giovedì 8 marzo 2012

Castelvetro (Modena) – Impianto a biomasse - Interrogativi utili alla discussione sul problema inquinamento dell'allevamento intensivo....



Castelvetro (Modena) – Impianto a biomasse - Interrogativi utili alla discussione sul problema inquinamento dell'allevamento intensivo....

Qualche sera fa durante un incontro fra amici, organizzato dal Circolo Vegetariano VV.TT. a Spilamberto, abbiamo iniziato a parlare del progetto di impianto a biomasse animali di Castelvetro. L’impianto non sarebbe un vero e proprio inceneritore, ma un “bollitore” per tutti gli scarti di lavorazione, da cui estrarre il grasso che poi verrebbe usato per produrre elettricità bruciandolo e, quindi, il problema mi pare reale. Le persone che partecipavano all' incontro erano molto preoccupate per le possibili conseguenze infestanti di un tale “bruciatore”.

La cosa che meno mi è piaciuta di questo progetto è che la materia prima, le carcasse e gli scarti animali, potrebbe essere raccolta e convogliata a Castelvetro da ogni dove.. Insomma l’impianto avrebbe bisogno di molta "carne" per poter essere produttivo e attivo… Il che significa che si presume la continuazione del sistema di allevamento industriale di bovini, suini, etc. in modo da avere sufficiente “combustibile”.. Ed io, essendo vegetariano ed ecologista, ovviamente non sono d’accordo, poiché il paventato inquinamento causato dall’impianto é di fatto preceduto da un molto più forte inquinamento legato alla produzione industriale degli animali da macello.. Non sto qui a parlarne.. ma saprete tutti che l’allevamento industriale rappresenta la maggiore fonte di polluzione e distruzione dell’habitat, persino maggiore di ogni altra industria, della circolazione automobilistica mondiale e del funzionamento delle centrali atomiche, etc.…. (messe tutte insieme)… Informatevi e scoprirete la verità!

Insomma questo apparato di Castelvetro sarebbe la ciliegina sulla torta del sistema di inquinamento globale, con il recupero di una piccola parte di energia.

Paolo D'Arpini

Nessun commento:

Posta un commento