lunedì 5 settembre 2016

Pomerania - Per chi suona la campana?....


Risultati immagini per Pomerania - Per chi suona la campana?.... vedi

Come annunciato dai primi commenti televisivi e della rete, il 21% alla AFD (Alternativa per la Germania) nelle elezioni del Meclemburgo-Pomerania, viene ancora una volta letto come un voto razzista e xenofobo.

Sarebbe tempo che lorsignori prendessero atto che il loro ‘piffero’ non incanta più , anche se i media e i partiti della grande finanza hanno ancora un enorme potere, addirittura strabordante dove sono in alleanza con la malavita organizzata, nel costruire bugie e rassegnazione che portino consenso.


Che la ‘globalizzazione’ sia una occasione di sviluppo, ci sono ancora giornalisti e politici a dirlo, ma non ci credono né loro né chi li paga, tant’è che nessuno riesce a spiegare come, riducendo occupati e salari aumenterà la domanda interna.

Che l’ immigrazione clandestina, depenalizzata, illimitata e incontrollata, verso i paesi europei (che hanno portato guerra e terrore a casa loro) sia un fatto positivo e utile allo scambio culturale viene ancora ‘recitato’ dai globalizzatori alla Napolitano e alla Boldrini, ma le persone hanno sotto gli occhi i reali risultati di queste scelte politiche.

Continuino pure a ballare sul Titanic, ma la ‘campana’ ha già cominciato a suonare, e quello del Meclemburgo-Pomerania non è che l’ultimo di una serie di rintocchi europei.
Tra l’altro, quel 21% lo hanno preso in un Land come il Meclemburgo in cui la disoccupazione è al 9% (in Italia , all’11,5 e al 40% quella giovanile), ma gli stranieri sono appena il 3% (in Italia 8,2 % quelli regolari ma è ignoto il numero dei clandestini), quindi non è una ‘emergenza’ ad aver determinato quel voto. 

Un voto popolare e operaio, giunto anche da Socialdemocratici, Popolari, Verdi e Sinistra Linke.

Anche i Socialdemocratici, che hanno perso il 5% sono ora in allarme, e arrivano a dichiarare che la Merkel deve smetterla di dare soldi solo a banche e immigrati, perché le famiglie tedesche hanno grossi problemi …(e la Germania è. notoriamente, la baracca più ‘benestante’ del lager Euro).

Fernando Rossi



Nessun commento:

Posta un commento