mercoledì 27 maggio 2015

Viterbo - "Levati, oh Lazzaro..."... il cimitero di San Lazzaro mostra i suoi "gioielli"


Visualizzazione di 2015-05-26_398-DSC_9101 [1024x768].jpg

Degrado, sporcizia, manutenzione molto carente, e …bare a vista; si avete capito bene: esposta alle intemperie, c’era una bara semidistrutta fra le macerie di un monumento funebre evidentemente collassato sotto il peso del tempo o magari di qualche albero crollato di recente. Abbiamo interpellato un esperto del settore che, visionate le foto, ha affermato che dentro la bara c’è sicuramente il corpo e questo si evince dal fatto che le saldature sullo zinco interno sono intatte. Crediamo che sarebbe opportuno in casi come questo avvisare gli eredi e spostare la salma presso il deposito; certo è che così non può rimanere, sicuramente per motivi igienico sanitari ma soprattutto per rispetto del defunto.

Questo è quello che ci è capitato di vedere oggi durante un sopralluogo effettuato grazie a delle segnalazioni di alcuni cittadini che tra l’altro lamentano pure l’assenza cronica dei custodi all’interno del cimitero di Viterbo; la cosa è infatti facilmente verificabile visto il cartello posto fuori l’entrata della guardiola, il quale recita testualmente: “per il custode rivolgersi presso l’ufficio del nuovo cimitero”.

Non sappiamo quali siano i motivi che hanno portato a lasciare totalmente sprovvisto di sorveglianza il S.Lazzaro; mancanza di personale, un’ondata improvvisa di influenza, o…? Fatto sta che i custodi li non ci sono e sculture, opere d’arte anche di artisti famosi che andrebbero salvaguardate e che “forse” sarebbe bene sorvegliare, sono lasciate potenzialmente alla mercé di chiunque.

Abbiamo constatato inoltre come vi sia una carente manutenzione anche nei vialetti, dove cumuli di foglie e aghi di conifera attendono languidamente di essere rimossi e chiusini per lo smaltimento delle acque otturati dal fogliame non più in grado di svolgere la loro primaria funzione.

Tra l’altro abbiamo assistito allo svuotamento di alcuni cassonetti di rifiuti da parte degli addetti; come da verifica, all’interno dei contenitori vengono  gettati rifiuti di ogni genere: organico, plastica, carta; evidentemente qui la raccolta differenziata non è ancora arrivata.

I morti di sicuro non protesteranno, ma il rispetto che gli si deve e forse magari anche una particolare attenzione all’aspetto igienico sanitario della cosa, vista anche la stagione estiva e il caldo ormai alle porte, oltre che al decoro mancante e che ci si aspetterebbe in questi luoghi, dovrebbero essere sufficienti a chi di competenza per attivarsi con sollecitudine per risolvere l’incresciosa situazione.

Grazie ai cittadini che ci hanno segnalato la cosa; noi continueremo la nostra azione di monitoraggio e vi terremo aggiornati.


MoVimento 5 stelle Viterbo

Visualizzazione di 2015-05-26_407-DSC_9111 [1024x768].jpg

Nessun commento:

Posta un commento