lunedì 10 ottobre 2016

Cronaca del secondo confronto televisivo tra K.hillary Clinton e Donald Trump


Donald: Ho ammesso di aver sbagliato a dire che gli uomini di successo possono avere le donne che vogliono, ma chiedo anche agli americani di considerare che quando l’ho detto ero molto più giovane e non ero candidato alla Presidenza.
Killery: Ma lei ha detto una cosa gravissima e a nome dei comitati femminili degli Stati Uniti io la dichiaro indegno di diventare Presidente.
Donald: Ho già chiesto scusa all’America ed in particolare alle donne americane per quelle frasi, ma i suoi collaboratori, che lei ha mandato a scrufugliare nella mia vita privata passata, avrebbero facilmente potuto trovare centinaia di studi e di pubblicazioni che dimostrano come la ricchezza e il successo favoriscano le conquiste sessuali, ma sarei curioso di sapere se lei ritene che sia una colpa uguale dire una cosa e fare una cosa …
Killery: Lei è uno zoticone antifemminista ed è inutile che venga ora qui a filosofeggiare ciò che lei ha detto è diseducativo per i giovani americani e inammissibile per tutte le donne americane …
Donald: Non vuole rispondermi ? Le ho chiesto se è più grave dire una cosa sbagliata o fare una cosa sbagliata…
Killery: Sono due cose egualmente gravi …
Donald: Ho già riconosciuto che dire quelle cose è stato un grosso errore, ma io e la giurisprudenza americana, e mondiale … pensiamo che sia molto più grave fare una cosa sbagliata che dire una cosa sbagliata, io l’ho detta, lei e suo marito l’avete fatta …
Killery: Si vergogni!!
Donald: Ed è per i vostri soldi e per il vostro successo che avete avuto tante donne, le sue e quelle di suo marito… pagate con i soldi e con il successo per averne il loro consenso prima dei fatti e pagate con i soldi e con il successo dopo, per avere il loro silenzio ..
Killery: Lei è un razzista, un misogino , un nemico della libertà sessuale e dei Gay Pride…!! E gli americani se lo ricorderanno quando andranno a votare per la presidenza … e si ricorderanno anche che lei è un evasore fiscale… lo ha detto anche De Niro..
Donald: Siamo qui per dire delle verità agli americani e io ammetto di avere fatto ciò che ogni americano fa, e cioè, ho seguito le istruzioni del mio commercialista che, rispettando le leggi, ne ha utilizzato tutte le prescrizioni e modalità che consentivano di ridurre l’importo da pagare … Lasci stare il filmato che avete fatto fare ad un attore in crisi di astinenza.. parliamo piuttosto di quello che suo marito e Obama hanno fatto con i soldi dei contribuenti americani…
Killery: Abbiamo dato la sanità gratuita, la scuola gratuita,.. e abbiamo difeso gli americani dal terrorismo…
Donald: Allora restituiteci le tasse, perché la sanità non è gratuita e nemmeno l’istruzione, … quanto alle vostre guerre.. a proposito della differenza tra il dire e il fare … se io qui dicessi che vorrei sostenere il terrorismo sarebbe molto grave, ma è ipocrita che venga qui a cercare il voto degli americani, con lo spauracchio del terrorismo, chi , come lei, il terrorismo lo ha sostenuto, armato e finanziato, con le tasse degli americani.
Killery: Lei è un folle e io con i folli non parlo più, cari americani fate come me che ora me ne vado e non ascoltate più questo folle!
——————————-
3 a 0 palla al centro
——————————-
Ovviamente queste verità del dibattito immaginario non arriveranno ai telespettatori americani, personalmente non voterei, ma tra una che ha già dato prova di essere manovrata dalla grande finanza assassina e guerrafondaia e uno che ancora non ho visto all’opera…, se proprio dovessi per forza votare, voterei Trump.
Fernando Rossi
…………………………..
Articolo collegato: http://altracalcata-altromondo.blogspot.it/2016/10/lo-strazio-americano-e-le-liti-da.html


.......................


Integrazione di Ilmondodirussia: "CNN: Repubblicani nel caos, ma Trump continua a piacere agli americani

Il Partito Repubblicano degli Stati Uniti è in uno stato di caos senza precedenti per leparole scandalose di Donald Trump sulle donne: tutto avviene ad appena un mese dalle elezioni presidenziali, riporta la CNN.A seguito delle affermazioni sessiste di Trump riportate dal Washington Post, decine di Repubblicani hanno dichiarato di non sostenere più il tycoon o addirittura di rimpiazzare la sua candidatura con il candidato vicepresidente Mike Pence.
Il presidente della Camera dei Rappresentanti Paul Ryan e il capogruppo della maggioranza al Senato Mitch McConnell preferirebbero il ritiro volontario di Trump, anche se sono consapevoli della confusione che si creerebbe ad un mese dalle elezioni, riporta la CNN. Ora la direzione del Partito Repubblicano (RNC) sta valutando se sostituire Trump con un altro candidato, ma "a quanto pare è più facile a dirsi che a farsi": sono già state stampate le schede elettorali e in alcuni Stati è già iniziato il voto anticipato, comunica la CNN. Allo stesso tempo Trump ha dichiarato che in nessun caso ha intenzione di farsi da parte. "Non toglierò mai la mia candidatura. Non lo farò mai nella mia vita. No, non mollo. Ho molti consensi", — ha detto il tycoon in un'intervista con i media nazionali. In effetti è ancora alta la popolarità di Trump dopo la pubblicazione delle sue frasi infelici: molti americani non sono pronti ad allontanarsi dall'uomo che viene visto come il ribelle contro l'establishment politico così odiato. Inoltre la dura reazione della leadership dei Repubblicani contro Trump può fargli guadagnare altro consenso, ipotizza la CNN"

...............


Commento di Giorgio Mauri: “Clinton ha ricevuto Renzi a NY avendo parole di elogio.
Clinton ha terminato lo smantellamento del sistema finanziario mondiale con l’ultimo atto di deregulation, avviando il disastro del 2007, da cui gli USA non hanno avuto problemi a riprendersi, visto che stampano tutti i dollari che vogliono e visto che possiedono armi smisuratamente superiori a tutto il resto del mondo. Ma hanno anche un controllo totale del cosmo, con cui possono contare i centesimi persi nelle strade di Pechino.
Accusare Trump di sconcezze da parte della Clinton mi sembra un tantino ridicolo. Viene proprio la voglia di dirle di pensare ai cazzi suoi.”

1 commento:

  1. Commento di Vincenzo Zamboni:

    Ci ho provato.
    Ho provato ad ascoltare il secondo dibattito tra i due principali candidati presidenziali U$A (la terza, Jill Stein, è misteriosamente ignorata dai massmedia).
    Il primo lo avevo saltato, ho voluto provare con il secondo.
    E' inascoltabile.
    Non ho potuto resistere oltre al 7° minuto.
    E' banale, noioso, disleaving.
    Una collezione di banalità.
    Davvero gli americano decidono chi avrà in mano le valigette con i codici dei missili termonucleari con domande e argomenti così noiosi ?
    "Darò più sicurezza!"
    "No, più sicurezza la darò io!"
    "Rifarò grande questo paese!"
    "Tu tocchi il culo alle donne!"
    "No, sei tu che non sai fare i pompini a tuo marito!"
    "Voglio una scuola migliore"
    "Io farò dei contratti migliori dei tuoi"
    "Io sono the best"
    "No, sono io".
    Ma li mortacci vostri...
    Che gente."

    RispondiElimina