martedì 23 febbraio 2016

Mentre il Titanic affonda "fuocoammare" vince a Berlino



Al Festival di Berlino ha vinto, tra gli entusiastici peana della critica, dei media e del governo italico, il film di Rosi "Fuocoammare".

Non ne discuto il valore artistico (non lo ho visto) ma credo proprio si sia aperto un nuovo "filone d'oro", conformista e politicamente corretto, per artisti, giornalisti, scrittori etc. in parallelo con quello sulla shoah che ha arricchito tantissimi (specie sinistrorsi e catto-radical-chic).                                               
Peraltro ho sentito che Rosi ha abbinato i due temi come i più importanti della storia contemporanea (?).


Qualcuno può negare che il problema dei "migranti" non sia davvero tale per l'Italia e l'Europa? No, di certo... solo che tutti i media generalisti, Rai e Sky in testa, lo trattano con una visione faziosa e senza contraddittorio reale che risponde ad una precisa strategia: quella di imporre ai telespettatori od ascoltatori la necessità ed ineluttabilità della accettazione dei "migranti"... profughi o clandestini che siano.

Su questo fronte,compatto e saldo,troviamo schierato quello della "società civile" fatto (preminentemente) da attori, scrittori, giornalisti, sociologi,politici, professoroni etc.., tutti ottimamente piazzati e dai portafogli ben guarniti con una comune caratteristica: quella di essere lontanissimi dalla sensibilità sociale, economica e politica di larga parte del popolo.


Si può infatti negare che il messaggio corrente,che si vuole imporre agli italiani (in verità pure dalla Chiesa) da quanti detengono le chiavi del potere economico, politico e mediatico, non sia quello del "si alla accoglienza", totale ed incondizionata,dei "migranti" di oggi e domani?


"Senza se e senza ma",senza "contro" perché sono solo i (presunti) "pro" ad essere presentati ai cittadini che vedono, sentono e leggono (solo quello che viene loro propinato).


Ovviamente, essendo questa la linea "politicamente corretta" del pensiero unico, chi si oppone è (quantomeno) "fascista, razzista, xenofobo" o (per dirla come il democraticissimo, defunto Eco) "imbecille"...


Con Fuocoammare fa il paio l'appello dei 400 sottoscrittori per la rapida approvazione della Cirinnà sui diritti civili (comprensivi della accettazione di fatto dello "utero in affitto")... i pensatori radical-chic hanno così lanciato il loro ultimatum ai politici di riferimento...

Secondo il mio concetto di rappresentatività popolare, invece,sarebbe stato più opportuno un bel referendum su questo argomento...


Spero che queste mie valutazioni (molto sintetiche),affidate alla ospitalità delle testate indipendenti che le ritengano di qualche interesse,rendano sufficientemente l'idea di quel che voglio porre in evidenza: la distanza che c'è tra gli "intellettuali" di regime (e funzionali ad esso) e moltissimi di noi italiani, forse maggioritari.


Vincenzo  Mannello

Nessun commento:

Posta un commento