martedì 25 novembre 2014

Nondum Matura - La democrazia è matura... anzi è marcia....



Esopo, Fedro….. la saggezza  dei narratori antichi! Spacciandole e contrabbandandole per fiabe per bimbi, si erano trasformati in macchine fotografiche viventi e scriventi, tramandandoci, attraverso i racconti, verità e saggezza al di là del tempo e della cultura. Forse, anzi, di sicuro, ha ragione Massimo Fini, (quello serio, lo scrittore) che afferma che dopo i Greci, ad esempio, in filosofia si è fatta solo confusione. Iperbole, ma nel pensiero antico vi era già tutto. In egual misura le polluzioni, le miserie, le grandezze dell’animo umano vengono da secoli racchiuse nelle fiabe, nei racconti. In quelli classici, greci e soprattutto latini. 

Ma anche nelle gotiche fiabe germaniche, così piene di “furor germanicus”, che ritroviamo sia nei campi di battaglia, sia nella musica sinfonica di Wagner, di  van Beethoven, oppure nelle struggenti fiabe scandinave, ed ancora nelle sanguigne fiabe spagnole e russe, che tanto si assomigliano, piene di rosso di nero, di giallo-oro e di bianco abbacinante; ed anche nella delicata e soffusa ferocia delle fiabe giapponesi, o nel languore sensuale di quelle arabe delle “mille ed una notte”…. 

Fiabe, racconti…

Oggi mi è tornata alla memoria la fiaba della volpe e dell’uva. Non riuscendo a saltare quanto sufficiente per addentare il grappolo, la volpe, coda fra le gambe, se ne va, dichiarando a se stessa, a consolazione, un clamoroso giudizio organolettico mistificatorio: “..tanto non è ancora matura…”. Cioè una solennissima balla.

Tale mi è sembrata la pseudo soddisfazione dei politichetti nostrani all’indomani delle elezioni di ieri. Al solito, chi ha vinto, si pavoneggia: rubacchia qualche penna dalla coda dei pavoni della storia, se le agghinda, credendo di diventare da cornacchia che era, un regale pavone. Sempre corvaccio restando, però.

Chi ha perso imputa agli elettori restati a casa la colpa della sconfitta: “non hanno capito il nostro messaggio”. Come sempre in Italia la colpa è degli altri.

Due regioni: Emilia Romagna e Calabria. Nella prima aveva sempre regnato la “pax trinariciuta”: manco il fido in banca ti prendevi se non iscritto al partito. In Calabria regnava la “pax clientelare e della ‘ndrangheta”, tradimento del Popolo. Nella prima ha votato il 37,07% degli aventi diritto, nella seconda un poco di più: il 40,4%.

Dire che i partiti sono finiti, dire che questo sistema è crollato, imploso, dire che la divisione fra ricchi e poveracci ha trasformato il fossato sociale in un baratro invalicabile fra Popolo e classe dominante, celebrare il funerale della democrazia, larva putrefatta che striscia nella Storia, lasciando liquame marcio di sé, in attesa di un calcio che la mandi fra i rottami del passato…. Dire queste cose che vado conclamando (non solo io, anzi sempre di più, in crescita esponenziale) diventa noioso ed inutile.

Se la casta fosse formata da uomini cui è rimasto anche solo il 10% di dignità, andrebbe davanti al Popolo e annuncerebbe elezioni per una Nuova Costituente, che rinnovi il PATTO FRA ITALIANI.  E’, ma purtroppo dico che sarebbe, l’unico atto di amore verso la propria Gente. Poi che ognuno la pensi come crede. Ma questo sistema non ha più la forza di respirare: accanimento terapeutico e arraffante.

L’alternativa è la rivolta. Che si sa come comincia ma nessuno è in grado di dire come finisce. “Muoia Sansone con tutti i Filistei”? Non credo abbiano neppure la grandezza del gigante capelluto dell’antico testamento. Si trascinano tra uno scandalo e l’altro, fra un disastro e l’altro, fra un arresto e l’altro. 

Come nel film “i Magnifici Sette”, quando Steeve McQueen racconta al bandito Calvera la storia di quello che cadeva dal decimo piano, ed ad ogni piano diceva a se stesso “Per ora va bene, per ora va bene…”. Siamo arrivati all’altezza del secondo piano.

Ma tanto, l’uva non è ancora matura….


Fabrizio Belloni

1 commento:

  1. Bel film, i magnifici sette... uno dei miei preferiti... Bella disquisizione, caro Fabrizio. Condivido praticamente tutto e me ne rammarico, perché penso che, ahimè, siamo in tanti a pensarla allo stesso modo e come sempre, il popolo non viene ascoltato. Loro ci propongono ancora le "brioches", forse non hanno capito che tra poco mancherà il pane.... Grazie.

    RispondiElimina