sabato 5 agosto 2017

Venezuela, come banco di prova, e nemesi a 5 stelle


Immagine correlata

Venezuela: ma il Movimento Cinque Stelle a nome di chi parla? 

Ce lo eravamo già chiesto, un mese fa, dopo che Luigi di Maio, rinnegando  le innumerevoli prese di posizione del Movimento Cinque Stelle, annunciava l’accettazione della NATO. Ma, almeno, di Maio era (ed è) un esponente di punta della galassia griillina. 

Ce lo chiediamo ora davanti alla condanna senza appello del governo Maduro che il blog ufficiale di Grillo affida alla penna di tale Giorgio Beretta, esponente di quella “Rete per il disarmo” (CGIL, ARCI, Un Ponte per…) in prima fila nella sponsorizzazione delle guerre contro la Libia, Donbass, Siria… osannate  dalla "Sinistra Imperiale” di Soros  e della Boldrini (con l'appoggio vaticano ndr). 

L'immagine può contenere: una o più persone

Certo, il profumo delle prossime elezioni che potrebbero portare i Cinque stelle al Governo inebria e, in fondo, si tratta del solito marketing elettorale al quale ci ha abituato Grillo. 

Ma scavalcare a destra Gentiloni rinfacciandogli di non applicare sanzioni contro il Venezuela mi sembra, più  che una infamia, un suicidio politico che allontanerà dai Cinque Stelle i tanti che lo avevano visto come un punto di riferimento (anche elettorale) contro il dilagare delle guerre del Capitale.

E, a proposito di elezioni, mi sembra suicida l’atteggiamento dei tanti parlamentari Cinque Stelle NOWar che ora restano acquattati in silenzio davanti a questo stravolgimento di una linea politica intorno alla quale erano riusciti a coagulare tanto consenso. Ma cosa sperano? Che il rampollo di Casaleggio conceda ad essi un secondo mandato parlamentare? Se è così è meglio che si ravvedano. 

Già  si annunciano “grandi nomi” per le liste elettorali Cinquestelle. A chi volete che interessi pur ottimi attivisti che, unici nel panorama politico, hanno saputo creare un movimento di opposizione?

Francesco Santoianni

Risultati immagini per nemesi a 5 stelle

Articoli menzionati:  

 

1 commento:

  1. Commento di Giuseppe Zambon:

    “DI BATTISTA DOVE SEI? TI HANNO GIA‘ CONFINATO A GUANTANAMO?”

    RispondiElimina