mercoledì 21 dicembre 2016

Terroristi tremate, è arrivata la soffiata di Rita Katz, l'informatrice "altra"


Risultati immagini per infiammazione di massa

Mentre i “mezzi di infamazione di massa”, impegnatissimi nel debellare il vero cancro della politica italiana – al secolo Raggi Virginia – omettono di dire ciò che gli italiani dovrebbero sapere…..
·         il PD farebbe bene a tacere su Raffaele Marra”, perché in realtà prima e più che la Raggi, fu Marino a promuoverne il ruolo in comune! (Franco Bechis),
·         accertata pericolosità sociale del Parlamento italiano, ben lieto di affittare a Scarpellini lussuosi immobili,che avrebbe invece potuto comprare, risparmiando denaro dei contribuenti” (Maurizio Blondet)
..…su La7 Chicco Mentana fa lo scoop degli scoop in prima serata: la capa della più importante società al mondo che verifica i video dell'ISIS – al secolo Rita Katz – forse sa qualcosa del fattaccio di Berlino. Sorge spontanea la domanda: Enrico, ma


 

direttrice e co-fondatrice, di Site - Searh for International Terrorist Entities - vale a dire il sito di monitoraggio Usa dei jihadisti sul web, fondato insieme a Josh Devon, grazie all’aiuto di diverse agenzie federali statunitensi e gruppi economici privati.

Rita Kazt, caro Chicco, continua a dire di scovare i suoi video in alcune chat room jihadiste protette da password. Ci monta su il logo del Site e li distribuisce al mondo con una traduzione in lingua inglese. Così costruisce la realtà, o buona parte di essa, sui filmati e le minacce dello Stato islamico oggi, e di al Qaeda ieri.

Ma chi ci dice che una società privata, con risorse limitate, possa svolgere un lavoro migliore delle agenzie governative?

Non pensi che sarebbe opportuno che tutti noi ci domandassimo quale sia la vera natura del Site e la reale attendibilità di certe notizie. Perché è su queste notizie che Pinotti e Gentiloni definiscono i nostri interventi militari in giro per il mondo. Non trovi?

Adriano Colafrancesco

Nessun commento:

Posta un commento