mercoledì 5 settembre 2012

...opponiamoci all'espianto ed al commercio di organi da persone vive (per trapiantarli ai moribondi)

Colloquio sull'aldilà tra Franco Augello e Paolo D'Arpini

Da un inizio in aiuto alla conservazione della nostra identità filosofica...ad un aiuto di preservazione conservazione e riaffermazione dei nostri diritti e del profondo rispetto che ci è dovuto quando stiamo per attraversare "la soglia"...alla comprensione di "dove" andiamo...

Ho appena letto e firmato la petizione online.: «In favore dell'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici»

http://www.petizionepubblica.it/PeticaoVer.aspx?pi=P2012N28319

Io concordo con questa petizione e penso che anche tu potrai essere d’accordo..

Firma la petizione e divulgala fra i tuoi amici.

Grazie,
franca chichi


.........

Il cittadino attento sa che la dichiarazione di cosiddetta “morte cerebrale”, sentenziata mentre il corpo è visibilmente vivo, è un'invenzione per sviluppare espianti-trapianti, garantendo a medici e chirurghi l'omicidio impunito.

Sa quindi che l'espianto di cuore e organi vitali si pratica su persone che hanno perso la coscienza, ma sono vive: cuore autonomamente battente, circolazione in tutti i distretti del corpo, respiro aiutato con la ventilazione, somministrazione di farmaci paralizzanti per non disturbare il chirurgo.

Comincia a sapere che per reni e fegato, causa la crescente richiesta, si è sviluppata l'illegale pratica di preparare immediatamente all'espianto coloro che hanno una crisi cardiaca e che sono giudicati superficialmente “senza speranza” (in base alla classe sociale e all'età). Il corpo, entro 2-5 minuti, viene messo in circolazione extracorporea per ossigenare gli organi da espiantare, escludendo il cervello, in attesa che scattino i 20 minuti di arresto cardiaco, non contrastato, per la dichiarazione di “morte cardiaca” e della firma illegale di familiari ingannati ai quali viene detto “donazione a cuore fermo” (sic). Ma la preparazione è cominciata illegalmente a cervello vivo, prima di sapere se la persona è donatrice o oppositrice. Grave contrasto con la L. 91 del '99.

Sta diffondendosi la cosiddetta donazione da viventi sani, di un rene (dal 1967), parte di fegato (dal 1999), di midollo osseo e sangue cordonale nonché, prossimamente al voto parlamentare, di parte di polmone, di intestino e di pancreas. Richiesta che colpisce principalmente le donne, ricattate per figli e mariti.

Non si salvano neppur i morti veri, in arresto cardio-circolatorio e respiratorio costatato per ore. Da costoro prelevano tessuti (cornee, ossa, valvole cardiache, tendini, vasi sanguigni ecc.) che vengono stoccati nelle numerose biobanche italiane ed europee per il commercio globale.

DIFENDIAMOCI DA QUESTI ORRORI!
LA LEGGE 91 DEL 1° Aprile 99 prevede il diritto di opposizione. L'art. 5 stabilisce che il ministro della Salute emetta un decreto attuativo per la manifestazione di volontà, sono passati 13 anni ma nessuno lo vuole emanare, nonostante le diffide. Quindi siamo ancora in DISPOSIZIONI TRANSITORIE art. 23 che recita: “...è consentito procedere al prelievo di organi e di tessuti... salvo che il soggetto abbia esplicitamente negato il proprio assenso”. Per chi non si è espresso vale l'opposizione scritta del coniuge, dei figli maggiorenni e dei genitori presentata entro 6 ore.

Per questo la Lega Nazionale Contro la Predazione di Organi e la Morte a Cuore Battente diffonde la CARTA-VITA/Dichiarazione autografa d'opposizione all'espianto d'organi, tessuti e cellule da unire alla Carta d'identità, che esprime una volontà personale.
Promuoviamo tale documento di autodifesa, secondo legge, che ciascun cittadino attento dovrebbe possedere. Eccezionalmente, per chi vuole sostenere l'associazione e contrastare la propaganda governativa, le nuove iscrizioni, se fatte entro il 30 settembre 2012, avranno valore fino al 31 dicembre 2013 con i relativi benefici.

Lega Nazionale Contro la Predazione di Organi e la Morte a Cuore Battente
Pass. Canonici Lateranensi 22 -24121 Bergamo
Tel. 035/219255 Fax 035 235660
lega.nazionale@antipredazione.org


.................


Articolo in sintonia - Cesare Boni: "Esperienz​e di pre e post mortem e vita nell'aldiq​ua e nell'aldil​à...": http://bioregionalismo-treia.blogspot.it/2012/08/cesare-boni-esperienze-di-pre-e-post.html

Nessun commento:

Posta un commento