sabato 27 agosto 2016

USA. Democrazia od oligarchia…?


L’oligarchia (Oligoi / pochi e Archè / comando) delle famiglie della grande finanza, al potere negli USA, non è nemmeno lontanamente la Democrazia (Demos / popolo e Kratos /potere).
Negli USA, dati riferiti al 2012, su 313 milioni di abitanti, gli aventi diritto al voto sono 214 milioni, essendo esclusi circa 3 milioni di carcerati e condannati, in gran parte neri e ispanici. Ma per votare bisogna iscriversi e ciò ha un costo monetario, burocratico e di assenza dal lavoro . (*)
Democratici e Repubblicani riescono ad aiutare i propri potenziali elettori ad iscriversi, raggiungendo circa l’80% degli aventi diritto.
Di questo 80%, 171 milioni, solo il 67%, partecipa al voto; quindi 114 milioni, pari al 53% degli aventi diritto.
E quando si tratta di elezioni che definiscono solo la composizione del Congresso nazionale, le persone a votare sono ancora meno. Nel 2014, l’anno più recente in cui si è tenuta un’elezione di metà mandato negli Stati Uniti, soltanto circa il 43% di quell’80 % iscritto alle liste elettorali si è presentato alle urne, quindi 73 milioni, pari al 34%.
Bush fu proclamato ‘eletto’ senza ultimare il controllo delle schede e dei dati ‘strani’ provenienti da due Stati, mentre Obama, l’uomo più potente del mondo, fu eletto con il 50,53 % dei votanti , quindi con il consenso del 27% degli americani aventi diritto al voto.
Il dramma è che per assecondare i programmi delle famiglie della grande finanza, proprietarie del denaro e delle multinazionali, gli USA fanno guerra, colpi di Stato e sostegno al terrorismo contro Stati la cui Banca Centrale non è in mano alla grande finanza … in nome di una Democrazia che è loro totalmente estranea.

Ma gli americani, secondo la narrazione dei media e dei partiti della grande finanza, sono un popolo libero e ricco!
La recente uccisione delle due suore cattoliche nel Mississipi, oltre alle notizie sugli scontri razziali, ha fatto emergere uno spaccato sociale davvero scioccante, visto che gli stessi media dediti alla elegia del turbo-capitalismo USA, ci hanno detto che le due suore erano impegnate nella assistenza ai poveri. I poveri ?  In America ?
Molti piddini & complici, aiutati dalla scomparsa della notizia, avranno pensato ad un errore ; invece i dati USA ci dicono che 1 americano su 6 è poverissimo, mentre un terzo degli americani (100 milioni) è poverissimo o continuamente in bilico sul crinale della povertà.
Il ’sogno’ capitalista americano ha prodotto la distruzione della ‘classe media’, la ricchezza si è sempre più concentrata nelle mani dell’ 1% e un americano su tre è povero!
Ma ai loro governi, ai loro partiti e ai loro media occidentali interessa il plauso e la benevolenza di banche e multinazionali, non gli interessi del popolo.
Fernando Rossi

———————–
(*) Il caotico sistema di voto USA , tra Grandi Elettori, Stati votanti, finanziamenti delle multinzionali, finanziamenti di Isreaele e Arabia Saudit, potere dei media, ecc.
- http://www.ilpost.it/…/05/13/affluenza-elettorale-stati-un…/
- http://www.eastjournal.net/archives/22448

Nessun commento:

Posta un commento