domenica 25 settembre 2016

Informazione continua - C'era una volta la RAI... ora c'è il raglio



​ 
Per avere misura del grado di ipocrisia, della strumentalità e della falsità dell’informazione asservita al potere anziché ai cittadini basta confrontare le reazioni della stampa al No alle Olimpiadi di Mario Monti, nel 2012
  • Repubblica - Francesco Bei: “Le ‘cricche’ d’affari romane, lo spettro del default greco, la vaghezza del piano, il rischio di una guerra diplomatica al termine dalla quale l’Italia sarebbe finita distrutta come un vaso di coccio. Sono molte le ragioni che hanno spinto Monti a pronunciare il suo no”.
  • Corriere della Sera - Lorenzo Salvia - “Tra il 2014 e il 2018 lo Stato avrebbe dovuto trovare 800 milioni l’anno. Con buona pace di chi aveva parlato di Olimpiadi a costo zero”
  • La Stampa - Luigi La Spina - “La coerenza di un no responsabile”, in sintonia con “le attese dei cittadini”.
con quelle degli stessi organi di stampa al No alle Olimpiadi di Virginia Raggi nel 2016
  • Repubblica - Sebastiano Messina - “Scena imbarazzante, metodo incomprensibile, motivazione traballante senza un solo dibattito pubblico e senza aver sentito l’opinione dei romani”
  • Corriere della Sera - Sergio Rizzo - un conto è il no di Monti, un altro è il no di “un privato cittadino garante di un movimento politico”
  • La Stampa - Marcello Sorgi - “Non c’è uno solo degli argomenti portati dalla sindaca che non possa essere contraddetto …… le Olimpiadi sono innanzitutto un insieme di passione, orgoglio ed entusiasmo giovanile” …….bisognerà rassegnarsi a questa ennesima prova di nullità”
Ma tutto questo non è nulla rispetto all’azione di oscuramento totale delle notizie dovute per la giusta comprensione delle vicende del mondo, da parte del Grande Fratello Televisivo mantenuto col canone dagli italiani. Tutto è oscurato e tutto èrubato dalla RAI, sempre più acronimo di Rapina Agli Italiani:

dalle piccole (si fa per dire) notizi-ole (o accie, fate voi) di casa nostra:

Il sindaco di Siracusa Giancarlo Garozzo
"Qualcuno dovrà prendersi la responsabilità di aver portato nel
PD soggetti che hanno rapporti con la criminalità organizzata"

alle grandi vergogne mondialiste

Intervista al Generale USA Wesley Kanne Clark 
"il gruppo terrorista dell’SIS (Stato Islamico) è stato creato
dagli amici ed alleati degli USA per combattere contro il 
Movimento di Resistenza Islamica del Libano (Hezbollah)”.

che ben spiegano le ragioni (sarebbe meglio dire Maggioni(*))  del grande

IMBROGLIO TRILATERALE
della disinformazione pubblica televisiva italiana


  

(*) Maggioni non solo Rai: anche TRILATERAL

La presidente di viale Mazzini guiderà il gruppo italiano della potente e misteriosa associazione americana. Ma non tutti i soci sono d'accordo - DI LIA QUILICI 22 settembre 2016 – L’Espresso


Adriano Colafrancesco

Nessun commento:

Posta un commento