sabato 13 giugno 2015

Dimenticare la lingua italiana in Europa non aiuta la cultura mondiale



Andrea Riccardi (in riferimento al suo intervento apparso su Corriere Europeo del 9 giugno 2015  NDR)  farebbe bene ad occuparsi dell'italiano in Europa dove la nostra lingua, in totale  inosservanza con la regolamentazione vigente, è stata rottamata e ridotta al livello del maltese, l’italiano nel mondo si porta già molto bene è la quarta lingua più studiata. Occuparsi dell’italiano nel MONDO  è un’ottima cosa ma l’uso dell’italiano per la concezione delle politiche comunitarie in seno alle istituzioni europee è molto più importante.

L’uso di lingue umanistiche, come l’italiano e altre lingue latine, per la concezione e la redazione di testi normativi dell’Unione Europea, è suscettibile di ricadute economiche, culturali e di diritto di grande portata. Su questo riposa la salvaguardia dell’Italia, dell’Europa, della civiltà greco-latina, della democrazia, dei valori che ci sono stati trasmessi e che sono in grave pericolo di sopraffazione e di estinzione.

I nuovi valori, efficacemente veicolati dalla lingua, della globalizzazione statunitense, quella dell’economia e della finanza, della speculazione e del lucro, dello smantellamento del modello sociale, stanno in effetti esautorando lo Stato e lo Stato di diritto.

Anna Maria Campogrande



Articolo di riferimento: 

Nessun commento:

Posta un commento