dovrebbe essere tassato? Dovrebbe avere una regolamentazione? Degrada l'immagine della donna? E' lecito per un cristiano "accedere a certi servizi"?...."

E per certe cose Google torna utile,  mi ha consentito di tirar fuori un vecchio comunicato del 1994:


Roma, 26 apr.  (Adnkronos) - ''Regolamentiamo i rapporti sessuali liberi, apriamo i 'parchi dell'amore'''. Dopo la recente scoperta, da parte dei carabinieri di Nepi, di una ''villa del piacere'' in cui si sono svolti festini a luci rosse, gli ambientalisti del Punto Verde di Calcata tornano alla carica e ripropongono un loro vecchio cavallo di battaglia: creare i ''parchi dell'amore''.

''In realtà -dichiara Paolo D'Arpini, segretario del Punto Verde- se andiamo ad esaminare i costumi del passato, scopriamo che anche nelle ville degli antichi romani, di cui si riporta una presenza numerosa nell'Agro Falisco, certe 'pratiche' erano del tutto lecite. Anzi -argomenta D'Arpini- alle orge partecipavano anche i potenti e gli amministratori del luogo''. A suo giudizio, ''anche se fosse evidente che nella Villa di Nepi la prostituzione sia stata esercitata, trattandosi di uno scambio di piaceri legittimi fra persone consenzienti non vi sarebbe nulla di male''.

La proposta di Punto Verde è quella di creare alcuni ''parchi dell'amore'' in cui le cooperative, appositamente costituite e aventi per scopo prestazioni sessuali gratuite o a pagamento, possano lavorare ''tranquillamente'' all'interno di grotte o capanne, anche per ricreare quell'atmosfera naturale e spontanea legata alle antiche tradizioni iniziatiche degli Etruschi e dei Falisci."





Ho pure recuperato questo comunicato scritto in occasione della festa di San Valentino del 2011:

“DIO CI HA DATO LA VITA. TOCCA A NOI DARCI ALLA BELLA VITA!” (Oscar Wilde)

Mi piace pensare che il 14 febbraio  venga dedicato alla festa di tutti gli innamorati, in senso pansessuale, sarebbe un ottimo segno di eguaglianza e di sincretismo.  San Valentino cade nell'Acquario e gli acquariani vivono i loro rapporti all’insegna della più completa e totale libertà e non sono gelosi. Essi vivono l’esistenza terrena nel bisogno costante di novità e di stimoli.Nelle relazioni personali tutto questo si traduce in una sostanziale infedeltà sessuale. Insomma il 14 febbraio è un buon giorno da dedicare alla libertà d’espressione sessuale, che, in fondo, è una specie di laicità… conosciamo infatti gli aspetti  sociali e culturali della laicità di pensiero e nella pratica sessuale possiamo definirla “pansessualità”.

Commento di Peter Boom: "Già una ventina di anni fa avevamo suggerito, assieme a Paolo D’Arpini, di aprire i Parchi dell’Amore e speriamo che questa iniziativa si spanda per tutti i comuni d’Italia"


Paolo D'Arpini 
http://www.circolovegetarianocalcata.it/epopea-del-circolo/





                             A volte ritornano....



......................................................


Commento ricevuto: 

Carissimo, bellissima l'idea dei campi del libero amore, però vorrei fare qualche precisazione: anzitutto, l'amore a pagamento: se una donna vuol farsi pagare lo fa, però i luoghi dove andare lei già li ha, quindi non dovrebbe essere questo lo scopo principale. Lo scopo principale dovrebbe essere l'amore libero e gratuito, fatto perché è bello farlo in mezzo alla natura, tra persone a cui non dà fastidio di essere visti da altri mentre fanno l'amore, anzi forse ne provano piacere. Posti così esistono già in Francia e Olanda, e sono frequentati soprattutto da coppie. Per poterlo fare davvero senza noie legali, sarebbe bene costituire un'associazione, la quale acquisterebbe o affitterebbe un terreno. L'ingresso dovrebbe essere riservato ai soci, e così si eviterebbe la possibile accusa di atti osceni in luogo pubblico, perché il luogo non sarebbe pubblico, ma privato.
Fammi sapere. Mi metto in lista d'attesa come possibile socio.
Ciao, Carlo Consiglio

Nessun commento:

Posta un commento