venerdì 12 aprile 2013

Arturo Artom il guru di Casaleggio, guru di Grillo, guru dei grillini



"...la Casaleggio Associati appare essere solo il modesto «nodo» locale della potente e diramata Rete anti-demografica globale, subordinato e sotto influenza dei Global Trends dei Sassoon. Ovvio che i grillini trottino quando l’ambasciata USA convoca. E non solo: a fianco del Casaleggio appare sempre più spesso un altro suggeritore, Arturo Artom. Un altro esponente di storica famiglia ebraica torinese, a cominciare da quell’Isacco Artom che fu «segretario» (suggeritore?) del conte di Cavour. Arturo Artom, il grillino di lusso, è stato – come dice il suo post – «Vice-President di Omnitel e Amministratore Delegato di Viasat, azienda leader nei servizi di localizzazione satellitare. Ad ottobre 2006 fa nascere a San Francisco YourTrumanShow Inc., prima società europea nel settore Web 2.0 ad essere costituita direttamente in Silicon Valley. La società ha sviluppato l’algoritmo di video-search che permette di ai network di estendere considerevolmente il numero dei video sui quali servire pubblicità. Ultima nata è Artom Productions, casa di produzione di documentari sulle eccellenze italiane rivolte al mercato internazionale».

Questo Artom sembra proprio il vero suggeritore tecnico del provincialotto Casaleggio, l’esperto del «mondo Web 2.0» che lui non riesce ad essere. Deve essere stato lui a preparargli il «YourTrumanShow» in cui i grillini e i loro capi vivono, convinti che sia la realtà. Da mesi Artom organizza incontri fra imprenditori e il Gran Belinone col suo guru.

«Quello che piace del M5S è il loro grande ascolto, l’attenzione, il fatto che prendano appunti delle cose che gli vengono dette». Prendono appunti, i grillini. Sono obbedienti, lo sappiamo." (Stralcio di un articolo di Maurizio Blondet: Casaleggio, il sub-amerikano)

.....................


Commento di Maurizio Barozzi: "NON  BISOGNA PRENDERE PER SCONTATA OGNI IPOTESI COSPIRAZIONISTA, MA E' BENE AVERE UN QUADRO COMPLETO DELLA SITUAZIONE. QUI ORAMAI DI GENUINO E DI SPONTANEO NON C'E' PIU' NULLA. COMUNQUE, A MIO AVVISO, RESTA SEMPRE POSITIVO LO SCOMPIGLIO CHE LE ELEZIONI CON I VOTI AI GRILLINI HANNO PORTATO"


Commento di Biamonte: "Tutto condivisibile anche se va opportunamente depurato da posizioni e opinioni personali di Blondet. Obtorto collo il movimento va messo alla prova dei fatti e basta, senza dietrologie anticipate. A me sembra che fino ad ora tenga bene e comunque se serve a spazzare via le carogne destre-centro-sinistre attuali per me va benissimo. Poi si vedrà. D'altronde al momento tertium non datur!"


Commento di Giorgio Vitali: "Intanto mi associo a quanto scritto da MAU e BIA. TUTTO VERISSIMO. MA è TUTTO VERO ANCHE QUEL CHE SCRIVE BLONDET. QUI NON SI TRATTA DI DIETROLOGIA ( ad es. se citiamo il Bilderberg senza sapere cosa hanno deciso nell'ultima riunione facciamo DIETROLOGIA) QUI CI SONO FATTI DOCUMENTATI. Ma le cose sono sempre andate così. E' un discorso che cerco di fare da molto tempo. Perché è ovvio che il sistema di POTERE non nasce mai dal NULLA, come invece le banconote. C'è sempre qualcuno DIETRO. Chi c'era dietro a Catilina? Lo sappiamo! Chiedersi se dietro a Grillo, uomo di facciata ma di grande impatto conquistato SUL TERRENO in DECENNI DI CONVEGNI APPARENTEMENTE COMICI, ci siano forze solitamente presenti DIETRO ad ogni movimentazione politica è come VOLER IGNORARE quali forze politico economiche si trovavano dietro a coloro che nel 1775 in Francia diedero l'avvio, molto lento, alla rivoluzione. Ne parlerò al convegno di Storia del prossimo 17 aprile in Campidoglio. Con alcuni amici spero di incontrarmi anche prima. In quella occasione distribuirò tre paginette di fotocopie tratte da IL BORGHESE. Molto illuminanti. 
IL PROBLEMA PERTANTO NON è QUELLO DI SPAVENTARSI DI FRONTE ALLE TRAME ALTRUI, ( d'altronde Blondet, lo conosciamo, è un catastrofista cattolico, anche se BEN INFORMATO) MA DI VALUTARE SE, IN QUESTA CONTINGENZA, SI HA IL CORAGGIO E LE FORZE SUFFICIENTI PER CONTRASTARE QUESTE TRAME NEL MOMENTO CHE VERRANNO DISPIEGATE SUL TERRENO DI BATTAGLIA). 
Ricordiamo che anche la rivoluzione amerikana aveva personaggi notevoli e, [anche se schiavisti ad oltranza, quindi in un modo o nell'altro "debitori" dei negrieri, cioè Lorsignori, vedi Jefferson, più volte citato da Pound] sinceramente disposti verso il "popolo" ( i coloni protestanti ribelli a Sua Maestà). Tuttavia questi furono ampiamente fregati ma NON SUBITO. 
Infine alcune considerazioni collaterali: il tentativo di Lorsignori di rovesciare Chavez in Venezuela ( ne abbiamo visto il filmato) è fallito GRAZIE ad Internet e cellulari. Al contrario, il tentativo di "rivoluzionare" il mondo islamico nei paesi mediterranei puntando su internet, cellulari (più di 5 miliardi nel mondo!)  e presunta voglia di MODERNIZZAZIONE della gioventù locale, è andato fallito. E più fallirà quando i tagliagole verranno definitivamente bruciati in Siria. (Qui si tratta di due differenti e NEMICHE TRA LORO forme di modernizzazione.)  Infine: LEGGE MALAPARTE! "Tecnica del colpo di Stato". oppure: " RIVOLUZIONE NON AUTORIZZATA" di Marco Pizzuti, ed. Il Punto d'incontro."    


Commento di Giuseppe Altieri: "Se la maggioranza che è fatta di brava gente si tiene informata in rete abbiamo vinto, il Movimento 5 Stelle è terreno di prova.. stiamo vicino ai ragazzi ... e bombardiamo i meet up di informazioni e verità e grillo diventerà migliore..."


Nessun commento:

Posta un commento