martedì 8 ottobre 2013

Carcere comunitario autogestito dai detenuti in forma cooperativistica



Sono rimasto basito in seguito alla diatriba sorta fra il presidente Napolitano ed il M5S in merito alla ventilata “riflessione”, suggerita dal presidente al parlamento, su una eventuale amnistia od indulto. Il presidente Napolitano è stato accusato di aver voluto con ciò favorire Silvio Berlusconi. Il vero problema, indipendentemente dalle reali intenzioni di Napolitano, sta nelle infernale situazione carceraria che è causa di degrado, suicidi, corruzione interna agli istituti di pena, nonché di enormi spese di gestione, a carico dello Stato, per il mantenimento delle strutture e della sorveglianza.
Faccio presente di aver inviato agli organi competenti, sin dal 2008, una proposta oculata e ragionata per risolvere definitivamente il problema carcerario, anche tenendo conto che quanto suggerito è facilmente attuabile e potrebbe anzi svilupparsi in forme economiche e imprenditoriali utile alla rieducazione dei condannati e restituendo loro dignità ed autonomia.

Proposta di carcere auto-gestito
Al Presidente del Consiglio – Al Ministro della Giustizia – Alle Commissioni Parlamentari Preposte
Il sottoscritto firmatario, in considerazione delle condizioni pessime in cui versano i detenuti e del costo altissimo sostenuto dalla comunità nel mantenimento degli attuali Istituti carcerari, invita gli Organi dello Stato, le Camere e le Commissioni Parlamentari preposte a intraprendere un esperimento di riorganizzazione carceraria che sia realmente educativo e induttivo al pieno reinserimento sociale dei sottoposti al carcere.
A tal fine il sottoscritto propone un modello di carcere basato sulla auto-conduzione da parte dei detenuti, affiancati da volontari laici non stipendiati e con gli stessi poteri dei carcerati e conviventi stabilmente negli Istituti rieducativi stessi.
Il modello suggerito è quello di un “carcere-comunità” in cui i membri volontariamente accettano di seguire questa metodologia e possono gestire la struttura e provvedere al suo mantenimento sia economicamente che regolamentariamente, scegliendo lo svolgimento di un lavoro autonomo od organizzato collegialmente all’interno della struttura stessa. Un sistema carcerario cooperativo che prevede la produzione in proprio di beni, cibo, opere d’arte, oggetti e suppellettili scambiabili o commercializzabili liberamente, sia all’interno che all’esterno, come pure la possibilità di eseguire prestazioni d’opera per conto terzi. I membri lavoratori di questo carcere modello rinunciano ad ogni rimessa in denaro (da parenti od amici) prevista dall’attuale regolamento carcerario e si impegnano quindi a vivere unicamente del proprio lavoro, gestendo inoltre anche la mensa ed i vari altri servizi interni.
Gli addetti al controllo (le attuali guardie carcerarie) saranno ubicati all’esterno dell’Istituto ed avranno la funzione di impedire l’uscita (o l’entrata) non consentita dal perimetro carcerario e di svolgere quegli interventi che si rendessero necessari in casi di emergenza.
Si consiglia che un siffatto carcere modello possa sorgere in zone disabitate ove sia possibile occuparsi di agricoltura, pastorizia o simili attività. Si consiglia inoltre che tale esperimento si effettui inizialmente per quei condannati non recidivi, naturalmente sensibili a questo metodo edificante, lasciando però la possibilità anche nei penitenziari (riservati ai detenuti recidivi) di giungere all’autogestione, ove le condizioni generali lo consentano.
Il sottoscritto ritiene che questa proposta innovativa, oltre che portare vantaggi alla società ed alle casse dello Stato e garantire dignità umana ai detenuti, sia portatrice di Civiltà, Emendamento e Compassione.

Cordiali Saluti.
Paolo D’Arpini, Circolo Vegetariano VV.TT.
Via Mazzini, 27 – Treia (Mc) – Tel. 0733/216293

Nessun commento:

Posta un commento