giovedì 11 giugno 2015

Troppo sole può dare alla testa, eppure illumina!



  • Una donna si adira se ci provi. Ma se non ci provi si arrabbia, si incazza, si imbufalisce tre volte tanto.
  • I Latini erano tosti, seri, pratici, pragmatici e non ipocriti. “Si vis pacem, para bellum”, se vuoi la pace, preparati alla guerra, tradotto malamente. Oggi si pretende la pace con la boccetta dell’olio di vaselina come unica difesa…..
  • La domanda più idiota che si può rivolgere ad un bambino è “vuoi più bene alla mamma od al papà?”. Perché farlo diventare fin da piccolo un democristiano, o, oggi, un piddino?
  • La cultura in Italia è diventata un dopolavoro, con tutto il rispetto per i circoli di lavoratori. Si decidono carriere, premi, pubblicazioni, fama (caduca e momentanea) in base alla tessera politica, all’arcigay, all’appartenenza alle emittente televisiva imperante.  Una palude stagnante, nebbiosa, maleodorante. Senza sole.
  • I politici italici sono corrotti. Ogni giorno ne beccano uno o più con le mani nella marmellata. L’unica giustificazione che si sente : “….ma anche tu!...”. Si usava questa frase quando si era nelle prime classi elementari. Già in quarta o quinta fummo educati alla responsabilità personale.
  • Sto diventando vecchio. Me ne accorgo perché sempre più mi piacciono le belle donne. Dite che sono malato?
  • In Europa i Paesi fuori dall’euro (esclusi i sudditi della Betty) stanno avendo incrementi di PIL a due cifre. I media non citano mai il più galoppante di tutti: l’Ungheria. Forse perché ha un governo “fascista”.
  • Perché in questo squinternato e meraviglioso Stivale non si parla mai di RENDICONTAZIONE  circa l’utilizzo dei fondi pubblici? Se la casta volesse rottamare sul serio la vecchia partitocrazia, basterebbe una semplice, chiara, corrosiva disposizione di legge: ogni centesimo di denaro pubblico deve essere immediatamente messo a disposizione della conoscenza della pubblica opinione. Con particolare severità circa gli sprechi (la responsabilità deve essere individuabile e perseguibile immediatamente), che in Italia pesano circa 70 miliardi all’anno; e con duplice severità verso la corruzione, circa 60 miliardi all’anno. Poi i soldi per la crescita produttiva ci sarebbero, evidentemente. Ma la casta non vuole: le sta bene così.
  • Vi siete accorti che i partiti hanno cambiato nome? In qualche caso anche facce. Ad ogni tornata cambiano programma. Ma vi siete chiesti perché la Politica, quella vera, con la P maiuscola, in Italia non cambia mai? Avete mai visto un servo che cambia la livrea se il padrone non vuole? Fingono di cambiare i suonatori, ma la musica….. Così non si cambierà mai. Nulla.
  • Nel Bel Paese è affiorata una nuova moda: non pagare. Nessuno paga più. Tanto la giustizia…..
  • Provate a pensare: un Presidente della Repubblica simpatico e trasversale; un Presidente del Consiglio che ne capisca di politica (ho detto politica, non partitica); Ministri competenti ed al di sopra delle fazioni; Governo e parlamentari scelti dai Cittadini e a contatto del territorio di competenza; Giudici che rispondono alla legge e solo alla legge; Burocrazia al servizio del Cittadino, snella efficiente, spiccia e gentile….. Poi buttate il cognac che è rimasto nel fondo della bottiglia e fatevi tre o quattro caffé neri forti. Molto forti. Per farvi passare la sbronza. Democrazia, democrazia…. Che fine miseranda che hai fatto. E non poteva essere diversamente.
  • Finiscono le scuole. Vacanza per i ragazzi. Speriamo le passino in gioiosi trastulli marini, con le belle ragazzine, sulle montagne, giocando a pallone. Invece ho paura che l’alcool (e non solo, purtroppo), scorrerà a fiumi, per cercar di annegarvi dentro la solitudine. Meglio la ragazza, da soli, appartati, credetemi.
  • L’invasione infuria, il governo manca, sull’Italia sventola bandiera bianca.
  • Problema invasione: soluzione strategica sta nell’aiutarli a casa loro promuovendo auto economia non pelosa e rapace. Soluzione tattica: mandare la Marina Militare ad affondare tutto quello che galleggia sia in acqua che a riva sulle coste Libiche ed oltre. Lo dico da un paio d’anni. Ora sembra che i tremebondi componenti della casta comincino a capire: la paura fa novanta. 


Fabrizio Belloni

Nessun commento:

Posta un commento